Milioni di milioni

Marco Malvaldi

Collana: La memoria
Anno edizione: 2012
In commercio dal: 31 ottobre 2012
Pagine: 196 p., Brossura
  • EAN: 9788838927638
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 7,02
Descrizione
Nei gialli alla maniera di Malvaldi, in cui si ride della cinica ironia dei personaggi, i luoghi sono fondamentali per l'equilibrio tra umorismo e suspense. Montesodi Marittimo è un paesino toscano di una certa altitudine, nonostante il nome, per di più molto scosceso. Una persona su due porta un doppio patronimico, il secondo dei quali è sempre Palla. Eredità di un marchese Filopanti Palla, gran gaudente, pentitosi in punto di morte di lasciare tanti bambini senza un nome legittimo. Inoltre su Montesodi aleggia un mistero: è considerato "il paese più forte d'Europa". Per scoprirne la causa, vengono mandati dall'Università un genetista, Piergiorgio Pazzi, e una esperta di archivi, Margherita Castelli. Trascorsi i primi giorni, nel panorama umano che gli si offre, i due non trovano nulla di cui meravigliarsi, tranne la forza. È un mondo abitudinario, dominato da due gruppi familiari: il sindaco, l'onesto e schietto Armando Benvenuti, con la moglie Viola, e la maestra Annamaria Zerbi Palla, anziana vedova, con un figlio poco amato. La sorpresa arriva con una tremenda tempesta di neve che isola il paese per giorni. Piergiorgio, che alloggia nella casa della Zerbi, una mattina trova l'energica signora abbandonata in poltrona senza vita. Sembra, a prima vista, un attacco di cuore, ma Piergiorgio capisce che non si tratta di morte naturale e poiché il paese è isolato l'assassino non può essere andato via.

€ 11,05

€ 13,00

Risparmi € 1,95 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 13,00 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    aida

    22/09/2018 13:23:15

    Il romanzo,Malvaldi non delude, è molto godibile con l'accoppiata Piergiorgio Pazzi e Margherita Castelli,da leggere in assoluto relax.unica pecca, è il primo libro che mi arriva con un aria già vissuta.mi spiego,i volumetti della Sellerio nonostante la copertina leggera rinforzata dal cartoncino interno bianco,sono comunque "nuovi e godibilissimi al tocco.questo invece sembrava ,non già letto,ma "posseduto",copertina vissuta,quasi spiegazzata,come fosse passato di mano in mano diverse volte.peccato perché per fortuna i seguenti ordinati sono perfetti

  • User Icon

    Luigi 1957

    20/08/2016 17:44:26

    Divertente romanzo noir, con trama originale ed arguti colpi di scena. Un buon mix di suspense, belle descrizioni di ambiente, un po' di buonismo, qualche stuzzicante battuta salace, che non disturba. Mi sono divertito e ne consiglio la lettura.

  • User Icon

    Ritochka

    21/07/2016 07:19:09

    Considero i libri di Malvaldi una sorta di garanzia di qualità. La copiosa nevicata che isola il paese e che fa pensare a "Trappola per topi" e il delitto nella piccola comunità danno l'avvio alla storia. Intelligenza, ironia e stile fluido rendono piacevole la lettura di questo romanzo che, comunque, non è il migliore di Malvaldi.

  • User Icon

    henry il grigio

    25/10/2015 21:52:50

    Non uno dei migliori dell'autore. Si fa leggere, ma si dimentica presto. Peccato.

  • User Icon

    Pino Chisari

    02/10/2015 08:29:00

    Malvaldi non tradisce mai: le sue trame non sono granché, ma il suo spirito toscano riesce a trascinarti in una lettura leggera, divertente e ricca di humor. Veramente il piacere di leggere.

  • User Icon

    nanni

    04/07/2015 13:00:21

    Non mi è parso particolarmente ispirato. Rimane una scrittura piacevole, ma manca un vero motivo un interesse che ti leghi alla vicenda. Insomma ci aveva divertito di più con le altre storie. Non annoia, ma non entusiasma.

  • User Icon

    francesco v

    03/06/2015 23:50:49

    Malvaldi e'inconfondibile, anche fuori dal Barlume. Leggera e piacevole lettura, senza pretese ma di qualita'

  • User Icon

    misselisabethbennet

    23/07/2014 10:40:47

    Non il mio preferito ma si legge benissimo !!!

  • User Icon

    Tiziana

    17/06/2014 16:41:40

    Non ha lo stesso brio e la stessa arguzia delle storie del Barlume. In effetti dice ben poco e i personaggi sono piuttosto scialbetti, senza caratteristiche che li rendano consistenti e amabili. Peccato, perché un nuovo filone parallelo non mi sarebbe dispiaciuto.

  • User Icon

    Daniela Domenici

    03/05/2014 15:23:11

    Premetto che amo da sempre i gialli che non siano troppo "gialli" ma che abbiano anche una storia "intorno" e questo libro di Marco Malvaldi, il primo per me dei suoi tanti, rientra in questa categoria. Se ci aggiungiamo poi che l'autore è toscano, di Pisa, e che ambienta questa sua storia in un immaginario paesino che già dal nome fa sorridere, Montesodi Marittimo, e che fa parlare alcuni dei suoi abitanti con la tipica intonazione "pisese" si otterrà un libro che si divora in pochissimo tempo e che lascia un sorriso interiore al ricordo dei suoi buffi protagonisti. "Milioni di milioni" è un delizioso ritratto a tutto tondo di un paese minuscolo e dei suoi originalissimi abitanti che si trovano, all'improvviso, a dover fronteggiare due novità: l'arrivo di due studiosi, Piergiorgio e Margherita, che devono far loro dei test per una ricerca e la morte un po' misteriosa di una vecchia signora ex maestra del paese. Durante le indagini che vengono portate avanti, a modo loro, dai due studiosi che poi coinvolgeranno il maresciallo e il sindaco del paese affiorano tanti insospettabili particolari che colorano la vicenda fino alla soluzione del giallo, assolutamente inaspettata. Deliziosa l'idea di "infiorare" la narrazione con citazioni letterarie, da Orazio a Montale, e con deliziosi dialoghi che, invece, talvolta, son tutt'altro che dotti; il tutto contribuisce a rendere vivacissima la storia e a farci visualizzare perfettamente ogni ingolo protagonista, dal parroco al sindaco, dal maresciallo ai due studiosi perché "ognuno di loro è una persona, non la gente" come afferma, giustamente, Margherita quando rimprovera bonariamente Piergiorgio di essere un po' menefreghista, un messaggio valido per ciascuno di noi. Complimenti, Marco, non vedo l'ora di leggere altre tue opere e speriamo che tua moglie Samantha ti suggerisca altre storie come queste

  • User Icon

    Luigi A

    29/11/2013 13:02:13

    Un solo aggettivo: spettacoloso ! Un modo di scrivere inedito. E' nato il Camilleri toscano?

  • User Icon

    Lina

    18/11/2013 23:29:36

    un Malvaldi in tono minore.

  • User Icon

    Luca

    30/10/2013 21:41:19

    Tutto inizia con una spedizione scientifica nello sperduto Montesodi Marittimo (che di marittimo ha solo il nome) per poi sfociare in un'indagine per omicidio per una morte apparentemente naturale, che così non è. Lettura veloce, intrigante ed ironica. Molto carino.

  • User Icon

    spaggio

    22/10/2013 21:10:27

    Un libro che si fa leggere ma che non si fa ricordare di certo.

  • User Icon

    jambo70

    19/08/2013 12:50:57

    Libro piacevole, ma non dei migliori di Malvaldi

  • User Icon

    Loredana

    14/07/2013 09:58:35

    Un libro ideale per passare piacevolmente qualche ora!

  • User Icon

    Luigi A

    06/06/2013 18:56:21

    E' il primo libro che leggo di Malvaldi e devo dire che è stato una piacevolissima sorpresa; il libro è pieno di vèrve e sorprese, si fà leggere di un fiato: la storia è ben costruita e i personaggi ben caretterazzati; forse è troppo breve, ma magari questa è una forza del romanzo.

  • User Icon

    Samuele

    04/06/2013 08:15:00

    Collezione di gag toscanacce. Dacché simpatico almeno quanto superficiale, si rivela un'esperienza di lettura abbastanza inutile. Stile in caduta libera dopo le prime 10-20 pagine.

  • User Icon

    migliettaser

    09/05/2013 17:35:10

    Malvaldi si conferma scrittore dalla penna facile, arguto e capace di accendere un sorriso nel lettore. Quando tratta delle cure riservate al maiale prima della sua uccisione per farne salumi è impagabile. Libro di evasione , ma scritto bene , con fantasia e argomentazioni credibili , che per un giallo non è cosa da poco.

  • User Icon

    Aldo

    06/05/2013 15:10:12

    Una lettura piacevole e leggera, dove l'autore con maestria ed ironia descrive gli intrighi e le relazioni tra gli abitanti di uno sperduto paese della Toscana. Con finale a sorpesa, ma mica tanto.......

Vedi tutte le 64 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione

In ogni buon romanzo che si rispetti la caratterizzazione di luoghi e personaggi è fondamentale. Nel caso dell’ultimo romanzo di Marco Malvaldi, Milioni di milioni, si potrebbe addirittura dire centrale. D’altra parte riuscite ad immaginare un paese in cui il numero di galline è superiore a quello degli abitanti? Ebbene, a Montesodi Marittimo, minuscolo paesino dell’entroterra toscano in cui la vita scorre ancora secondo ritmi naturali elementari, e le nascite - minime - registrate sono il frutto dell’accoppiamento degli abitanti fra loro, è così: ottocentododici abitanti, età media sessantanove anni, tre esercizi commerciali e un’unica strada principale. Sono questi i dati che la dicono tutta sulle peculiarità del luogo in cui è ambientata la vicenda.
Fin qui nulla di strano, se non fosse che proprio Montesodi è universalmente considerato “il paese più forte d’Europa”. Perché? Quale arcano mistero si nasconde fra le abitazioni del borghetto toscano? Soprattutto, qual è la causa della forza che rende i suoi abitanti simili a degli “ercoli” del nuovo millennio? Pur di non lasciare la questione irrisolta e al fine di capire se si tratti di un’anomalia genetica del DNA, vengono inviati sul posto due studiosi: il genetista Piergiorgio Pazzi e la filologa e archivista Margherita Castelli. L’obiettivo è quello di ricostruire il patrimonio biologico del paese, sia dal punto di vista medico che genealogico, e trovare una risposta all’annosa questione.
Un progetto senza dubbio impegnativo dal punto di vista scientifico e al tempo stesso un’iniziativa prestigiosa per Montesodi Marittimo: un motivo di vanto per tutta la comunità e un’occasione unica per attirare l’attenzione dell’opinione pubblica. Tuttavia, le analisi genetiche, si sa, talvolta possono rivelare verità nascoste e segreti inconfessati, e se tutti sembrano sottovalutare il peso delle eventuali conseguenze, il presagio di catastrofi imminenti non sfugge alla signora Zerbi, un’anziana maestra più che mai consapevole delle abitudini fedifraghe dei compaesani. Era stata lei stessa, preoccupata, a rivelarlo a Piergiorgio, suo ospite per tutto il periodo della ricerca.
Sarà forse per questo che una mattina il giovane genetista si ritrova a dover constatare il decesso dell’anziana donna, apparentemente morta d’infarto, ma in realtà vittima di un misterioso omicidio? Chi può essere stato? D’altra parte tutti in paese sembrano avere un alibi di ferro, tutti tranne Piergiorgio…che a questo punto è costretto a difendersi da un’accusa che incombe su di lui come una spada di Damocle e, pur di non finire in galera, a mettersi alla ricerca del vero assassino.
Milioni di milioni è un romanzo che inizia con l’ironica freschezza di una boutade, quasi si trattasse di una barzelletta, e che poi, gradualmente, come i milioni di milioni di fiocchi di neve che si posano al suolo di Montesodi, si trasforma in una storia articolata e complessa fino ad assumere i toni di un giallo avvincente. Il tutto condito da una lingua ai limiti del vernacolare, funzionale alla creazione dell’intreccio e alla resa dei personaggi. Un libro piacevole che alterna elementi comici a stralci narrativi più profondi e complessi, divertente e al tempo accattivante. Insomma, siamo in pieno stile Malvaldi che, neanche stavolta, delude le aspettative del lettore e anzi lo incoraggia a seguire le gesta del malcapitato personaggio che, chissà, potrebbero anche avere un seguito.