Categorie

Paola Capriolo

Editore: Mondadori
Anno edizione: 2005
Pagine: 166 p. , Rilegato
  • EAN: 9788804535188

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    emanuele minardo

    13/05/2006 13.40.58

    Una miriade di fluidità che si allarga, sciolta in uno stagno silenzioso, ….. un coinvolgimento alla pari dell’intero intento della dinamica delle pagine che preparano alle rievocazioni per un tutt’uno sommerso (96). Le finali ricercate un distico poetico tagliato (11, 23, 29, 74, 76, 77, 85, 94, 102), chiusure che germogliano luce e affievoliscono di tenebre le considerazioni (13, 97, 98, 101). E’ un continuo raffrontarsi con la cosa creata, in un rapporto-confronto impari alla mente. La trama, cercata disperatamente dal lettore, è nel racconto …… delle minuzie, delle trasformazioni e del secondario ingrandito (32). Dalla metafora della notte alla chiarezza della storia ( 67). Una danza di concetti. Immediata nella descrizione. Lineare e uniforme registro e scelta cadenzata del lessico e forme sintattiche del periodo con lucida abnegazione perversa e magia della perversa lucidità anche in manifestazioni liriche. Non mi affascina la trama, mi prende il suo modo di narrare e descrivere mai fermandosi; mi piace il fluire delle parole e il costrutto sintattico e il crescendo del lessico (116). Il muoversi della vita all’alba, i tremori della vita a sera (128). Mi calmano soltanto le pagine al XXVI ed al XXVII. Immette con e in altre immagini e sensazioni. Indugia pienamente nel non andare al punto (131). Un palcoscenico di reazioni pirandelliane (132) che porta sempre all’essenzialità del concetto creatura (141). Lì è il migliore capitolo (XXVII) in serenità accattivante e curiosità di narrazione. Conduce il lettore (saper prevedere e anticipare le considerazioni in atto) all’auto coscienza ed all’auto ironia. Non trascura gli aspetti inferenziali (158). La musicalità del fraseggio mi evoca un fresco John Steinbeck. Non manca nelle finali una certa cadenza di richiamo omerico.

  • User Icon

    Sandro Boscaro

    21/02/2006 17.10.09

    Non male. La vicenda non e' gran che, ma il libro si impone comunque per la grande qualità della scrittura, ricercata e raffinata.

  • User Icon

    ant

    11/02/2006 15.13.54

    Troppo pretenzioso ,di non facile lettura

Scrivi una recensione