Categorie

Paolo Roversi

Editore: Marsilio
Collana: Tascabili Maxi
Anno edizione: 2015
Formato: Tascabile
Pagine: 398 p., Brossura
  • EAN: 9788831720410
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it € 7,56

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    barbagianni39

    12/08/2016 16.03.51

    Con mano leggera Roversi ripercorre, nei due racconti, più di 25 anni di Milano noir. La lettura è estremamente piacevole e non annoia mai (forse perché sono milanese e gli anni in questione rappresentano forse i più belli della mia vita) Facile individuare, sotto gli pseudonimi, i protagonisti di quegli anni. Grande Roversi!!! Consigliatissimo.

  • User Icon

    edoardo todaro

    03/08/2016 18.36.48

    un libro interessante per conoscere un mondo che oggi non esiste più, nessuna esaltazione ma è impotante mettere in evidenza il contesto, non solo "mala" ma anche contestazione sessantottina, LUTRING ed il solista del mitra ecc... che determinava fatti e comportamenti, inoltre 2 elementi degni di nota: il glossario sul linguaggio della "mala" e la lista della musica collegata a quei fatti

  • User Icon

    Carolina

    03/03/2015 10.11.54

    La Milano romantica e terribile della ligera. Dal solista del mitra al clan dei Marsigliesi. Un mondo di guardie e ladri che non esiste più ma in cui è davvero un piacere immergersi

  • User Icon

    Roberto Delfino

    07/08/2012 10.49.49

    Decisamente banale e scritto con taglio da "Grand Hotel". Trama scontata giacché mutuata a mani basse dalla cronaca di quel periodo che ho personalmente vissuto.Molte inesattezze riguardanti la progressione di carriera del protagonista Santi ed i gradi e qualifiche di questi che vengono riportate nel testo : la riforma della polizia è del 1981 e, pertanto, successiva ai fatti narrati. Affatto condivisibili le altre recensioni.

  • User Icon

    Mauro

    25/04/2011 21.21.56

    Bello e coinvolgente. Racconta in modo brillante un pezzo controverso della storia recente della città. I personaggi sono ottimamente tratteggiati. Consigiliato.

  • User Icon

    andrea

    12/04/2011 09.41.16

    Libro gradevole e ben scritto. Belle le atmosfere,le musiche e i personaggi.Forse troppo frettoloso nel raccontare alcuni eventi.Nel complesso buono!

  • User Icon

    Dani

    25/03/2011 15.51.23

    Spassoso! Personaggi e scene splendidi: musica, locali, strade e colpi criminali. Gran atmosfera. Un bel romanzo non solo per chi ama il genere.

  • User Icon

    etty

    22/03/2011 17.58.30

    E sì eventi e anni complicati! Io c'ero. Ho finito di leggere e mi è piaciuto come hai saputo tessere storie diverse e complicate, dal punto di vista dei personaggi, Lampis, Vandelli ecc. Molto interessante l'escamotage del rapporto tra le figure di Carla e Antonio, in cui fai vivere posizioni ideologiche opposte in un confronto tra i due che si sviluppa nella loro quotidianità. Carla è la prima figura femminile che si staglia nei tuoi romanzi, c'è anche Nina, ma ha un ruolo troppo subalterno al capo! Sei riuscito a inserire fatti gravissimi come Piazza Fontana, Parenti, il poliziotto ucciso negli scontri di cui hai dato una terribile ricostruzione, persino i concerti, una carrellata in successione di eventi, attorno ai personaggi che li interpretano dall'interno degli uffici della questura e nella strada, nei quartieri, al Due o al Becca. Lo stile della scrittura è secco, senza letture sociologiche e psicologiche, tutto ruota nel succedersi degli eventi, troppi, non c'è il tempo della riflessione. Il linguaggio è idoneo, semplice per i poliziotti, dialettale e del milieu per i delinquenti. Hai rappresentato dinamiche convulse che non lasciano spazi e tempi di riflessione come era in quegli anni. Questo romanzo è molto diverso da Pesce mangia cane, come in un quadro di Pollock convivono tanti colori, tante linee e punti, o gocce, tutti sulla stessa tela!

  • User Icon

    Martina

    22/03/2011 09.21.07

    Questo romanzo non parla solo di criminali come potrebbe far credere il titolo ma crea un universo. Io ci ho respirato Milano e oltre ai due eroi, il buono e il bandito, ho apprezzato anche i due personaggi femminili: Carla la moglie del poliziotto e Nina "la donna del boss". Un libro che racconta la Milano di ieri con i misteri che ancora oggi non sono stati svelati... Bello.

  • User Icon

    luca

    15/03/2011 23.01.47

    ho amato tutti i personaggi di questo sorprendente romanzo sulla malavita milanese degli anni sessanta e settanta. ho amato la scrittura, che ha un ritmo e una facilità rari. e ho amato perfino milano, che qui ha un fascino impensabile, per chi la conosce poco come me. molto simile a romanzo criminale, ma secondo me più avvincente (sicuramente del libro) e più inaspettato.

Vedi tutte le 10 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione