-15%
La mano mozza - Blaise Cendrars - copertina

La mano mozza

Blaise Cendrars

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: Raphael Branchesi
Editore: Elliot
Collana: Biblioteca
Anno edizione: 2014
In commercio dal: 30 settembre 2014
Pagine: 271 p., Brossura
  • EAN: 9788861924710
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 16,58

€ 19,50
(-15%)

Punti Premium: 17

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

La mano mozza

Blaise Cendrars

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


La mano mozza

Blaise Cendrars

€ 19,50

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

La mano mozza

Blaise Cendrars

€ 19,50

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Cronaca di episodi realmente vissuti (almeno in parte) dall'autore durante il primo conflitto mondiale, "La mano mozza" è una delle opere più straordinarie tra quelle che hanno saputo raccontare e, per certi versi, reimmaginare la Grande Guerra. Più visionario dei capolavori di Dos Passos e Hemingway, più estremo di Celine, racconta la storia di un gruppo di soldati della Legione Straniera sul fronte della Somme, sbandati fomentati da ogni barbarie, pronti a morire per una patria non loro. Tra questi sgomita lo stesso Cendrars: primo per efferatezza, primo nell'affrontare il pericolo, primo nelle bestemmie. Primo, in fondo, vero romantico. Finché il 26 settembre del 1915 una raffica di mitragliatrice gli porta via la mano destra. Pubblicato in Francia nel 1946, questo classico di culto torna oggi per il pubblico italiano in una nuova traduzione.
4,33
di 5
Totale 6
5
3
4
2
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Antonio Aniello

    18/09/2018 12:37:49

    Cendrars ha vissuto l’orrore delle trincee della Grande guerra e ce lo ha descritto con estrema realtà e grande lucidità. Un monito, attraverso un grande libro, di un uomo che parla agli uomini, racconta l’inferno esteriore ed interiore in cui si può essere calati, non sempre con un perché. Partiamo dalle trincee francesi, meditiamo su ciò che è stato affinchè i fantasmi siano seppelliti nel tempo!

  • User Icon

    Nicolò Zennaro

    01/11/2015 16:51:13

    Tra i numerosi romanzi, autobiografici e non, incentrati sulle vicende della Prima guerra mondiale che ho letto finora, questo, a mio parere, è il più vivo ed il più umano di tutti. Dalle pagine de "La mano mozza" traspare l'essenza dell'autore, che non nasconde nulla al lettore, dai fatti più crudi a quelli più sereni, delle varie sfumature di vita avventurosa e bohémien che ha vissuto e delle sue esperienze più intime. La composizione del libro è molto particolare, infatti Cendrars non narra gli eventi seguendo un criterio cronologico ma attraverso sbalzi temporali irregolari e disomogenei, quasi come se stendesse il suo racconto man mano che gli episodi passati gli ritornano in mente. Consiglio questo libro a tutti coloro che desiderino leggere un racconto sulla Grande Guerra fuori dagli schemi, dove ironia, esperienze di vita pura, dolori immensi e reali creano uno stato di empatia e di cameratismo tra il lettore e l'autore.

  • User Icon

    Renzo Montagnoli

    11/04/2015 10:11:25

    Non si conoscono i reali motivi per i quali Blaise Cendrars, pseudonimo di Frédéric-Louis Sauser, si arruolò nella Legione Straniera, corpo militare francese per lo più rifugio di gente che in tal modo voleva nascondersi. Lì ognuno diventava un perfetto sconosciuto e date le missioni non infrequentemente pericolose, anzi molto pericolose, o si diventava dei fegatacci, o si moriva. Non stupisce quindi che Cendrars abbia scritto un libro sulla sua esperienza personale nel corso del primo conflitto mondiale in cui c'è sì un'accusa alla guerra, ma che nel complesso appare blanda, come se la stessa fosse stata con i suoi orrori metabolizzata dall'autore ormai diventato appunto un fegataccio. Premetto che La mano mozza, nonostante la lunghezza, non può essere definito un vero e proprio romanzo, bensì una raccolta di racconti in cui l'autore disegna dei personaggi a volte con ilarità e altre con malinconia; sono uomini sconosciuti, compagni di avventure e di sventure che grazie alla penna dell'autore trovano una momentanea notorietà, per poi ripiombare nell'oblio, poiché questo modo di impostare la narrazione li rende ben presto superati. Personalmente non mi sono particolarmente emozionato a scorrere queste pagine anche se ogni tanto ho avvertito una certa sincerità di Cendrars, che è mia opinione si sia inventato buona parte delle vicende, ed è in questi casi che si prova una certa commozione di fronte a una tragedia umana. La lettura, però non è agevole, poiché c'è quasi un'ossessiva ricerca di uno stile ricamato che stona con certe situazioni; inoltre è sempre presente un tono di autocompiacimento che infastidisce non poco e così l'autore, che è l'io narrante, è furbo, intelligente, bravo e coraggioso, mentre tutti gli altri sono solo dei poveri fessi, messi lì solo per esaltare, a contrasto, le sue doti. La mano mozza non è di certo un capolavoro, ma un libro solamente discreto.

  • User Icon

    ton

    20/02/2015 18:33:03

    Mi sto dedicando alla lettura di libri sulla 1^ guerra mondiale, in occasione del centenario, e questo è un libro che mi è stato consigliato . Visioni di guerra di un francese della Legione straniera: intenso, aspro, crudo.

  • User Icon

    massimo

    12/11/2014 11:01:31

    Romanzo sulle memorie autobiografiche di Cendrars allora fante di trincea nella prima guerra mondiale in Francia. Con prosa veloce e un poco guascona l'autore ripercorre le sue esperienze di guerra attraverso le storie di tanti suoi commilitoni. Interessante, anche se un poco ripetitiva,testimonianza sugli orrori e l'insensatezza della guerra.

  • User Icon

    claudio

    08/11/2014 16:07:39

    Bel romanzo autobiografico sulla prima guerra mondiale: la vita in trincea, la precarietà dell'esistenza dei soldati al fronte. Bellissima prosa per descrivere l'assurdità della guerra, e lo stesso autore non ne faceva mistero parlando anche con i suoi superiori, cosa che, insieme ad altre intemperanze del suo comportamento gli costarono non pochi problemi al fronte. Molti capitoli del libro sono dedicati a singoli compagni d'armi che poi sono morti o che poi lui ha ritrovato a distanza di molti anni. Uno degli ultimi capitoletti è dedicato poi a tutti quelle persone sconosciute ma che non hanno avuto una sorte molti diversa di quella dei compagni dell'autore. L'autore era arruolato nella Legione Straniera e quindi, pur essendo militare, non faceva parte dell'esercito francese. Bellissima testimonianza che vale la pena assolutamente di leggere.

Vedi tutte le 6 recensioni cliente
  Tra le narrazioni autobiografiche sulla Grande guerra, La mano mozza (1946) di Blaise Cendrars merita un posto di primo piano per l'originalità della testimonianza e la ricchezza del linguaggio che la esprime. La guerra si manifesta a Cendrars innanzitutto come pagaïe, confusione, baraonda; il regno dell'insensatezza e del caos, la prova definitiva, per il disincantato poeta e avventuriero, che Dio è assente dal deserto di senso in cui si affannano gli uomini. In questo caos il narratore s'immerge con disillusa vitalità, vive quest'esperienza disumana "bevendola fino alla feccia", fino a uscirne trasformato, a diventare un altro uomo (coerentemente con il riferimento simbolico dello pseudonimo che si è scelto, che richiama le ceneri della fenice). Ma, in tale immersione, non c'è nessun gusto estetizzante, come ben chiarito nel dialogo, posto verso la fine del racconto e dotato di un'indubbia valenza di indicazione ermeneutica, fra il protagonista della narrazione e il bizzarro poliziotto-poeta che lo raggiunge nelle trincee. Se lo svizzero giramondo che sceglie di arruolarsi come straniero nell'esercito francese per "odio verso i crucchi" non nasconde comunque un certo compiacimento nel mettersi alla prova in ogni situazione, anche la più estrema, lo scrittore che, trent'anni dopo la fine dell'esperienza bellica (conclusa a seguito della ferita che gli è costata l'amputazione del braccio destro), affronta quella memoria incandescente sceglie un approccio mimetico nei confronti del caos di fango e di sangue che la guerra è stata ai suoi occhi. Lo fa con una narrazione che non segue la successione cronologica degli eventi, ricca di divagazioni, flashback, aneddoti, spesso picareschi, che s'incastrano uno nell'altro a matrioska, e, soprattutto, con una scrittura plurilinguistica, inventiva e piena di gergalismi. Netto è il contrasto con il maggiore testo narrativo della nostra letteratura sulla prima guerra mondiale: Un anno sull'altipiano, in cui Lussu sceglie di far fronte a una materia altrettanto insensata e ai limiti dell'umano con prosa limpida e lucida ironia. Cendrars rifiuta il classicismo tradizionale della prosa francese e inventa una lingua adatta al suo scopo. In questo, così come nel cinismo ostentato e nell'importanza dell'aspetto visivo, con le notti di guerra descritte come fantasmagorici spettacoli di luce, può avvicinarsi a Céline, da cui lo distinguono, però, la scelta di buttarsi a capofitto nella battaglia e il rifiuto della lâcheté. All'interno di tale narrazione aspra, linguisticamente modellata sull'argot dei faubourgs parigini, trovano spazio (specialmente nella parte più memorabile del racconto, quella delle avventure da guerriglieri della piccola squadriglia di apolidi guidata dal protagonista nelle paludi di Frise: "la piccola guerra nella grande guerra") improvvise descrizioni paesaggistiche che, fornendo lo sfondo di una natura ostile alla lotta di uomini già impegnati allo spasimo e affiancando respiro epico e spietata anti-retorica, possono ricordare al lettore italiano, pur con le dovute differenze, alcune pagine di Fenoglio. Né mancano gli episodi umoristici (buona parte del libro sembra tendere, con tutta la forza della disperazione, verso il riso), normalmente in forma dialogica, come lo spassoso interrogatorio di un soldato tedesco davanti a un bonario generale vieille France, a fare da contrappunto alle pagine che hanno solo il sapore del sangue, del fango e dell'alcool abbondantemente ingurgitato dai soldati per affrontare tanto orrore. L'esperienza di guerra di Cendrars è resa peculiare dal suo aver militato in una compagnia di stranieri, apolidi, irregolari, arruolatisi nelle file francesi per ideale o per bisogno, per eccentricità o per desiderio di integrazione. Se, nello stesso anno in cui esce La mano mozza, Calvino inventa volutamente, nel Sentiero dei nidi di ragno, la più sgangherata delle bande partigiane, Cendrars rievoca una galleria eterogenea di personaggi provenienti da ogni parte del mondo, di parigini di origine straniera, discendenti dei rivoluzionari accorsi a Parigi nel 1848 o nel 1870, che, disprezzati dagli ufficiali di carriera (alla cui insipienza e alterigia Cendrars riserva critiche feroci), si battono e muoiono nella più totale insensatezza, pedine della storia e carne da macello nei massacri del fronte occidentale. E in questa serie di ritratti, asciutti e insieme profondamente umani e segretamente affettuosi, risiede il fascino maggiore del libro. Il narratore, a volte, può risultare irritante, nel suo porsi come personaggio quasi "celliniano", in grado di uscire incolume da ogni peripezia e dotato delle competenze e dei talenti più eclettici, ma il suo sguardo non è in realtà rivolto su di sé, sul proprio vissuto, ma sugli altri, su quell'accozzaglia di diseredati con cui ha condiviso un anno ai confini dell'inferno e che in gran parte non sono sopravvissuti. Il suo è un omaggio a questi dimenticati, sradicati e senza patria come lui, e proprio l'assenza di ogni abbellimento retorico rende i suoi ritratti tanto vividi, veri, umani. E, da scrittore, li omaggia soprattutto resuscitando il loro linguaggio, quell'argot dei faubourgs parigini, ora scomparso, tipico degli artigiani, del popolo minuto, dei bohémiens e dei papponi dei boulevards, una lingua così intrisa di scetticismo e di disincanto, e insieme così viva, concreta ed umana, da risultare l'unico argine possibile nei confronti dell'inumano e dell'indicibile. Una lingua che pone enormi difficoltà a qualsiasi traduttore. Sfortunatamente, la traduzione di questa nuova edizione italiana del capolavoro di Cendrars è spesso, nonostante alcune felici soluzioni, sciatta ed imprecisa, oltre che timida nel tentativo di rendere l'inventiva linguistica dell'originale; in ogni caso, non all'altezza di quella storica messa a punto da Giorgio Caproni nel 1967.     Andrea Bianchi  
  • Blaise Cendrars Cover

    (La Chaux-de-Fonds, Svizzera, 1887 - Parigi 1961) poeta e narratore francese di origine svizzera. Condusse vita errabonda, viaggiando in tutti i continenti. Dopo alcune raccolte di versi (La leggenda dell’oro grigio e del silenzio, La légende de Novgorod, 1909; Pasqua a New York, Les Pâques à New York, 1912; La prosa del transiberiano e della piccola Giovanna di Francia, La prose du transsibérien et de la petite Jehanne de France, 1913), scrisse numerosi romanzi, spesso di carattere autobiografico, avventuroso ed esotico: L’oro, L’or, 1925; Moravagine, 1926; Le confessioni di Dan Yack, La confession de Dan Yack, 1929; La vita pericolosa, La vie dangereuse, 1938; La mano mozza, La main coupée, 1946; Bourlinguer, 1948. Lavorò anche in... Approfondisci
| Vedi di più >
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali