Metafisica della natura - Arthur Schopenhauer - copertina

Metafisica della natura

Arthur Schopenhauer

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Curatore: I. Volpicelli
Editore: Laterza
Edizione: 2
Anno edizione: 2007
In commercio dal: 3 maggio 1993
Pagine: XV-164 p., Brossura
  • EAN: 9788842042198
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Nella lista dei desideri di 20 persone

€ 8,64

€ 16,00

Punti Premium: 9

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Garanzia Libraccio
Quantità:
LIBRO USATO
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Nella Metafisica della natura, Schopenhauer sostiene una delle tesi fondamentali della sua concezione filosofica: la sostanziale unità della volontà in noi e nella natura. Un nucleo tematico che il filosofo di Danzica mette a confronto con alcuni fra i principali esponenti del pensiero filosofico (e anche scientifico) dell'epoca; in particolare con Kant, per molti aspetti il suo principale interlocutore.

scheda di Segala, M., L'Indice 1994, n. 7

Tra il 1820 e il 1831, per con alcune interruzioni, Schopenhauer insegn• come 'Privatdozent' all'Università di Berlino. Come è noto, per i suoi corsi egli scelse caparbiamente il medesimo orario nel quale Hegel teneva i propri, e anche per questo l'aula schopenhaueriana venne regolarmente disertata dagli studenti. Nonostante ciò, il giovane filosofo non rinunciò a preparare le lezioni, dedicate alla filosofia generale e suddivise in quattro sezioni corrispondenti alla struttura de "Il mondo come volontà e rappresentazione" (1819): la "Teoria di tutto il rappresentare, pensare e conoscere"; la "Metafisica della natura"; la "Metafisica del bello"; la "Metafisica dei costumi". Si tratta di testi di grande interesse non solo per gli studiosi ma anche per il pubblico non specialista. In essi, Schopenhauer scelse di ripetere i contenuti della propria filosofia e di ripercorrere i passi necessari alla sua comprensione, ma l'attenzione alla chiarezza e alla semplicità dell'argomentazione ne fanno uno strumento esemplare e unico per cogliere il significato della filosofia della volontà. Rispetto all'opera maggiore, le lezioni sono prive di quell'esigenza di sintesi e unità che talvolta pone in secondo piano le sfumature e le distinzioni che contraddistinguono la filosofia schopenhaueriana. Qui l'autore è libero. di esplicitare, di chiarire con molteplici esempi, anche di divagare.
L'edizione critica di tali lezioni venne realizzata da Franz Mockrauer attorno al 1910, ed è su questa che si basa questa prima edizione italiana della "Metafisica della natura". A parte il rimpianto per la mancanza di un indice dei nomi, la scelta di pubblicare un testo schopenhaueriano inedito in italiano merita un deciso encomio. La "Metafisica della natura" gode in modo particolare della maggior libertà espositiva delle lezioni rispetto all'opera maggiore, poiché in essa compaiono argomenti, analogie e discussioni che il corrispondente secondo libro del "Mondo come volontà e rappresentazione" aveva soltanto accennato o addirittura escluso. Meritano menzione i numerosi esempi che precisano e allo stesso tempo semplificano i contenuti filosofici. L'"esempio della macchina" (pp. 100-2) è un'illuminante esplicazione del principio di causalità nella dottrina schopenhaueriana. I capitoli introduttivi sulla metafisica e sulla relazione tra metafisica e scienza prospettano una definizione precisa del rapporto tra Schopenhauer e le tradizioni della filosofia e delle scienze naturali.
Sebbene il pensiero e lo stile di Schopenhauer non siano affatto ostici, la limpidezza e la semplicità di queste lezioni contribuiscono a rendere ancora più chiari i concetti chiave della filosofia della natura schopenhaueriana: l'idea delle forme naturali come oggettivazioni del volere, l'immagine della scala dei gradi dell'oggettivazione della volontà, la controversa questione della finalità della natura.
  • Arthur Schopenhauer Cover

    Filosofo tedesco. Introdotto nei circoli letterari da Wieland e da Goethe, preparò per l'abilitazione in filosofia il saggio "Il mondo come volontà e rappresentazione" (1819) che discusse con Hegel, non senza contrasti. Dopo un deludente inizio di carriera accademica, si ritirò a Francoforte, dove rimase dal 1831 sino alla morte. Solo i "Parerga e paralipomena" (1851) destarono l'attenzione del pubblico e della critica. In quest'opera Schopenhauer sviluppò il suo raro talento letterario, riuscendo a illustrare con raffinata chiarezza ardui argomenti teoretici e mescolandone la trattazione a quella di temi legati al costume dell'epoca. Approfondisci
| Vedi di più >
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali