Categorie

Vittorio Alfieri

Curatore: A. Di Benedetto
Collana: La memoria
Anno edizione: 1994
Pagine: 100 p.
  • EAN: 9788838910241
Usato su Libraccio.it € 3,34

«Mi stimo poco durante il giorno, ma la sera, appena ho la penna in mano, credo di valere pure qualcosa». I due giornali, del 1774-75 e del 1777, sono le uniche pagine diaristiche che Vittorio Alfieri abbia lasciato. Testimoniano del periodo più intenso della sua vita, quello giovanile che immediatamente precede e subito segue la sua prima tragedia (che è del 1775). Raccontano dunque della sua maturazione di uomo e di scrittore, mentre le burrasche della vita esterna e del suo mondo interno lo agitano, nel senso vero, tra i due scogli del terrore di essere un mediocre e della consapevolezza eroica di dover dire con la sua arte qualcosa di importante. Alfieri non li scrisse per la pubblicazione, sebbene precorrano il genere, fortunato nella letteratura europea, del romanzo in forma di diario: e - meglio - più che precorrerlo, ne hanno già intere la forma e la tensione. Si è discusso se Alfieri avrebbe potuto scrivere un romanzo, e perché non lo scrisse. Disputa inestricabile, naturalmente; ma fondata, come risulta da queste pagine, che fanno rimpiangere il romanzo che Alfieri non scrisse. O che forse in effetti lo sono.