Categorie

Giulio Busi

Editore: Einaudi
Anno edizione: 2003
Formato: Tascabile
Pagine: XIII-190 p.
  • EAN: 9788806165840
Usato su Libraccio.it € 5,29

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Fabrizio Porro

    22/02/2015 22.24.38

    Gerusalemme: sembrerebbe promettere Shalom, pace, già dal nome. La parola Yerushalayim è stata per secoli interpretata dalla tradizione ebraica come «fondazione di pace (Shalom)». In realtà, questo toponimo vecchio di migliaia di anni significa probabilmente «fondazione di Shalem», luogo consacrato a Shalem, l'antica divinità semitica che era qui venerata prima dell'arrivo degli Israeliti. Dopo la fine del governo ottomano e il passaggio al regime mandatario britannico, Gerusalemme scoprì una nuova vulnerabilità. A minacciarla non era più un assediante giunto da lontano, ma la rivalità interna, contro cui nulla potevano le mura in pietra bianca. Anche nei lunghi intervalli di calma apparente, i quartieri musulmani e arabo-cristiani hanno custodito una lacerazione culturale sempre pronta a dichiararsi. Gerusalemme, nomadismo dell'anima: «Se io ti dimentico, o Gerusalemme, dimentichi la mia destra le sue funzioni, resti la mia lingua attaccata al palato se io non mi ricordo di te, se non metto Gerusalemme al disopra d'ogni mia allegrezza». Così ci riferiscono i Tehillìm, ovvero i Salmi. Yerushalayim. Ora e per sempre. Sulle labbra e nel cuore, appunto.

Scrivi una recensione