Mondo Exotica. Suoni, visioni e manie della Generazione Cocktail

Francesco Adinolfi

Editore: Einaudi
Anno edizione: 2000
In commercio dal: 23 maggio 2000
  • EAN: 9788806155360
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione

Negli anni Novanta sono tornate di grande attualità alcune musiche esotiche anni Cinquanta e Sessanta legate alle Hawaii, agli spogliarelli, ai riti del cocktail, alle colonne sonore più piccanti, alle spie... Dalle pubblicità alle sigle televisive, in molti si sono gettati sul fenomeno. Contemporaneamente è sorto un movimento musicale definito "Generazione Cocktail" che si è appropriato di quei suoni "rileggendoli" ironicamente nei propri dischi o remixando quelli di mostri sacri come Dean Martin o Frank Sinatra. Il libro ripercorre la storia di queste "musiche adulte" di cui, per la prima volta dalla nascita del rock, un "movimento giovanile" si è appropriato.

€ 10,97

€ 12,91

Risparmi € 1,94 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    pierpaolo valenti

    29/01/2008 16:27:57

    Uno dei saggi più belli che abbia mai letto! Un testo frutto di ricerche che trasudano passione infinita per sonorità e stili sempre attuali. Lasciatevi conquistare dal fascino suadente della "generazione cocktail": esotismo, scapoli "ribelli" e donne da conquistare, b-movies e fidanzatine d'america, crooners e musicisti d'ogni genere, design e ambienti da sogno. Oggi lo chiamano lounge, ma è molto, molto di più.

Scrivi una recensione

Un libro sorprendente e straordinario, un catalogo di musiche "strane e incredibili" che dà la vertiginosa idea di quanto ampia e frammentata sia la galassia dei suoni odierni. In 500 fittissime pagine l'autore disegna un immaginario "triangolo delle Bermuda" in cui spariscono "dischi, musicisti, dj della Generazione Cocktail e del Lounge", esotismi musicali, strip-tease music, "crime jazz", colonne sonore di B movies e sigle TV, "Space Age Pop". Da Piero Piccioni a Nancy Sinatra, da Jimmy Scott a Brigitte Bardot e Morricone passando per gli Stereolab, un viaggio inatteso ai margini del Pianeta Musica dedicato a tutti coloro che non si accontentano dei "suoni di regime radio TV" e neanche dei generi forti e accertati, del rock, del jazz, del pop. Con una discografia ricca ed eccentrica, per verificare direttamente e riscattare così dall'oblìo opere per lungo tempo mortificate anche perché difficilmente catalogabili.
Recensione a cura di Riccardo Bertoncelli.