Categorie

Roberto Alonge

Editore: Laterza
Edizione: 3
Anno edizione: 2006
Pagine: 188 p. , ill.
  • EAN: 9788842053057

scheda di Vindrola, A., L'Indice 1998, n. 1

Bertolt Brecht, Gordon Craig, Jacques Copeau sono stati gli autori che la collana "Il teatro del XX secolo", curata da Nicola Savarese, ha considerato sinora nel disegnare il panorama teatrale del Novecento. Al criterio dell'importanza drammaturgica si unisce, evidentemente, anche un criterio geografico, e così, dopo la volta di Germania, Inghilterra e Francia, questo volume porta alla ribalta la voce più importante del teatro italiano, Luigi Pirandello. L'approccio di Alonge - forse per favorire la leggibilità a un pubblico di lettori che è facile immaginare consista in gran parte di studenti - è biografico, seppur nei termini di una biografia teatrale. Di Pirandello viene ripercorsa la carriera drammaturgica, tenendo ai margini quella più strettamente letteraria, iscrivendola nelle istanze di un panorama teatrale - italiano e straniero - che sta scoprendo nuove necessità e nuovi modi di conformarsi. Il drammaturgo Pirandello non diventa mai un "uomo di scena" in senso stretto, ma impara dalla convivenza con la vita di palcoscenico, nel rapporto con gli attori, a modificare la propria scrittura a misura dei bisogni del teatro agito. Senza alcuna concessione agiografica, Alonge suddivide in quattro tappe il percorso pirandelliano: dalla fuga dalla Sicilia alla stagione della collaborazione con Martoglio e Musco, fondamentale nell'approfondire la conoscenza del lavoro dell'attore; dall'allestimento dei "Sei personaggi", che segna il distacco dalle formule teatrali ottocentesche e la ricerca di un nuovo linguaggio teatrale, all'ingresso di Pirandello nella scena internazionale, con l'esperienza dei teatri di Germania, il complesso rapporto con Marta Abba, l'"occasione mancata" del cinema. Un capitolo è infine dedicato a far piazza pulita dell'abbondante saggistica critica, della quale Alonge salva una ventina di titoli che possono costituire un buon corpus di base per orientarsi.