Categorie

José Saramago

Traduttore: R. Desti
Editore: Feltrinelli
Anno edizione: 2013
Formato: Tascabile
Pagine: 325 p. , Brossura
  • EAN: 9788807882869

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Moreno

    18/07/2015 07.23.27

    Un Saramago dalla scrittura fresca, assolutamente scorrevole, dalla sintassi semplice. Ancora lontano, insomma, da quello che sarà poi il suo inconfondibile stile, e per questo fruibile anche da chi eventualmente non dovesse apprezzare lo stile dell' età matura e della notorietà. Non per questo è però un' opera futile, anzi... Qui lo scrittore ha attinto, con la maestria che gli era evidentemente già propria, in quel caleidoscopio di personaggi che popolano un condominio degli anni '50 in Portogallo, fra le cui mura si svolge tutto il romanzo. In questo habitat, ricordando un po' le ambientazioni tipiche dei romanzi della tradizione russa, grazia alla sua potentissima lente di ingrandimento psicologica, Saramago ha osservato e descritto, con precisione e con avvincente introspezione, tutte le piccolezze, le meschinità, i vizi, le contraddizioni, le aspirazioni, i sogni infranti, le inquietudini, gli affanni, i limiti, di questo micro-cosmo. Il tutto è peraltro ancora perfettamente attuale. Ma nel romanzo vi è pure la presenza di un personaggio che definirei 'bohemienne', il quale in qualche modo restituisce motivo di speranza, di ricerca, di riflessione, e perché no, forse, di redenzione.

  • User Icon

    nora

    28/12/2014 19.05.10

    Un Saramago che non ti aspetti. Uno stile fresco, scorrevole, giovane, come lo era lui quando lo ha scritto e non era ancora nessuno. I segni di quello che sarebbe diventato nel libro ci sono già tutti, nascosti nella narrazione appaiono piccoli preziosi germogli: citazioni, frasi, riflessioni che ritroveremo nella sua scrittura in maturità. Saramago ci racconta la storia di un condominio di Lisbona negli anni cinquanta: un microcosmo abitato da vari campioni d'umanità: c'è la coppia unita da un sadico odio reciproco, mogli e mariti che hanno finito di parlarsi e vogliono solo volare via, mantenute e magnacci, brave ragazze che decidono forse di non esserlo più, affettività represse causa di rapporti familiari torbidi e infine ci sono loro, i personaggi più importanti, filo conduttore della storia: il vecchio e saggio calzolaio Silvestre, che ha visto tutto della vita, e che si aggrappa all'ultimo sogno " di amore lucido e attivo" come motore per il futuro e Abel, giovane anticonformista e intellettuale, che ha conosciuto la vita, disincantato e alla ricerca della propria strada. Le loro vite si intrecciano per un breve periodo e dai loro incontri-scontri, nascerà un reciproco rispetto, una grande amicizia. Un libro di grande profondità che denota la profonda conoscenza dell'autore dell'animo umano.

  • User Icon

    carlo

    11/06/2014 17.07.11

    Pessimo. La seconda stella è per rispetto del Nobel.

  • User Icon

    Francesca

    12/01/2014 23.26.37

    Sesto libro letto del grande premio Nobel. Amo questo autore ed ho trovato anche questa una grande lettura. E' uno dei suoi primi scritti e già se ne intravede la mano che scriverà i successivi capolavori. Bello l'approfondimento introspettivo dei vari personaggi che dà spunti per riflessioni senza appesantire il racconto.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione