Massime di un minimo

G. Mario Camboni

Editore: Oppure
Collana: Narrativa
Anno edizione: 2006
In commercio dal: 18 giugno 2007
Pagine: 64 p.
  • EAN: 9788889149935
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 6,65

€ 7,00

Risparmi € 0,35 (5%)

Venduto e spedito da IBS

7 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Lucia

    11/11/2012 18:25:34

    Non mi era mai capitato di comprare un libro con errori grammaticali. C'è sempre una prima volta! Contenuti un po' banali.

  • User Icon

    Rita Dettori

    28/04/2007 09:50:24

    Semplice e disarmante questo spaccato di vita tutto italiano. L'opera è ricca di spunti di riflessione risultato di una profonda introspezione psicologica serena e al contempo sofferta. Lo stesso autore non ha la pretesa di insegnare alcunché, invita però a mettersi in discussione, ad uscire dallo stato di rassegnazione che pervade quando, dopo vani tentativi di cambiare le cose ci si ritrova a far parte degli schemi che regolano i nostri vissuti recependoli come standard inevitabili. Positivo leggere di un giovane che crede nella forza dei sogni considerandoli progetti di vita. Arrivare alla fine del libro non è faticoso anzi lascia al lettore la sensazione di non aver perso tempo.

  • User Icon

    Paolo Coiro

    23/04/2007 12:31:28

    Il minimo è Gianmario Camboni, un giovane scrittore sardo che sviscera, commenta una notevole quantità di aforismi, di massime, di pensieri. Lo fa, appunto, con la coscienza di essere un “minimo”. Accezione per nulla negativa in questo caso, ma che tende a identificare lo scrittore nella sua immagine più nitida di persona comune, che esprime delle sue considerazioni redatte dalla sua esperienza di vita e dalle riflessioni intorno ai fatti. Camboni usa intenzionalmente uno stile linguistico semplice, fruibile per tutti. Proprio per questo, la fatica letteraria del nostro, si legge con la stessa piacevolezza e la stessa leggerezza con la quale si fa una chiacchierata al bar con un amico. A ragionar a profondità maggiori, questo libro potrebbe essere utilizzato proprio in questa maniera: leggere una massima di Gianmario, il suo commento, e confrontare il tutto con la propria lente d’ingrandimento. Tutto intorno a un tavolo, tra amici, conoscenti, amanti, sconosciuti. Verrebbero fuori sicuramente dibattiti e scontri verbali interessanti… E le classiche chiacchiere da bar, potrebbero garantirsi un tocco di significato in più. Bisogna affermarlo senza mezzi termini: Camboni si proietta verso quello che è il fine massimo della letteratura: mettere in quella grossa lavatrice che è la quotidianità, pensieri, idee, considerazioni, ispirazioni con le quali confrontarsi. Il tutto, per uscirne sicuramente accresciuti e fortificati nel proprio spirito critico. “Massime di un minimo”, un gradevole esempio di come la letteratura può assumere una funzione sociale; non solo i grandi scrittori possono mirare a obbiettivo cotanto nobile, ma anche "un certo" Gianmario Camboni.

Scrivi una recensione