Mistica orientale, mistica occidentale

Rudolf Otto

Traduttore: M. Vannini
Editore: SE
Anno edizione: 2017
In commercio dal: 18 maggio 2017
Pagine: 253 p., Brossura
  • EAN: 9788867232772
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
"Il libro che qui presentiamo è del 1926. È il primo grande studio pubblicato da Rudolf Otto dopo il suo capolavoro, "Das Heilige" (Il sacro), apparso nel 1917, e la applicazione forse più interessante delle idee in esso contenute. [...]. Il libro analizza e confronta il pensiero di due grandissime figure della storia della filosofia e delle religioni, Eckhart e Sankara, maestro quest'ultimo della advaita (non-dualità) e del "puro Vedànta", commentatore prestigioso delle Upanishad e della Gita, artefice della rinascita del brahmanesimo nell'India dell'VIII secolo. Il parallelismo tra i due maestri appare davvero sorprendente e - non potendosi assolutamente parlare di reciproci influssi - mostra la effettiva convergenza e la strutturale omogeneità della più profonda esperienza filosofico-religiosa. Anche se i due maestri mantengono un preciso legame con le loro rispettive tradizioni - e questo segna, in ultima analisi, la loro differenza specifica -, i motivi principali e la ispirazione di fondo sono identici e si esprimono spesso in formule identiche." (dallo scritto di Marco Vannini)

€ 21,25

€ 25,00

Risparmi € 3,75 (15%)

Venduto e spedito da IBS

21 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 25,00 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Michele Lucivero

    02/02/2013 09:21:09

    All'interno di un percorso di filosofia comparata, Otto mette in correlazione due modalità particolari di esperire il sacro: la mistica occidentale, così com'è concepita da Meister Eckhart, e la mistica orientale di Acarya Sankara con il suo sistema dell'Advaita Vedanta. Pur premettendo che l'esperienza mistica rappresenta un approccio al fenomeno del sacro che travalica i confini della determinata rivelazione religiosa e pur analizzando approfonditamente le analogie tra i due sistemi, Otto non manca di mettere in evidenza le differenze tra i due. Fortemente influenzato dalla sua peculiare concezione della religione, esposta in Das Heilige, intesa come una predisposizione personale del soggetto attivata da un sentimento irrazionale in grado di accedere all'idea di Dio come ganz Anderes e Mysterium tramendum et fascinans, Otto ritiene che entrambe le mistiche siano percorsi di conoscenza che conducono a metafisiche irrazionali, non scientifiche, non filosofiche, ma essenzialmente soteriologiche. In entrambi gli autori sono presenti una mistica dell'abbandono o dello sprofondamento del sé e una mistica dell'unione con il principio divino: dall'anima alla deitas fino alla visio sub specie aeternitatis e dall'Atman al Brahman fino al Tat tvam asì. Tuttavia, la cifra specifica del pensiero di Eckhart, la cui unicità svela l'impianto apologetico dell'opera di Otto, consiste nella dinamicità del Dio vivente cristiano, nel suo tipico movimento dialettico esplicitato nel circolo ternario trinitario che rompe l'arco a tutto sesto e si slancia nel gotico germanico. Emerge tra le righe, sia a livello concettuale sia a livello lessicale, il sottile filo rosso che conduce da Eckhart a Heidegger, passando per Lutero, Schleiermacher e Hegel, toccando perfino lo Scheler de L'eterno nell'uomo.

Scrivi una recensione