Categorie

Maria Bellonci

Anno edizione: 2004
Formato: Tascabile
Pagine: VII-265 p. , Brossura
  • EAN: 9788817117630

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    barbagianni39

    27/08/2014 20.41.22

    Uno splendido volgarizzamento del Milione, grazie alla penna impareggiabile di Maria Bellonci. Non è certamente una scoperta per chi ha già letto gli altri romanzi dell'autrice. Consigliatissimo, specialmente per gli studenti, anche delle medie.

  • User Icon

    Renzo Montagnoli

    06/03/2013 17.41.50

    Nel Milione si descrive il viaggio nel lontano oriente compiuto dalla famiglia mercantile veneziana dei Polo (Marco appunto, il padre Niccolò e lo zio Matteo), un itinerario che appassionò subito i lettori del XIII secolo e che ancor oggi affascina. Stupisce anche l'interesse al riguardo di Maria Bellonci, legata com'è stata al Rinascimento italiano e alla vita di corti ben diverse da quelle che si trovano nel Milione, ma forse lo stupore ha una spiegazione nell'ascendente che questo libro ha sempre manifestato nei lettori. Quel mondo quasi sconosciuto, così diverso dall'Italia medievale, quegli spazi infiniti, un grandissimo sovrano come Kublai Khan, autentico signore e padrone di quel mondo sono aspetti che giustificano ampiamente il successo di quel libro. In questo Marco Polo Maria Bellonci rilegge quest'opera e ci racconta, con il suo ineguagliabile stile, questo viaggio avventuroso nell'impero del Gran Khan, partendo appunto dal momento in cui Marco Polo, prigioniero dei genovesi dopo la sfortunata battaglia di Curzola, detta questa sua esperienza a un altro detenuto, Rustichello da Pisa. E se Il Milione ha una nascita alquanto originale, altrettanto si potrebbe dire di questo libro della Bellonci; infatti l'origine è una sceneggiatura per il Marco Polo televisivo, trasmesso a puntate nel 1982; da questo lavoro in funzione del piccolo schermo la scrittrice piemontese ha tratto appunto il suo Marco Polo. Indubbiamente diverso dai suoi testi famosi, quali Lucrezia Borgia, Segreti dei Gonzaga e Rinascimento privato, mantiene tuttavia il rigore di una biografia strettamente attinente alla vita del protagonista, con una felice trasposizione narrativa che rende il tutto assai più scorrevole e di grande gradimento da parte del lettore. Senza essere didascalico, è caratterizzato dalla capacità di lasciare alla fantasia di chi legge immaginare, vedere con i propri occhi ciò che opportune e mai troppe indicazioni rendono possibile. Da leggere, senza dubbio.

  • User Icon

    Cinzia V.

    27/06/2008 15.08.41

    Bello! Un lungo viaggio in oriente raccontato da Marco Polo prigioniero mentre il suo compagno di cella munito di matita e temperino riporta i fatti su carta. Un giovanissimo figlio di mercante che durante il viaggio cresce dimostrando di meritare in pieno la fiducia dell'imperatore della Cina, Kubilai Khan.

Scrivi una recensione