Categorie

Anne Holt

Traduttore: M. Podestà Heir
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2016
Pagine: 453 p. , Brossura
  • EAN: 9788806229757

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Donatella

    30/09/2016 15.56.51

    L'ho appena finito e sono rimasta " fra color che son sospesi". Il libro é buono come tutti quelli della Holt, ma finisce sul più bello, ti lascia lì senza sapere cosa è successo, non si sa se sono riusciti ad allontanare la folla, insomma il libro tende tutto al finale, a sapere se riusciranno o no a evitare il disastro, e alla fine non te lo dice, l'ultima frase ambigua si può interpretare come si vuole, ma si può? Io sono curiosa!!!!

  • User Icon

    nanni

    29/05/2016 13.34.06

    Il libro è abbastanza appassionante ma denota un certo piacere a mettere in ridicolo una parte politica. In effetti il bersaglio è la destra xenofoba razzista e deficiente; c'è una comprensione invece generalizzata per musulmani e omosessuali che sono la parte più equilibrata e sana dell'umanità. Ovviamente lo scopo ecumenico dell'apologia della diversità porta ad un investigatore anch'egli con problematiche psichiche a vari livelli ma ovviamente capacissimo. Ed anche nel rapporto uomo donna è innegabile la ricerca dell'affermazione della indubbia superiorità del sesso femminile. Mi pare tutto un po' studiato a tavolino, un po' forzata questa impostazione. Inoltre nel libro io ho avvertito una certa confusione nelle descrizioni, forse accentuata dalla presenza dei nomi norvegesi che per noi non sono così semplici; ciò mi ha costretto a dover riprendere qualche paragrafo per vedere chi fosse il tale o il tal altro. Ed il finale del libro non mi ha entusiasmato. Con tutto ciò la figura della protagonista, della figlia sono apprezzabili ed il libro benché il solco sia segnato già dall'inizio (nel colloquio tra il capo della polizia ed il suo vice)è senz'altro consigliabile.

  • User Icon

    chicca

    27/05/2016 13.29.17

    Non tutti i libri dell'autrice sono dello stesso livello, ma questo è davvero buono: ottimo intreccio, ben scritto e terribilmente d'attualità. L'unico neo il finale: termina tutto in poche pagine e lascia alcune questioni sospese. Non mi stupirei se il prossimo romanzo ripartisse proprio dalla fine di questo.

  • User Icon

    Ciro D'Onofrio

    27/04/2016 00.49.39

    Un giallo elegante, una storia coinvolgente ed accattivante che ha come sfondi attualissimi le paure e le ansie di questa nostra Europa, spunti da cui nasce una narrazione mai banale e che desta l'attenzione del lettore ben oltre la robusta trama noir. Bella la felice sinergia tra i due protagonisti caratterizzati entrambi da "diversità"che diventano esempio nel trovare forza risolutiva proprio da queste sensibilità particolari che si incrociano.Un'ottima e consigliata lettura

  • User Icon

    luciano

    23/04/2016 16.28.45

    sempre addentro alle tematiche sociali ed alle contraddizioni dell'opulenta società Norvegese, questa grande scrittrice non delude mai.i suoi romanzi sono sempre credibili e bellissimi come altrettanto dicasi per i personaggi che caratterizzano le due diverse serie di investigatori. solo in Italia non ha forse l'attenzione che meriterebbe. posso consigliare i lettori che amano i "giallisti nordici" di leggersi anche i romanzi che hanno preceduto questo. io l'ho fatto e ne è valsa asssolutamente la pena. buona lettura. formidabile: voto 5

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione