Miranda

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Regia: Tinto Brass
Paese: Italia
Anno: 1985
Supporto: DVD
Vietato ai minori di 14 anni
Salvato in 8 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (5 offerte da 7,00 €)

La tenutaria di una locanda, aspetta da sette anni e senza speranza il ritorno del marito scomparso in guerra. Per ingannare l'attesa si concede a tutti gli uomini che incontra. Alla fine sposerà il giovane aiutante.
1
di 5
Totale 1
5
0
4
0
3
0
2
0
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Nathanael

    16/12/2006 00:57:20

    Brass e Goldoni, ovvero al peggio non c'è mai fine.Director's cut e nuovo montaggio a parte (gliel'avesse chiesto qualcuno...), ripropongo il solito interrogativo: ma Brass ci è o ci fa?

  • Produzione: Raro Video, 2016
  • Distribuzione: Eagle Pictures
  • Note: nuovo montaggio di Tinto Brass e scene inedite
  • Durata: 96 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 2.0 - stereo)
  • Formato Schermo: Widescreen
  • Area2
  • Contenuti: interviste: intervista a Tinto Brass
  • Tinto Brass Cover

    "Propr. Giovanni T. B. (Milano 1933) regista italiano. Si segnala nel 1963 con Chi lavora è perduto, provocatorio film su un giovane anarchico che gli crea problemi di censura, che si accentuano con il successivo L’urlo, altra decisa provocazione antiborghese, realizzato nel 1968 ma dissequestrato solo nel 1974. Seguono Dropout (1970) e La vacanza (1971), in cui dirige la coppia F. Nero e V. Redgrave, in due vitali e ispirate storie di antieroi matti ed emarginati. Cineasta fino a quel momento atipico e «impegnato», dalla metà degli anni ’70 si lascia gradualmente trasportare dal suo gusto per la dissacrazione e lo sconvolgimento delle regole precostituite verso il filone erotico. All’inizio, con Salon Kitty (1975) e con il rinnegato Io, Caligola (1979), in forme non sguaiate e «tutelato»... Approfondisci
  • Serena Grandi Cover

    Nome d'arte di S. Faggioli, attrice italiana. Dopo piccole parti in film a basso costo, la sua esuberanza fisica trova una consacrazione divistica in Miranda (1985) di T. Brass, in cui interpreta la procace protagonista, versione moderna della Locandiera goldoniana, ben più prodiga dell’originale nel dispensare le proprie grazie a pretendenti e amanti. Questa interpretazione molto fisica la ingabbia entro un tipo – l’aggiornamento malizioso della maggiorata anni ’50 – puntualmente ripreso in pretenziosi adattamenti letterari (Desiderando Giulia, 1986, di A. Barzini, da Senilità di I. Svevo) o in stanche appendici della commedia all’italiana (Teresa, 1987, di D. Risi). Negli anni ’90 recita in piccoli ruoli, non privi di autoironia (è la madre sciantosa della lolita in Monella, 1998, di T.... Approfondisci
  • Andrea Occhipinti Cover

    Attore e produttore italiano. Compare in alcuni titoli di serie B (il più celebre dei quali è forse La casa con la scala nel buio, 1983, di L. Bava), per essere poi notato da J. Derek che lo vuole come protagonista di Bolero Extasy (1984), imbarazzante film erotico in cui è l’amante cercato a lungo da B. Derek. Nel 1986 è in Miranda di T. Brass e l’anno seguente è diretto da E. Scola in La famiglia. Negli anni ’90 dirada le sue interpretazioni e fonda la società di distribuzione Lucky Red, molto attiva nella diffusione di titoli di qualità. Nel 2000 è fra gli interpreti di Preferisco il rumore del mare di M. Calopresti e nel 2004 è nel cast di Mare dentro di A.?Amenábar. Approfondisci
  • Franco Branciaroli Cover

    "Attore italiano. Allievo della scuola del Piccolo Teatro di Milano, vive un percorso formativo caratterizzato da alcuni incontri fondamentali (da A. Trionfo e C. Bene a L. Ronconi e G. Testori), decisivi per la sua affermazione come apprezzato regista teatrale e come interprete capace di interiorizzare i personaggi fino a darne una lettura singolare e sentita. Senza rinunciare ad alcuni ruoli televisivi, debutta nel cinema con Vizi privati, pubbliche virtù (1976) di M. Jancsó, film che lega in un intreccio indissolubile pratiche sessuali e dimensione del potere, duramente perseguitato dalla censura. Dopo la collaborazione con M. Antonioni in Il mistero di Oberwald (1980), instaura un duraturo sodalizio con T. Brass, partecipando a diversi suoi film: La chiave (1983), in cui tornano a essere... Approfondisci
Note legali