Categorie

Henning Mankell

Traduttore: G. Puleo
Editore: Marsilio
Collana: Farfalle
Anno edizione: 2005
Pagine: 517 p. , Brossura
  • EAN: 9788831772136

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Lilla

    31/05/2013 09.35.24

    Di Mankell avevo letto in precedenza " il Cinese" che ho apprezzato. Della serie del commissario Wallander " Muro di fuoco" è il primo che ho comprato e il giudizio è sicuramente positivo.Anche se sono 500 pagine di indagini il tutto scorre in modo chiaro e continuativo. Sì,la figura di Wallander è un po triste e depressa ma sicuramente umana e attuale.Chi non è depresso in questa società moderna?

  • User Icon

    Gianni F.

    16/09/2012 22.03.49

    Con questa ho letto tutte e nove le inchieste del commissario Wallander (Piramide l'ho letto in precendenza) Anche questo romanzo è di altisssima qualità: suspense, azione, indagini introspettive, il tutto sostenuto da ottimi dialoghi da un Wallander semplicemente meraviglioso,dal corollario di colleghi più o meno leali da un nemico feroce ed implacabile, sullo sfondo di un' autunnale e nebbiosa Ystad. Senza nuove avventure, mi sentirò orfano di Wallander, ma considerata l'eccezionalità di questi romanzi, non escludo che, pur essendo gialli, li rilegga tutti a breve!

  • User Icon

    Giorgio Girelli

    08/11/2009 09.42.22

    Come in tutti i romanzi dalla trama complicata, qualche "bug" è inevitabile, anche se uno è addirittura clamoroso. Nella media dei romanzi del ciclo di Kurt Wallander, cioè alta.

  • User Icon

    Andrea Ammannati

    04/06/2007 11.15.18

    Questo è il terzo libro di Mankell che ho letto, dopo Assassino senza volto e La leonessa Bianca e devo dire che ho iserito Mankell nella lista dei miei scrittori preferiti sia per la gradevolezza della sua scrittura ricca di particolari che per il personaggio del commissario Wallander uomo semplice con le sue debolezze da paragonare secondo me,ad un Henry Bosh senza pistola e meno duro, ma che come lui non molla mai.Da leggere.

  • User Icon

    Antonio

    14/02/2007 11.00.00

    Libro orrendo di Mankell, dopo il primo ke mi è piaciuto (Assassino senza volto), ne ho comprati altri due, che mi hanno deluso tantissimo..senza nè capo ne' coda questo..mah

  • User Icon

    michele

    30/01/2007 23.42.11

    Fino a un certo punto entusiasmante, dopo si "affloscia " un pò su se stesso, ma nel complesso é un gran bel libro, finalmente diverso dal solito cliché dei gialli-thriller (?) di ultima generazione. Il commissario poi, é una sorta di Montalbano nord-europeo; molto ben caratterizzato dall'autore.

  • User Icon

    trepidans

    11/12/2006 09.01.02

    triste,pesante,approssimativo.E' l'unico che ho letto di questo autore spinto dai buoni voti ottenuti nel sito.ma credo sia anche l'ultimo.

  • User Icon

    Carlo De Bonis

    02/12/2006 18.43.00

    Avevo letto in precedenza "La falsa pista" che mi era piaciuto molto e dove avevo lasciato un Kurt Wallander felice di passare un periodo di vacanza con Baiba dopo la soluzione del caso di Stefan Fredman e lo ritrovo in questo romanzo solo, triste e incompreso dai suoi stessi colleghi e superiori. Il romanzo é molto avvincente anche se lacunoso nella parte tecnica relativa alla catastrofe informatica.Mankell descrive perfettamente lo stato di un uomo non più giovane che vive tra il ricordo di un passato felice e normale e un presente violento e incomprensibile.

  • User Icon

    Alessio

    14/11/2006 13.44.38

    Grande come tutti i libri di Mankell... Analisi perfetta dei personaggi, e ottima commistione tra modernità ed interiorità... Come sempre un pò dilungante sui riassunti dell'indagine, ma così è più reale...

  • User Icon

    Giacomo

    03/09/2006 21.41.22

    Bravo Mankell!Un libro sicuramente coinvolgente, ci sono dei piccoli difetti ke andrebbero rivisti,tipo qualche forzatura nelle vicende (non nuova nei thriller) che cmq non invalidano un buon lavoro..belle anche le atmosfere che riesce a ricreare l'autore della mistica Svezia..Consigliato.

  • User Icon

    Lisa

    31/08/2006 10.57.44

    E' la prima volta che leggo un libro di Mankell, l'ho trovato per caso in un supermecato era il tascabile che costava meno in assoluto....chissà perchè ? Dopo un'intensa settimana di lettura le pagine mi restavano tra le mani. Adesso lo vado subito a ricomprare in libreria, costi quello che costi: ne vale davvero la pena!

  • User Icon

    Clara

    14/07/2006 15.30.58

    Un po troppo complicata la trama sempre una bella lettura Clara

  • User Icon

    nick

    27/06/2006 17.39.01

    ottimo, sulla scia dei migliori, originale e scorrevole

  • User Icon

    paolo

    16/06/2006 10.49.15

    molto bello da leggere sicuramente!!!

  • User Icon

    Enrico

    05/03/2006 09.27.22

    Letto, moderatamente apprezzato, archiviato. Non é il miglior Wallander.

  • User Icon

    Marcello Rossi

    25/01/2006 13.29.30

    Nessun dubbio. Il miglior Mankell di sempre. Corroborante come una bibita ghiacciata d'estate. Bravissimo. Inutile rimproverarlo per la tristezza del suo commissario: la vita è così, piena di prove da superare e il facile ottimismo è spesso sinonimo di superficialità.

  • User Icon

    giovanni ceccato

    05/01/2006 19.38.46

    Ho letto tutti i libri di mankell sinora pubblicati in Italia. Anche questo è splendido. Stile scarno, stringato, sensibile. Pensavo che la trama "gialla" si smarrisse a contatto con la tecnologia, visto il personaggio Wallander, ma devo riconoscere che l'ho letto di un fiato. Leggermente inferiore tuttavia a "La falsa pista" e "La quinta donna". Comunque da non perdere

  • User Icon

    clara

    29/08/2005 20.11.28

    Quello che mi ha colpito di più in questo libro è la tristezza del personaggio comissario(doto comune di tutti i suoi simili in tutti i romanzi gialli).E' un libro un pò corposo alcuni punti rimangono oscuri ma si legge molto bene perche' è scritto bene.Le descrizioni delle persone ,degli ambienti,della natura è così vivace e scorevole che ti prende dalla prima all'ultima pagina.Mi è piaciuto.

  • User Icon

    stefano

    02/08/2005 09.11.59

    decisamente non all'altezza de "la quinta donna" e "delitto di mezza estate". Finale di una mediocrita' assoluta. Peccato,dopo ennesima delusione Vi consiglio di spendere meglio i vs. soldi.

  • User Icon

    Giorgio

    27/07/2005 09.34.19

    Ho deciso di leggere "Muro di fuoco" condizionato dalle positive recensioni riportate in questo sito. La delusione è stata grande per la inconsistenza della trama e per la descrizione dei personaggi priva di profondità. La lettura dell'ultima pagina è stata una liberazione: tre giorni di lettura buttati al vento!

Vedi tutte le 29 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione