LoStileOstile

Artisti: Marta Sui Tubi
Supporto: Vinile LP
Numero dischi: 1
Etichetta: Believe
Data di pubblicazione: 6 maggio 2016
  • EAN: 8051411740933
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 25,50

Venduto e spedito da IBS

26 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:
Aggiungi al carrello
Descrizione

LOSTILEOSTILE è il sesto esplosivo disco dei MARTA SUI TUBI.“Cinque, la luna e le spine”, contiene tredici canzoni eterogenee, potenti,delicate, emozionanti, fuori dagli schemi.La rinnovata visione delle potenzialità di voci, chitarra, batteria e synth porta laloro musica verso un sound che tiene conto della strada percorsa sino ad ora,attualizzandone le forme e confermando lo spirito indomabile e controcorrente.Prodotto dagli stessi Marta sui Tubi con la libertà e condivisione di idee garantiteda una campagna di crowdfunding di successo e mixato dalle sapienti mani diLoris Ceroni, LOSTILEOSTILE è un disco che mette i MARTA SUI TUBI al centrodella scena musicale italiana come una delle formazioni più originali e creative.

Disco 1
  • 1 Amico Pazzo
  • 2 D1H (Più Di Un’Ora)
  • 3 Con Un Sì
  • 4 Da Dannato
  • 5 Il Delta Del Poi
  • 6 Spina Lenta
  • 7 Rock And Roipnoll
  • 8 Un Amore Bonsai
  • 9 Un Pizzico Di Te
  • 10 Qualche Kilo Da Buttare Giù
  • 11 La Calligrafia Di Pietro
  • 12 Niente In Cambio
  • 13 L’Impossibile

Non sono mai stati realmente di moda. Mai piaciuti troppo alla Gente Che Ne Sa (della quale questa fortunata epoca è strapiena). Ed è forse questo che porta a un disco del genere, una sorta di battaglia per riaffermare ed esaltare le proprie posizioni artistiche – al di là di un fastidio evidente nel notare che, mentre ad altri si elargiscono coccole deliziate, a loro toccano sbuffi e sufficienza (vedi il testo di Dannato: “Mettici la faccia, prima di giudicare, mettici la faccia, fammi vedere quello che sai fare oppure vattene affanculo – a-fa-ncu-looo!”). Così, forti del concreto sostegno dei fan (il crowdfunding), rispondono con un’affermazione potente e netta di ciò che sono, e con l’intenzione di continuare su tale strada. Perché è l’unica che gli somiglia. Fatta di ottovolanti vocali e verbali inequivocabili, di una rara ampiezza dello spettro ritmico, e di uno slancio che cerca di spingersi oltre la “condivisione” immediata in cambio di qualcosa che possa resistere quando cambia il gusto del mese. Voto 4/5

Recensione di Paolo Madeddu