Categorie

Amos Oz

Traduttore: R. Molari
Editore: Feltrinelli
Edizione: 2
Anno edizione: 2002
Formato: Tascabile
Pagine: 256 p.
  • EAN: 9788807816710

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    rosa la rosa

    18/11/2012 21.06.16

    bellissimo, delicato, direi anche attuale. A tratti lento, ma avvincente

  • User Icon

    Annalisa

    04/09/2012 20.46.19

    Monotono e noioso...sicuramente ben scritto ma ho letto tranquillamente brani migliori dello stesso autore

  • User Icon

    claudio

    08/10/2010 10.45.44

    E' sempre un piacere leggere Amos Oz, anche se questo è un libro molto particolare. Scritto innanzitutto al femminile, visto cioè dalla parte di Hannah questa bella ragazza ventenne che si innamora per caso di un brillante studente di geologia. Si sposano molto presto, in contrasto con diversi componenti della famiglia di lui (padre e zie) ed hanno presto un bambino. Lei abbandona gli studi all'Università e scivola via via verso un'apatia, un mondo di sogni che la fanno sempre più allontanare da suo marito. Non ho dato cinque perchè ci sono pagine troppo lunghe dei sogni di questa donna, degli incubi a meglio dire: è anche vero che questi incubi servono all'autore per portare a zero l'amore tra i due coniugi.

  • User Icon

    Oz

    08/06/2009 15.47.12

    E' un libro particolare. La narrazione procede lenta, annoiata. Eppure c'è qualcosa che ti cattura. Come un'inquietudine di fondo che chiede solo di affiorare in superficie. Non mi ha convinto appieno, eppure darò una seconda possibilità all'autore.

  • User Icon

    manvela

    30/11/2008 22.05.11

    In questa storia d'amore che scivola inesorabilmente verso il fallimento la presenza più ingombrante è un fantasma onnipresente di incomunicabilità che impedisce a due individui profondamente diversi, che si amano istintivamente, di trovare un compromesso di vita quotidiana. Sta nella grandezza di questo scrittore dare vita in maniera così poetica a questo fantasma che, credo, pochi al mondo possano dire di non conoscere ma del quale è così difficile parlare. Credo che la sensibilità con cui sempre Amos Oz percepisce e indaga l'anima dei suoi personaggi prima di restituircela in un flusso di vibrazioni penetranti sia davvero unica. Da leggere e coccolare.

  • User Icon

    Patrizia (Torino)

    17/10/2008 21.05.55

    Bellissimo romanzo che trasuda dell'inevitabile tristezza di una donna intelligente e vitale vissuta in anni in cui il ruolo delle donne era limitato all'ambito familiare. Bello e triste.

  • User Icon

    jacart

    12/09/2008 17.02.06

    Come al solito Oz non delude mai. Il bello di questa storia,a mio parere,sta nella sua semplicità,una famiglia normale alle prese con la dura vita, specialmente quella israeliana. Senz'altro uno dei migliori libri di Amos OZ.

  • User Icon

    lorella

    08/07/2008 19.11.18

    semplicemente...femminile...intenso...interiore..vero...

  • User Icon

    fedex

    12/06/2007 21.24.47

    L'ho letto ormai 4 anni fa...Ricordo di averlo trovato davvero molto bello. Mi piacque moltissimo e ne riuscii a cogliere il garbo e la magia.

  • User Icon

    ERIKA

    07/05/2007 22.12.36

    Il libro è stupendo, da leggere, come del resto ogni altro libro che Amos Oz ha scritto. Le sue parole sono pennellate di colori ed emozioni. Parole che non si riesce a scordare, che si ricercano in continuazione anche dopo aver terminato la lettura. Tiene compagnia.

  • User Icon

    Andrea

    21/04/2007 00.11.23

    Personalmente ritengo il libro di una noia mortale, essendo una continua descrizione della vita noiosa e infelice della voce narrante e del marito. Una continua riproposizione dei dubbi e del tedio che pervadono Hannah già prima della sua unione con Michael. Personalmente lo sconsiglio a chi non voglia buttare ore a leggere una descrizione monotona e piatta di una vita altrettanto povera di tratti interessanti.

  • User Icon

    Serbilla

    05/04/2005 00.25.23

    E' un libro semplice, diretto, la storia si evolve in modo naturale seguendo il flusso della mente della protagonista e dei fatti, anche quando lei si perde nelle sue 'fantasticherie multicolore'. Bello, davvero bello.

  • User Icon

    Hajime

    02/02/2004 12.29.42

    Effettivamente è un libro vero in cui spesse volte Amos centra il sentire interiore delle persone. Da leggere.

  • User Icon

    Emanuela Civelli

    24/07/2002 16.01.15

    Spesso si ama un libro perche' si trova qualcosa di se'.E chi non troverebbe qualcosa in un'opera cosi' semplice, vera, comune e proprio per questo universale. Israeliano l'autore, ma potrebbe essere di qualsiasi altra nazione. Da leggere

Vedi tutte le 14 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione