Categorie

Orhan Pamuk

Traduttore: M. Bertolini, S. Gezgin
Editore: Einaudi
Collana: Super ET
Anno edizione: 2005
Formato: Tascabile
Pagine: 450 p. , Brossura
  • EAN: 9788806181970

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    marialucia

    07/03/2015 18.58.01

    Mi è piaciuto; forse un po' lungo in qualche descrizione per me non miniaturista, ma per colui che scrive sicuramente necessaria. Le vicende narrate in prima persona da tutti i protagonisti alleggeriscono di molto la stesura perché il punto di vista cambia da soggetto a soggetto e ciò che ad uno appare bene o male, giusto o ingiusto per l'altro è spesso il contrario. E' un tuffo nel mondo, nell'arte e nella religione islamica con pennellate sulla famiglia, sul capo di essa, sulla figura della donna, sui bambini.

  • User Icon

    umberto

    02/01/2013 17.25.25

    Micidiale...appassionante come la lettura dell'orario ferroviario, ripetitivo come una scatola di formaggini... da regalare al proprio peggiore nemico, sperando che "lo stenda"

  • User Icon

    Oblomov

    14/11/2012 17.59.25

    Indubbiamente è possibile che, per chi è abituato a leggere Camilleri e Baricco, il libro possa risultare"pesante". Ma per chi è uso a dilettarsi con ben altro (non necessariamente il sottoscritto) l'opera di Pamuk rappresenta una lettura piacevole, spesso appassionante, oltre che un'ottima occasione per rompere il monopolio della letteratura in lingua inglese. E' il primo libro che leggo dell'autore turco, e penso che ne leggerò altri. Magari non subito, ma lo farò.

  • User Icon

    lampadina

    31/08/2012 18.45.48

    E' molto difficile che un libro di sole 450 pagine mi duri più di tre giorni ma per questo, all'epoca in cui lo lessi, mi ci vollero quasi due settimane. Un mattone micidiale che riuscii a terminare solo per timore reverenziale nei confronti del Nobel recentemente assegnato. Se mi fosse capitato per le mani oggi - che non mi faccio più alcuno scrupolo ad abbandonare un testo che mi annoia, nemmeno se l'autore ha vinto il Nobel - penso proprio che questo libro non l'avrei finito. Pregevole la struttura, il cambio dell'io narrante; interessante l'ambientazione, lo scorcio sull'epoca e la sua cultura. Ma tenere gli occhi aperti per più di dieci pagine è impresa per pochi. E infatti, fra quelli che so averlo cominciato, sono l'unica che l'ha finito. Sconsigliato a tutti quelli che stanno cercando una lettura per passare il tempo, leggere questo libro è impegnativo quanto lavorare.

  • User Icon

    iliana

    18/06/2012 17.12.48

    Sono riuscita a leggerlo fino in fondo. Devo ammettere che la contrapposizione dell'arte oriente/occidente è stata molto interessante. Altrettanto interessante la descrizione del significato delle miniature e piacevole la trama amorosa e giallistica. Però....che fatica leggerlo tutto e non cedere in alcuni momenti alla tentazione di mollarlo! Troppe ripetizioni.

  • User Icon

    Maria Grazia

    09/02/2012 19.55.23

    L'inizio è bello e ti prende per leggere il libro poi si perde sempre di più e ci sono delle parti inutili e noiose . L'assassino si capisce molto prima della fine ma io l'ho continuato sperando che migliorasse e invece è peggiorato. Interessante la tematica dell'arte orientale in contrasto con quella occidentale.

  • User Icon

    nobile

    20/01/2012 23.42.40

    Mi è capitato raramente di interrompere la lettura di un libro perché amo leggere, ma per questo l'ho dovuto fare perché lento e ripetitivo. Mi chiedo se tra i requisiti per vincerre un premio nobel sia prevista anche la noia che un libro suscita nel lettore !

  • User Icon

    AGATINA

    17/12/2011 15.22.55

    Bellissimo, intenso, stilisticamente perfetto! Per me, la miglior prova di Pamuk, la descrizione di un mondo in bilico, il loro, il nostro.... Memorabile il capitolo "il mio nome è rosso". Sconsigliato agli amanti del giallo; consigliatissimo a chi si nutre di letteratura.

  • User Icon

    Rubina

    16/12/2011 13.45.29

    "Ero felice di sentirmi il mondo sulla pelle". La scrittura di Pamuk è così bella che viene voglia di leggerlo ad alta voce. Il mio nome è rosso è un romanzo complesso e raffinato, che ci trasporta in un mondo lontano, non sempre comprensibile ma sempre affascinante.

  • User Icon

    Emilio

    11/07/2011 10.03.51

    Delusione totale. Terminato con gran fatica. Non consigliabile.

  • User Icon

    cincy

    09/06/2011 16.09.09

    Decisamente prolisso: i racconti delle antiche leggende e le descrizioni delle miniature spesso non sono funzionali alla trama. A tratti stucchevole.

  • User Icon

    Francesco P.

    27/10/2010 12.05.46

    Se si parte con l'idea di leggere un giallo storico si resta delusi: il morto c'è, i sospetti sono quelli sin dall'inizio e che poi il colpevole sia l'uno o l'altro poco cambia. Si tratta piuttosto di un romanzo storico, nell'ambientazione, il cui protagonista è l'arte stessa. L'arte della miniatura, che per secoli era stata sviluppata da uomini che vi avevano sacrificato la vita (letteralmente), con un unico fine: disegnare il mondo con lo sguardo di Dio. Un concetto di arte che si scontra con l'idea del Sultano modernizzatore, che vuole che anche l'arte cambi, attingendo alle nuove esperienze dell'occcidente veneziano. E' questo, in fondo, il tema principale. Non si tratta forse di quello che accadde durante il Rinascimento europeo? E' la nascita di quella scissione tra fede e ragione che ancora oggi è un conflitto che non abbiamo ancora risolto. Il predicatore, che possiamo chiamare un fondamentalista ante litteram, difende la fede, tramite l'arte. E così il Sultano sembra colui che vuole scardinare l'ambito della fede con la ragione, sempre tramite l'arte. E' questo il vero giallo. Un giallo senza soluzione. Si trova chi ha ucciso quell'uomo che, cadavere, dà avvio alla storia. Ma non si risolve il grande enigma: il mondo cambia. Confinarlo in uno schema, per quanto bello, per quanto perfetto e rassicurante, è impossibile. Ma siamo poi capaci di gestire il cambiamento?

  • User Icon

    Lorenzo

    06/10/2010 12.51.45

    Indecente. Probabilmente è la mancanza di punti in comune con la cultura islamica (e con quella Turca in particolare) che non mi ha fatto apprezzare Pamuk. Ma vi assicuro che, al quindicesimo riferimento a Cosroe e Syrin che si innamorano di loro vedendo l'uno il ritratto appeso dell'altro......non ce l'ho più fatta. L'ho finito per pietà nei confronti di chi me l'ha consigliato, ma di libri peggiori fatico ad immaginarne. Lento, noioso, ripetitivo, poco originale....

  • User Icon

    Anna

    14/09/2010 12.19.34

    Certamente non è un libro scorrevole né di facile lettura. Ma mi verrebbe da aggiungere: finalmente! Si tratta quasi di un testo di estetica, ricco di riferimenti culturali a volte non sempre esplicitati. Ma è anche un'opera letteraria di un certo spessore, sapientemente costruita e, proprio in ragione della sua non immediata facilità, piacevolmente intensa e godibile.

  • User Icon

    franz

    28/07/2010 11.51.05

    Quattro anni fa quando acquistai il libro non ero riuscito a superare le 100 pagine, adesso l'ho ripreso dall'inizio e a pagina 150 ho deciso che non merita che gli dedichi altro tempo. Di una lentezza esasperante e ripetitivo; i personaggi sono ben delineati nelle prime pagine, tutto il resto non aggiunge nulla.

  • User Icon

    Manuela di Trieste

    25/10/2009 20.27.47

    Raramente ho dovuto lottare così strenuamente con la voglia di lasciare un libro a metà!Mi riesce davvero difficile esprimere un giudizio su questo libro di Pamuk:gli spunti originali ci sono, eppure molte pagine risultano terribilmente noiose e prolisse. Non posso escludere che nella traduzione si sia perso qualcosa, e che in lingua originale il testo fosse più scorrevole...per questo non gli assegno il punteggio più basso. Voleva accostarmi ad uno scrittore che molti osannano come un genio, ma forse non ho scelto il libro adatto...

  • User Icon

    Valeria

    31/08/2009 11.32.30

    Anch'io concordo con Megant e Penelope Pitstop, la storia è ben strutturata e inizialmente invoglia alla lettura, ma quando si giunge verso la metà non si è nemmeno più interessati a scoprire l'assassino. Ho lottato a fatica con la voglia di lasciarlo a metà.

  • User Icon

    Carlo

    26/08/2009 11.05.20

    Concordo pienamente col commento di Megant: incipit stupendo, struttura (l'alternarsi dei racconti in prima persona, anche degli oggetti) geniale e argomento (la miniatura e Istanbul) affascinante. S'incista su se stesso. Avrebbe potuto essere perfetto con 100 pagine in meno. Purtroppo sono pochissimi gli scrittori capaci di fermarsi in tempo (e gli editori che glielo permettono, per ragioni commerciali): è più facile vendere un libro di 400 pagine di uno di 250/300 (v. mattonazzi alla Larsson.)

  • User Icon

    Alan

    31/07/2009 23.18.43

    Un grandissimo libro di un grandissimo autore. Fatico a comprendere i commenti di chi non è riuscito a finirlo o lo ha trovato noioso...fossero tutti cosi' i libri "noiosi"! :-D

  • User Icon

    Megant

    01/06/2009 13.31.32

    Purtroppo gli ottimi spunti che questo libro offre annegano in pagine e pagine di una pesantezza mostruosa. Geniale l'inizio (che mi ha invogliato a comprarlo) con il morto che ci racconta le sue ultime vicissitudini. Poi però la trama è spersa in lunghe trattazioni sulla miniatura, in dettagliate descrizioni delle solite 2 o 3 scene maggiormente rappresentate nei libri miniati per ordine del Sultano, nei pensieri del vecchio maestro miniaturista che ritiene blasfermo il ritratto e la prospettiva. Insomma non è corretto dire che non mi sia piaciuto, ma l'estrema lentezza me lo ha reso a volte insopportabile: la tentazione di correre all'ultimo capitolo saltando l'ennesima descrizione di una miniatura è stata tanta!

Vedi tutte le 90 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione