Categorie

Orhan Pamuk

Editore: Einaudi
Collana: Super ET
Anno edizione: 2014
Formato: Tascabile
Pagine:
  • EAN: 9788806222215

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    lalla

    11/04/2016 16.07.54

    Ho letto molte recensioni positive, vi avverto subito io non sono dello stesso parere. C'è un omicidio e c'è una storia d'amore. La storia ruota principalmente intorno al mondo del lavoro della miniatura (proprio come il profumo che ruota attorno alle fragranze e agli odori) . E 'affascinante in un primo momento , ma la ripetizione più e più volte degli stessi temi mi ha fatto svanire il mio desiderio di sapere se l'assassino si sarebbe riuscito a farla franca o meno. Un artista può che avere il proprio stile o, al contrario, imitare i vecchi maestri? L'artista può curare al meglio il suo lavoro? Si dovrebbe forse prendere ad esempio qualcosa della pittura occidentale? e tra l'altro diventando ciechi facendo questo lavoro senza sosta è forse il privilegio invidiabile dei grandi maestri? Le risposte a queste quattro domande sono illustrate da molte leggende, storie e aneddoti. Vi esonero dalla lettura del romanzo: la risposta in ogni caso è sempre negativa. E tutto ciò viene semplicemente ripetuto più e più volte. L'illuminatore, l'illustratore deve rispettare coloro che lo hanno preceduto, esercitare la sua arte nel costante timore di Dio, non copiare gli infedeli che hanno il coraggio di fare ritratti, le prospettive e le ombre! Questo viene ripetuto troppe volte. Questa atmosfera di paura e sottomissione alla tradizione, alla autorità del Sultano e a Dio è schiacciante. Gli occidentali vengono sospettati di idolatria con i loro ritratti sono sia ammirati che disprezzati. Un libro ben scritto ma sinceramente si ripete continuamente e con insistenza e quindi il mio voto è basso.

  • User Icon

    Irene

    02/02/2016 20.57.38

    Un libro bellissimo e scritto divinamente. L'inizio è indimenticabile. Da leggere e rileggere.

  • User Icon

    Luca

    11/10/2014 18.42.30

    Il libro ci immerge nella Istanbul di fine 1500,nel mondo dei miniaturisti, nella cultura e nel pensiero mussulmano e nelle sue più diverse sfaccettature. Buona anche la parte del giallo, che gira attorno ai 2 omicidi. Il testo è molto descrittivo e può perciò risultare noioso e ripetitivo per chi segue solamente la caccia all'assassino. Se invece si cerca di comprendere a fondo una cultura come quella mussulmana, che oggi ci è molto vicina, la cultura del mondo ottomano, l'arte dei miniaturisti e forse la malinconia di un mondo passato, si apprezza a pieno la lettura. Consigliato

Scrivi una recensione