Max Fox o le relazioni pericolose - Sergio Luzzatto  - copertina

Max Fox o le relazioni pericolose

Sergio Luzzatto

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2019
In commercio dal: 19 febbraio 2019
Pagine: 320 p., ill. , Rilegato
  • EAN: 9788806199944

83° nella classifica Bestseller di IBS Libri Società, politica e comunicazione - Argomenti d'interesse generale - Studi culturali - Cultura popolare

Salvato in 50 liste dei desideri

€ 16,00

€ 20,00
(-20%)

Punti Premium: 16

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

Max Fox o le relazioni pericolose

Sergio Luzzatto

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Max Fox o le relazioni pericolose

Sergio Luzzatto

€ 20,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Max Fox o le relazioni pericolose

Sergio Luzzatto

€ 20,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 20,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Chi è Max Fox? Chi è il trentenne ex allievo carabiniere, provinciale ambizioso nell'Italia berlusconiana, che strizza l'occhio all'idolo cinematografico della sua adolescenza?

«Uno storico che scrive molto bene, ma non si propone come scrittore perché ritiene di avere un patto più stringente con la verità (storica), osserva e riporta una vicenda italiana tremendamente esemplare, con codici alternativi a quelli di legge» - Il Venerdì

«Il libro di Luzzatto è un gran bel libro. C'è l'affabulazione dello scrittore, c'è la scrupolosa attenzione dello storico per le fonti, c'è la curiosità e lo spirito critico del giornalista» - Carlo Vulpio, La Lettura

Nella primavera del 2012, Massimo De Caro viene arrestato per avere svaligiato l'antica biblioteca dei Girolamini di Napoli, di cui si è fatto nominare direttore. È l'epilogo di una parabola esistenziale che nel giro di quindici anni ha trasformato «Max Fox», bravo ragazzo di provincia, studente svogliato e bibliofilo dilettante, non soltanto in un predatore seriale di libri antichi, ma anche in un falsario prodigioso, e in un faccendiere spregiudicato. Forse, però, la rocambolesca vicenda di De Caro non parla soltanto di lui. Parla di un mondo che è il nostro: il mondo post-verità e post-onestà. Ed è sotto la spinta di questo dubbio civile che Sergio Luzzatto accetta il rischio di una «relazione pericolosa». Incontra il detenuto De Caro, ne studia i moventi, ne ricostruisce le reti. Coniugando lo sguardo analitico dello storico alla passione affabulatoria del narratore, trasforma la vicenda di un uomo nel romanzo di un'epoca. Chi è Max Fox? Chi è il trentenne ex allievo carabiniere, provinciale ambizioso nell'Italia berlusconiana, che strizza l'occhio all'idolo cinematografico della sua adolescenza – al Bud Fox arrampicatore di borsa in Wall Street – quando deve scegliere un contatto Skype per presentarsi nel mondo del terzo millennio? E perché questo figlio unico di due ligi funzionari comunisti somiglia piuttosto a un (dubbio) eroe ottocentesco, al Julien Sorel di Stendhal? Perché il suo sogno di «arrivare» lo rende disponibile a qualunque compromesso, con la destra o con la sinistra, con i chierici o con i laici, con la verità o con la menzogna, con gli onesti o con i disonesti? È quanto si domanda Sergio Luzzatto, lo storico che proprio su Skype accetta di intrecciare con Max Fox – con l'eroe ormai caduto – una sorprendente liaison dangereuse.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

2,63
di 5
Totale 8
5
1
4
3
3
0
2
0
1
4
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Sere

    25/09/2019 21:02:51

    Un libro inchiesta sul responsabile dei furti di libri antichi della Biblioteca dei Girolamini di Napoli. Fa scoprire un un incredibile intrico criminoso tra bibliofili. Il tutto è narrato quasi come un romanzo giallo, per cui la lettura è molto scorrevole. Un saggio interessantissimo che fa luce su vicende realmente accadute.

  • User Icon

    max

    22/09/2019 14:41:27

    Luzzatto è un grande storico, che nelle sue monografie riesce a restituirci, insieme ai personaggi presi in esame, quadri straordinariamente lucidi dell’Italia: è successo con Padre Pio per la prima metà del Novecento e succede con questo Max Fox, piccolo faccendiere di un Paese che viene tratteggiato magistralmente nelle sue miserie e manchevolezze degli ultimi 25 anni. Da leggere.

  • User Icon

    Ale

    19/09/2019 10:56:13

    "Max Fox o le relazioni pericolose" racconta uno spaccato della nostra società, che piaccia o meno. Ero curiosissima di leggere questo romanzo un po' per l'idea da "true crime", che ormai sta diventando un genere trasversale che ottiene tanto favore popolare, un po' perché si tratta di una storia che colpisce un'istituzione rara e pregiata, quale la Biblioteca dei Girolamini (impossibile, almeno al momento, visitarla, perché è ancora sotto sequestro). Sergio Luzzatto fa di tutto per fornirci un'immagine di vasto raggio della storia di Massimo Marino De Caro, di farci comprendere la sua figura, le sue motivazioni. E penso che ci riesca. I libri lasciati sotto un getto dello scarico dei gabinetti non è qualcosa che mi sia mai capitato di vedere, ma credo che possa accadere nelle alcove pubbliche dei nostri patrimoni artistici. E fa male, perché la soluzione non dovrebbe essere sottrarli al pubblico. E' questa la differenza, alla fine, tra Max Fox e a chi opera perché la cultura rimanga un bene comune. Non può esserci democrazia e civiltà senza uguali possibilità di accesso all'arte, alla cultura, allo studio e alla bellezza. Questo è un libro che val la pena di leggere, dunque, anche perché nella nostra storia Max Fox non è il primo (e forse, purtroppo, non sarà l'ultimo) ladro di libri, quando "ladro di libri", però, non equivale esattamente ad altri tipi di ladri. Proprio perché l'intento di De Caro sembra essere anche quello di preservare e curare i libri sottratti al nostro patrimonio pubblico.

  • User Icon

    torza carla

    18/07/2019 12:55:45

    Una noia esagerata una delusione

  • User Icon

    m. freni

    11/05/2019 16:03:13

    Terribilmente noioso. Mi fa strano che uno storico abituato a dedurre e scrivere dopo aver succhiato informazioni da molte differenti fonti, qui, sforni un romanzo ascoltando il racconto di vita e misfatti di una sola persona. Racconti di furti, imbrogli, falsificazioni e menzogne degne del più degno stupido delinquentello di periferia del secolo passato, che non si rende neanche conto che il furto o la menzogna non può essere ripetuta all'infinito senza essere sgamati! Ma la cosa più noiosa è l'aver seminato lungo tutto il romanzo, almeno 100 volte contate, la meticolosa descrizone dei libri in prima edizione di Galileo da lui falsificati, i Galileo rubati in questa o quella biblioteca, donati come tangenti a fantomatici politici del tempo, modificati e acquarellati a mano, da lui collezionati, poi venduti e ricomprati. Una palla di libro!!!

  • User Icon

    Michele C.

    20/04/2019 20:52:11

    Semplicemente ignobile. L'intero libro non ha assolutamente nulla di "storico", come l'autore abilmente vuole far credere. Un'apologia delirante sulla vita di un ignorante, ladro, criminale, impostore e mafioso che può essere definito "bibliofilo" come un gommista può essere definito un ingegnere meccanico e come un venditore di tempere può essere definito un pittore. Luzzato evita accuratamente ogni giudizio negativo su questo criminale (perché questo De Caro è, viste le molteplici condanne e gli interminabili crimini, anche se l'autore ne parla definendolo spesso semplicemente "cleptomane") che ha arrecato alla cultura nazionale danni inestimabili per solo, unico e vergognoso guadagno personale. Si va dal mistificare la sua abilita di falsario a sminuire i suoi crimini definendole burle, fino ad attribuirgli il merito di ogni genere di evento storico (addirittura l'incontro tra il Papa e il Patriarca ortodosso). Infine se ne descrive la disumana permanenza in carcere (brevissima visti i domiciliari prontamente dati a De Caro per degli "attacchi di panico"), descrivendo il martirio e il sacrificio di un uomo che sembra finito quasi per un'ingiusta casualità a truffare per anni lo stato, costruendosi intorno un gruppo di criminali e mancando di rispetto a ogni bibliotecario, letterario e cittadino italiano. Leggere questo libro non solo fa male per i fatti tremendi che racchiude, ma anche per come li racconta, con faziosità e leggerezza, con la voglia di rendere un criminale e un truffatore semplicemente un ragazzotto geniale e amante dei libri, dipinto dai media, chissà perché, come un mostro.

  • User Icon

    Anna

    15/04/2019 13:38:00

    Un libro banale

  • User Icon

    matilde

    11/03/2019 20:10:33

    interessante

Vedi tutte le 8 recensioni cliente
  • Sergio Luzzatto Cover

    Insegnante di Storia moderna all'Università di Torino. Laureato alla Scuola Normale Superiore di Pisa, ha svolto un dottorato presso la Scuola Superiore di Studi Storici di San Marino. Successivamente è stato docente presso l'Università di Genova e l'Università di Macerata. Studioso della Rivoluzione francese, ha scritto inoltre di storia italiana fra Otto e Novecento, concentrando la sua indagine in particolare sul revisionismo in materia di resistenza e lotta partigiana. Il suo saggio Bonbon Robespierre (Einaudi 2009) ha vinto la tredicesima edizione del Premio letterario città di Bari nella sezione saggistica. Fra le sue pubblicazioni ricordiamo L'autunno della Rivoluzione (1994), Il corpo del duce... Approfondisci
Note legali