Categorie

Editore: Giunti Editore
Collana: Grandi cuochi
Anno edizione: 2011
Pagine: 240 p. , ill. , Rilegato
  • EAN: 9788809768529
Usato su Libraccio.it € 15,66

Dopo oltre un decennio, non si dimentica la consistenza delicata delle capesante con lime e caviale Beluga, il Tataki di tonno con conditella di pomodorini. Cipolla e colatura di alici e riso susci oltre ai dolci creativi. I dessert proposti erano il Cioccolato con riccio di mare oppure la Mousse di cappuccino con lingue di gatto, quel lato D, ossia dolce, che la clientela affezionata si portava a casa come souvenir di un'esperienza memorabile al Clandestino.

Chissà se in quell'ormai lontano 24 aprile del 1984, il giovane Moreno Cedroni, che aveva appena aperto la Madonnina del Pescatore a Senigallia, si immaginava che sarebbe stato nominato dal Wall Street Journal tra i primi dieci ristoranti europei di pesce del 2011. E questo è solamente uno dei tanti riconoscimenti che lo chef marchigiano, originario di Marzocca, frazione di Senigallia in provincia di Ancona, si è guadagnato nel corso di una entusiasmante carriera: due stelle Michelin, 18/20 nella Guida Espresso 2011. Il libro edito da Giunti, nella collana Grandi cuochi, è dedicato a Moreno Cedroni, quel che si dice una figura d'avanguardia nel panorama della cucina italiana e internazionale.
Inizia da ragazzo a prestare servizio come cameriere, in estate, in un ristorantino della zona. Si innamora della cucina e a dispetto dei suoi studi presso l'Istituto Nautico di Ancona, dopo il diploma, si lancia nella ristorazione. Non ha nessuna esperienza, solo i consigli della mamma Santina, che aveva lavorato come aiuto-cuoca presso la colonia dell'Enel di Senigallia. Saranno anni di duro lavoro e di studio per imparare la tecnica. Cedroni perfeziona la sua formazione attraverso la ricerca e i viaggi, spinto dalla voglia di sperimentare e rinnovare. Al grande amore per la tradizione e le materie prime della sua terra, unisce da sempre il desiderio di stupire e divertire il palato del proprio cliente.
Nel 2000 Moreno Cedroni apre nella baia di Portonovo, sulla costa adriatica, il Clandestino Susci Bar, dove in estate, ogni giorno vanno in scena le sue raffinate e avanguardistiche interpretazioni del concetto di sushi. Il locale conosce nel 2010 anche una versione urbana a Milano, in partnership con la Maison Moschino. Sempre in cerca di nuove frontiere da superare, Cedroni ha inoltre aperto a Senigallia, Anikò, la prima salumeria ittica del mondo dove vende anche le sue scatolette (acquistabili anche attraverso il suo e-commerce) con le conserve di pesce, per esempio quelle di polpo, patate e prezzemolo, tonno bianco arrostito al rosmarino... un modo, per rendere immortale il cibo.

A cura di Wuz.it