Categorie

Dashiell Hammett

Traduttore: A. C. Cappi
Collana: La memoria
Anno edizione: 2001
Pagine: 100 p.
  • EAN: 9788838917219

«Hammett ha restituito il delitto alla gente che lo commette per ragioni vere o solide, e non semplicemente per fornire un cadavere ai lettori, e lo ha fatto compiere con mezzi accessibili, non con pistole da duello intarsiate, curaro e pesci tropicali» scriveva Raymond Chandler del suo maestro, l'ex detective della Pinkerton fondatore della «scuola dei duri» del giallo americano. Hammett aveva compiuto una rivoluzione nella letteratura, consistente tutt'altro che nella eliminazione del mistero e del fascino dell'enigma nelle storie poliziesche. Aveva semplicemente scoperto la chiave che domina ancora oggi il thriller: che sotto la scorza delle moderne città anonime, nella vita quotidiana tutta uguale della gente ordinaria che si vede passare dalla vetrina di un bar, si celano reti segrete più fitte e oscure del più fosco maniero inglese. E queste reti, Hammett, le faceva seguire e dipanare, passo dopo passo, da detective uomini veri, in presa diretta: come nell'elettrizzante, lunghissimo, pedinamento su cui poggia la struttura narrativa di questo, Un matrimonio d'amore, inedito hammettiano. Ed è una detective story da modello: il brutto Rush, poliziotto di mezza età che ha lasciato la polizia per un suo motivo non confessato e forse da sorvolare, indaga su una cospirazione che ha preso in mezzo una giovane donna in un omicidio (Rush scopre il colpevole, ma è la forza dell'amore - un amore sfortunato - che salva la giovane). Da essa, lo stile inconfondibile capace di comunicare il ritmo del tempo presente, della contemporaneità, che rese Hammett un autore di culto, riesce a cavare, nello squallore di personaggi che in nulla si innalzano, una malinconica e forte poesia dell'umanità.

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    luca bidoli

    29/07/2015 12.18.48

    Ma che bello questo racconto, un piccolo classico del genere, con un detective giustamente e necessariamente brutto, trasandato, goffo nel muoversi,ma veloce nel capire gli uomini e le donne che gli si parano dinnanzi. Una bella storia, ben descritta, con la capacità di rendere reali dialoghi altrimenti inverosimili. Bello, una chicca.

Scrivi una recensione