Traduttore: C. Di Palermo
Editore: Instar Libri
Collana: I Dirigibili
Anno edizione: 2005
In commercio dal: 14 marzo 2005
Pagine: 456 p., Brossura
  • EAN: 9788846100757
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Descrizione
Il nonno di Xavier era un nazista, sterminatore degli ebrei. Xavier è convinto di essere la sua reincarnazione e cerca a sua volta una missione cui dedicarsi anima e corpo. Con grande dolore del padre, architetto appassionato di massaggi thailandesi, e di sua madre, una donna cresciuta nel culto del dittatore-pittore, decide di diventare il "consolatore" del popolo eletto. Per realizzare il suo assurdo disegno stringe amicizia con Awromele, il figlio del rabbino di Basilea, prende lezioni di yiddish e si circoncide. Comincia a dipingere e si iscrive all'accademia delle belle arti di Amsterdam, quindi vaga per l'Europa fino ad arrivare alla Terra Promessa. In Israele Xavier realizza infine, a modo suo, la missione che si è prefisso.

€ 8,00

€ 16,00

Risparmi € 8,00 (50%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Maria Luisa Valeri

    08/03/2012 17:25:39

    Un libro irriverente, provocatorio e a tratti paradossale, ma soprattutto ricco della straordinaria capacità di far riflettere il lettore sul mondo.

  • User Icon

    Libetta

    11/12/2005 17:50:15

    Tra i romanzi sull'olocausto nei quali l'ironia crea una tragica patina di leggerezza (come Lo zio coso di Schwed, molto interessante). Dopo alcuni libri e tutti portavano anticipazioni sparse di quest'ultimo (i genitori ed i nonni, i misteri in famiglia, le prime devastanti esperienze sessuali) Grunberg sembra non avere più alcuna remora e tra sessualità malate al limite del pulp, autolesionismo e orrori misti (talmente esagerati da non dare alcun fastidio) passando attraverso le proprie esperienze da consolatore degli ebrei infelici e svariati addoloramenti diventerà un uomo, adulto a suo modo. Ma il libro non é un crescendo delirante come si potrebbe facilmente scrivere, anzi, tutto questo pare niente in confronto a ciò che fu. Sempre notevole come tutti gli altri, compresi quelli scritti come Van der Jagt.

Scrivi una recensione