Mery per sempre

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Regia: Marco Risi
Paese: Italia
Anno: 1989
Supporto: DVD
Salvato in 31 liste dei desideri
In un riformatorio di Palermo, un professore cerca di far evadere i ragazzi dalla loro ignoranza, dalla loro fedeltà all'onore e alle leggi non scritte dalla mafia.
4,67
di 5
Totale 9
5
6
4
3
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    free

    14/05/2020 22:48:28

    L'insegnante Marco Terzi viene trasferito da Milano a Palermo ad insegnare in un riformatorio, in attesa che si liberi un posto per lui in un liceo. Nonostante cerchi di motivare i ragazzi, le loro storie si rivelano molto problematiche

  • User Icon

    Giovanni

    19/09/2019 20:09:38

    Questo film mi ha colpito davvero nel profondo. Mery per sempre narra la storia di un coraggioso insegnante che accetta il ruolo di docente in un riformatorio palermitano, dove tenta di insegnare non solo a leggere e scrivere ma sopratutto l'educazione, il rispetto per se stessi e gli altri e la speranza. Film drammatico dalle tinte forti ,suggestivo e di profonda intensità.

  • User Icon

    Monica Cappello

    19/09/2018 11:43:05

    Lo ritengo uno dei più bei film della storia italiana (insieme al seguito "Ragazzi fuori"): vero, reale e crudo...Ti proietta totalmente nella dura realtà della Sicilia, tra mafia, delinquenza ed impotenza di fronte ad un destino che sembra già scritto...Molti degli attori, sono stati presi direttamente dalla strada, è stata la prima esperienza cinematografica. Nel cast sono presenti Michele Placido e Claudio Amendola... Da vedere assolutamente!!!!

  • User Icon

    Euge

    22/10/2010 18:24:42

    Uno dei più bei film che abbia mai visto. Ti coinvolge dall'inizio alla fine per personaggi ben costruiti e l'ironia che traspare nel dramma.

  • User Icon

    JD

    11/06/2010 12:58:20

    Dall'omonimo libro di Aurelio Grimaldi"Meri(senza y)per sempre",il film che ha dato il via al "neo-neorealismo"(assieme al successivo "Ragazzi fuori").I giovani protagonisti vengono in massima parte dalla strada,e sono molto più spontanei di tanti attori veri e propri.L'uso stretto del dialetto contribuisce ad accentuare la loro impossibilità di comunicare se non con la violenza o il sopruso.Non manca qualche ambizione lirica,e non solo Pasoliniana(i ragazzi che continuano a giocare anche senza pallone ricordano Antonioni).E c'è spazio anche per l'ambiguità,involontaria o meno(oltre a ricambiare l'amore per Mery,Terzi sembra provare qualcosa anche per Pietro[Amendola allora sapeva recitare,altro che Cesaroni!]).Non certo perfetto ma sincero e vigoroso,resta uno dei film migliori dell'inizio degli anni '90.Ecco i film meriterebbero il riconoscimento di "Film d'interesse culturale e nazionale".Ma naturalmente non è così.

  • User Icon

    andrea

    21/01/2008 18:29:26

    un films straordinario....da vedere

  • User Icon

    eduardo

    22/10/2004 16:41:44

    Io consiglio a tutti di vedere questo film . E' un film vero nel senso che a Palermo e non solo in tutta la sicilia e cosi fatta di ragazzi delinquenti come quelli che vengono rapresentati nel film .Uno di loro dice "tinti si ci nasci" ed e vero lui gia a 6 anni antava in riformatorio a trovare la madre infatti cresce come lei . Non va a scuola ma a rubbare come la madre .

  • User Icon

    Leonardo

    05/10/2004 16:56:09

    La realtà descritta in questo film è sicuramente una realtà degradata, ma avendo io vissuto la realtà della città di Palermo, posso dire che questo film mostra una delle tante facce di una città piena d'amore e di contraddizione, di odi secolari e di slanci d'umanità. E' la Palermo messa da parte che tenta di tirarsi fuori dai giochi di potere e che viene ricacciata nel baratro ogni volta che tenta di affrancarsi dalle spire dalla realtà mafiosa, forte ancora oggi anche se apparentemente dormiente.

  • User Icon

    Antimo

    23/09/2004 14:46:58

    Riferendomi alla recensione fatta dal sottoscritto pochi minuti fa specifico che la Sicilia di cui si rende il ritratto è quella malfamata...

Vedi tutte le 9 recensioni cliente
  • Produzione: Cecchi Gori Home Video, 2003
  • Distribuzione: Mustang
  • Durata: 100 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 2.0 - stereo)
  • Lingua sottotitoli: Italiano per non udenti
  • Formato Schermo: 1,85:1
  • Area2
  • Contenuti: biografie: biografia e filmografia del regista e degli interpreti principali; interviste: intervista a Marco Risi (20')
  • Marco Risi Cover

    Marco Risi nasce il 4 giugno 1951. Esordisce nel cinema nel 1982 con Vado a vivere da solo seguito da altre due commedie sempre con Jerry Calà. Con Soldati – 365 all’alba (1987) vira verso un cinema d’impegno civile che continua con Mery per sempre (1989) e Ragazzi fuori (1990), Il muro di gomma (1991) e Il branco (1994). Del 1998 è il grottesco L’ultimo capodanno tratto dal romanzo di Niccolò Ammaniti. Negli anni Duemila realizza, fra gli altri, Tre mogli, Maradona – La mano de Dios e Fortapàsc, sulle drammatiche vicende che hanno visto protagonista il giovane giornalista Giancarlo Siani, ucciso dalla camorra. Con Mondadori pubblica Forte respiro rapido (2020). Approfondisci
  • Michele Placido Cover

    Attore e regista italiano. Interprete dal carattere intenso e viscerale, ma capace anche di toni dimessi, fa la sua prima apparizione cinematografica in Teresa la ladra (1973) di C. Di Palma, seguita da un decennio in cui recita in numerosi film (tra i principali Romanzo popolare, 1974, di M. Monicelli e Salto nel vuoto, 1980, di M. Bellocchio). La svolta della sua carriera arriva nel 1984 con il ruolo del commissario Cattani nelle quattro fortunate serie televisive di La Piovra: diventa così uno degli attori italiani più richiesti e offre due vibranti interpretazioni in Mery per sempre (1989) di M. Risi e, nel ruolo di un losco affarista, in Lamerica (1994) di G. Amelio. Nel 1990 esordisce nella regia con Pummarò, un film sui problemi di integrazione degli immigrati. La sua carriera di regista... Approfondisci
  • Francesco Benigno Cover

    Francesco Benigno insegna Storia moderna, fa parte del comitato di redazione di «Meridiana. Rivista di storia e scienze sociali» e della redazione di «Storica». Le sue ricerche si concentrano sulla storia politica europea della prima età moderna con particolare riferimento all’Italia spagnola e alla monarchia degli Asburgo. Tra le sue pubblicazioni più recenti: Specchi della rivoluzione. Conflitto e identità politica nell’Europa moderna (Donzelli 1999); Ultra pharum. Famiglie, commerci e territori nel Meridione moderno (Meridiana libri 2001); Mirrors of revolution. Conflict and political identity in early modern Europe (Brepols 2010); Favoriti e ribelli (Bulzoni 2011) La mala setta. Alle origini di mafia e camorra. 1859-1878 (Einaudi... Approfondisci
Note legali