Master of Reality

Artisti: Black Sabbath
Supporto: CD Audio
Numero dischi: 1
Etichetta: BMG
Data di pubblicazione: 1 marzo 2017
  • EAN: 5050749203328
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 10,96

€ 12,90

Risparmi € 1,94 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Disco 1
  • 1 Sweet leaf
  • 2 After forever
  • 3 Embryo
  • 4 Children of the grave
  • 5 Orchid
  • 6 Lord of this world
  • 7 Solitude
  • 8 Into the void

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    ac

    25/08/2015 22:33:01

    Disco strepitoso dove spicca la meravigliosa children of the grave!! Immancabile per chi come me ama i black sabbath e il metal in generale.

  • User Icon

    Alex Lugli

    30/04/2010 13:47:53

    I Black Sabbath sono un gruppo Hard/Heavy britannico, formatosi a Birmingham nel 1968. La formazione "storica" è quella costituita da Ozzy Osbourne (voce), Tony Iommi (chitarra), Geezer Butler (basso) e Bill Ward (batteria). Sebbene siano talvolta classificati come gruppo Hard Rock (Butler definisce il loro genere un Blues pesante e distorto), i Black Sabbath sono considerati tra i primi gruppi Heavy Metal della storia. "Master Of Reality" è il terzo album della Band britannica, pubblicato nel luglio del 1971 sotto etichetta Vertigo (ristampato poi in CD dalla Castle/Sanctuary). Alla sua pubblicazione riscosse un notevole successo. È a tutt'oggi ritenuto uno dei più grandi album della Band britannica e molto influente per il Doom Metal. A differenza dei primi due dischi, "Master Of Reality" presenta infatti un sound molto più lento e tetro, "pesante" ed "ossessivo" nei ritmi e nei riff. I testi invece, seguono la scia dei primi due album, trattando di tematiche anti-militariste ("Children Of The Grave") o riferendosi alla droga ("Sweet Leaf", brano introdotto da ripetuti colpi di tosse e caratterizzato da una ripetizione continua di riff ossessivi). A partire da questo disco, Iommi cambiò l'accordatura della sua chitarra, abbassandola di un tono e mezzo (Butler fece lo stesso con il basso), per poter pigiare meglio le corde con la mano destra sulla tastiera e per dare un tocco più oscuro al sound dell'album. Questa operazione (chiamata "Downtuning") diverrà una caratteristica di molti futuri gruppi Heavy Metal e tanti ritengono che i Black Sabbath furono i primi ad adoperarla. In "Master Of Reality" Iommi introduce inoltre in maniera più massiccia le chitarre acustiche (utilizzate nei due brani strumentali "Orchid" ed "Embryo"), strumento con il quale il chitarrista si era espresso prima d'ora in una sola occasione ("Sleeping Village" del primo album) e si cimenta anche con flauto e pianoforte in "Solitude". Il disco è un classico assoluto dell'Hard/Heavy anni '70, grazie alla bellezza dei brani qui contenuti.

  • User Icon

    Luca

    30/12/2006 19:28:20

    Quest'album rappresenta un vero e proprio manifesto sonoro per quello che sarà in seguito il doom metal. Il disco chiude la prima fase della carriera della band, quella più legata all'impatto sonoro. Capolavori? "Children Of the Grave" e A"fter Forever"! Da segnalare la malinconica "Solitude"

Scrivi una recensione