Matilde. Per grazia di Dio, se è qualcosa

Rita Coruzzi

Editore: Piemme
Anno edizione: 2015
Pagine: 461 p., Rilegato
  • EAN: 9788856641769
Disponibile anche in altri formati:

€ 16,58

€ 19,50

Risparmi € 2,92 (15%)

Venduto e spedito da IBS

17 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

€ 10,53

€ 19,50

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    marco d'aviano

    28/09/2017 16:11:05

    Matilde, per grazia di Dio se è qualcosa, di Rita Coruzzi, ed Piemme (2015) Non si può che provare simpatia per la giovane autrice, Rita Coruzzi, ma come scrittrice di romanzi ha ancora molto da maturare. I personaggi hanno una psicologia elementare, ma nello stesso tempo incerta; a volte parlano e si comportano in modo inverosimile, come Enrico IV a sei anni, appena diventato imperatore. I dialoghi sono scolastici, le descrizioni generiche e di maniera, gli interventi della voce narrante banali. C’è una gran quantità di parole superflue, soprattutto nei dialoghi. Se il libro avesse la metà delle parole, forse sarebbe migliore. (Cosa ci stanno a fare gli editor, se non per evitare le sbrodolature degli scrittori alle prime armi?) I fatti storici narrati sono più o meno quelli che si trovano sui libri di storia, ma l’atmosfera mentale, gli ambienti e il linguaggio sono davvero poco in sintonia con l’XI secolo. Matilde guerriera, che cavalca in battaglia mozzando teste e trafiggendo grappoli di nemici, potrebbe trovare luogo in un poema cavalleresco o in un manga giapponese, ma non in un romanzo che vuole essere storico. La protagonista e molti altri personaggi sbandierano ad ogni pagina una fede religiosa, che però appare priva di qualsiasi profondità spirituale. Di ben tre matrimoni si asserisce che, per contratto nuziale, devono rimanere esenti da rapporti carnali. Quei matrimoni erano politici e i rapporti tra i coniugi di certo saranno stati difficili, ma la clausola della astinenza sessuale è una pura assurdità storica. L’astio riservato al Gobbo risulta scarsamente motivato. La sua ragione starà forse nelle motivazioni ideologiche o psicologiche nell’autrice; forse ella ha voluto farne il bersaglio di una attuale indignazione contro la violenza sulle donne, ma tale intenzione non riesce ad trovare vera consistenza letteraria.

  • User Icon

    Yaris

    19/08/2017 13:26:46

    Date un intreccio del genere a uno scrittore di talento, e vi tira fuori un capolavoro. Pretendete di scrivere un romanzo credendo che basti essere appassionati di Manfredi per saper fare altrettanto, e vi ritroverete questo. Perché c’è una gran differenza tra il saper scrivere e avere talento, e questo è un romanzo di un’autrice che sa scrivere. Vale a dire, da dizionario, che dimostra un’eccellente capacità tecnica nel mettere insieme aggettivi, verbi e punteggiatura per articolare dialoghi e narrazione seguendo un minimo di senso logico. Ma il talento, signori miei, è tutt’altra cosa. In questo romanzo non c’è niente, non si empatizza con i personaggi, non li si ama e non si vive con loro, non si vede l’ora di finirlo per mollare finalmente questo strazio di finzione e baciapilismo che poteva diventare un grande tema centrale, ma rimane talmente stucchevole da esasperare chiunque. È solo un temino più lungo del solito, manca la firma della maestra alla fine e il bel voto che l’autrice meriterebbe, perché dal punto di vista linguistico è tutto perfetto. Ma un romanzo, cara Rita, non è solo perfezione linguistica. Direi anzi che è tutto il contrario, è cuore, è voci contrastanti che si rimbeccano a vicenda, è flusso di coscienza, è ironia, è genio e arte. Nel tuo romanzo c’è solo forma. E dialoghi improponibili, in cui i personaggi raccontano candidamente un libro di storia con le parole di un libro di storia (delle elementari). Non è possibile che Enrico IV vedesse gli occhi di Matilde sotto l’elmo, e che quegli occhi gli dicessero che doveva vincere - per farti un esempio. Non è possibile che descriva con accuratezza di particolari i sentimenti del figlio mentre lo rapisce, o che Matilde parli di quelli di Corrado una volta liberato. Non in un dialogo, andiamo! E di questi mi ricordo solo perché si trovano nelle ultime venti pagine. Ma il libro è tutto così, alterna noia e sensazione di finzione fino alla nausea.

  • User Icon

    Daniela

    30/04/2016 13:58:07

    Consigliatissimo ! L'autrice ha intessuto col filo doppio della verità storica e della fantasia la biografia di una delle figure femminili più significative del nostro passato, regalandoci il ritratto appassionato di una donna fragile e forte, determinata e arrendevole, dolce e spietata. Ha sviscerato il suo legame profondo con la Chiesa, evidenziando quanto la fede abbia giocato un ruolo decisivo in tutte le sue scelte, non dubitandone mai. L'integrità morale e quel senso del dovere così radicato, l'hanno resa, poi, una donna amata e rispettata da tutti. E ancor oggi, leggendo le sue gesta, non si può non rimanere affascinati e rapiti dalla forza della sua personalità.

  • User Icon

    nadia

    28/12/2015 20:44:24

    Mi trovo d'accordo con il signor Dante: scrittura molto semplice e "scolastica", che spesso spazientisce e annoia. Mi aspettavo un romanzo più complesso e maturo.

  • User Icon

    Cristiano

    28/11/2015 16:57:07

    Quanta poca considerazione ha il sig Dante nei confronti dei lettori minorenni,leggono solo libri semplici e superficiali? Il Romanzo in questione può piacere o non piacere punto e basta.

  • User Icon

    Dante

    25/11/2015 23:28:28

    Romanzo storico adatto a lettori minorenni. Semplice, superficiale e ripetitivo. Dialoghi noiosissimi. Da evitare

  • User Icon

    Cristiano

    11/07/2015 16:09:52

    Bellissimo romanzo biografico su Matilde di Canossa,lo consiglio a chiunque voglia avvicinarsi a questo straordinario personaggio del Medioevo. Pur essendo un romanzo,forse è meglio di tante altre biografie ufficiali che ho letto su Matilde(rimane pur sempre un mio parere personale) grazie a questo Romanzo ho approfondito storicamente parlando, la figura di Arduino Della Palude,personaggio a me quasi sconosciuto. Bravissima l'autrice nel raccontare e ovviamente immaginare l'infanzia di Matilde,con la quasi totale decimazione della sua famiglia da parte Imperiale,questa parte del romanzo è a mio avviso, la chiave di lettura, per capire la Matilde Contessa,ovvero la futura Lady di Ferro del Medioevo.

Vedi tutte le 7 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione