Monument. Musica per 2 pianoforti

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Bela Bartok, György Kurtag
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Fuga Libera
Data di pubblicazione: 1 maggio 2013
  • EAN: 5400439007109

€ 20,50

Punti Premium: 21

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Bela Bartok Cover

    Compositore e pianista ungherese.L'attività di pianista e di etnomusicologo. La sua prima educazione avvenne in un ambiente familiare dominato dall'amore per la musica. Fu la madre a insegnargli i rudimenti del pianoforte; poi, nel 1893, B. intraprese a Bratislava, con L. Erkel, gli studi di composizione, che completò (1899-1903) all'Accademia musicale di Budapest. Negli anni successivi, mentre iniziava la sua intensa attività di pianista, cominciò a coltivare un appassionato interesse per il canto popolare ungherese e balcanico, dedicandosi con Kodály alla raccolta e allo studio dei suoi documenti. Insegnante di pianoforte, dal 1907, all'Accademia di Budapest, proseguì con grande successo la carriera concertistica in patria e all'estero, esibendosi spesso anche insieme alla moglie, pure pianista,... Approfondisci
  • György Kurtag Cover

    Compositore e pianista ungherese. Dopo gli studi di pianoforte e composizione a Timis¸oara e a Budapest, ebbe nel 1958 la possibilità di recarsi a Parigi, dove furono per lui di grande significato gli incontri con Milhaud, Messiaen e la psicologa Marianne Stein. Alla Stein è dedicato il primo Quartetto per archi (1958), che già efficacemente enuncia la sua poetica fatta di gesti brevi e incisivi, piccole cellule generatrici, motivi frammentati e aforistici, ma anche l'aspirazione a compiere una sintesi fra la tradizione ungherese incarnata nei modelli di Bartók e la metafisica concisione di Anton Webern. La tendenza a miniaturizzare, anche dentro minuscoli organici, le grandi forme è riscontrabile nei Detti di Peter Bornemisza (1968) per soprano e pianoforte, un vero e proprio concerto spirituale... Approfondisci
Note legali