Categorie

Carlo Goldoni

Editore: Mondadori
Collana: Oscar classici
Edizione: 2
Anno edizione: 2002
Formato: Tascabile
Pagine: 175 p.

57 ° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Classici, poesia, teatro e critica - Letteratura teatrale

  • EAN: 9788804508472

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Renato Mite

    16/12/2014 21.25.54

    Fra i clienti della locanda di Mirandolina ci sono un conte, un marchese e un cavaliere. Il cavaliere ha in disprezzo le donne e non nasconde questa avversione, invece i primi due corteggiano in ogni modo la locandiera che non ricambia, nel frattempo il cameriere Fabrizio ama la donna senza dichiararsi. Mirandolina decide per scherzo e per principio di far cambiare al cavaliere l'opinione che ha delle donne, usa quindi tutti gli stratagemmi femminili fino a far innamorare l'uomo di sé. A quel punto Mirandolina si rende conto di aver fatto un torto all'uomo perché non è affatto interessato a lui. La situazione degenera, il cavaliere vuole l'amore di Mirandolina ma non ha il coraggio di dichiarare il suo amore in pubblico e salva la reputazione grazie alla sua notoria misoginia, anche se è risentito. La situazione si districa e Mirandolina non solo mette giudizio ma prende anche marito. Vi lascio scoprire come. Leggere una commedia è certo più difficile che leggere narrativa in prosa perché, a parte alcune indicazioni sceniche, si tratta di uno scambio di battute fra i personaggi; nonostante ciò, Carlo Goldoni ha saputo trasmettere attraverso le parole dei personaggi il loro carattere e le loro emozioni. Ad esempio l'orgoglio ferito del cavaliere e la determinazione di Mirandolina. Consiglio la lettura di questa commedia anche per riscoprire alcune parole ed espressioni italiane del '700.

  • User Icon

    Lady Libro

    09/01/2013 14.53.32

    Più che una recensione, questo vuole essere un commento breve. Non solo perché il libretto è molto piccolo (non ha nemmeno novanta pagine) ma perché non ho molto da dire al riguardo, poichè l'intera vicenda scorre troppo rapidamente, lasciando in sospeso un mucchio di cose: in pratica mi è scivolata addosso come acqua sul vetro, suscitandomi soltanto indifferenza. Vuoi perché è una commedia e le opere di questo tipo non hanno una trama particolarmente dettagliata e corposa, ma "La locandiera", considerato il capolavoro di Goldoni, non mi è piaciuto granchè. C'è chi la definisce divertente, ma personalmente io non ho riso nemmeno una volta da tanto l'ironia presente è sottile, quasi impercettibile. E anche banale e scontata, devo ammettere. Mirandolina, in primis, non l'ho proprio potuta soffrire: l'ho trovata un personaggio semplicemente cattivo e subdolo, una fredda calcolatrice, e mi stupisce non poco il fatto che tutti le corrano dietro come cagnolini. Ma come diamine fa il Cavaliere di Ripafratta a cadere ai suoi piedi dopo nemmeno due secondi? Vabbè, è una commedia, è corta e ha i suoi tempi, quindi questo glielo si può concedere. Inoltre, trovo che la storia sia piena zeppa di personaggi inutili e senza scopo, piazzati lì solo come riempitivo per allungare il brodo. Per me si salva solo il Marchese di Forlipopoli che è l'unico che mi ha fatta veramente sorridere, per il semplice fatto di essere spiantato ed avaro, ma nonostante ciò arrogante e presuntuoso in quanto considera i suoi pochi e miseri averi come ricchezze supreme. Chi l'ha letto o ne conosce la trama sa com'è il finale, che mi ha lasciato un sacco di interrogativi: la scelta della bella locandiera è dettata dalla rassegnazione, dalla costrizione o da un sentimento sincero? Non lo saprò mai, evidentemente.

  • User Icon

    Maria Grazia

    27/07/2008 22.06.26

    La Locandiera è un'opera teatrale ancora perfettamente attuale, anzi penso che donne come lei se ne trovino più oggi che ai tempi di Goldoni perché ritiene che l'amore sia più un gioco che una cosa seria e alla fine per salvarsi opta per l'opzione più semplice e ovvia. Complimenti a Goldoni per avere avuto il coraggio 300 anni fa di creare un'opera simile che ancora oggi possiamo ammirare e diversa dalle solite commedie

  • User Icon

    Joey90

    30/08/2007 10.29.20

    Quest'anno,a scuola abbiamo messo in scena "La locandiera",quindi volente o nolente ho dovuto leggere l'opera di Goldoni e sebbene prima fossi molto prevenuta,devo dire che oltre ad avermi divertito mi è davvero piaciuta un sacco e ora come ora posso dire di adorare Goldoni.

  • User Icon

    Farfy '84

    01/03/2005 18.26.00

    Premettendo che io amo in particolar modo il teatro sia visto che letto, do il massimo dei voti a questo libro che ho letto 6/7 anni fa ma che ricordo benissimo in quasi ogni particolare come se avessi appena terminato di leggere, così come mi ricordo benissimo il divertimento che ho provato leggendolo, non c'è che dire Goldoni è davvero un ottimo scrittore di teatro!

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione