Traduttore: E. Malanga
Editore: La nave di Teseo
Collana: Oceani
Anno edizione: 2017
In commercio dal: 16/03/2017
Pagine: 506 p., Brossura
  • EAN: 9788893441292
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 10,80

€ 17,00

€ 20,00

Risparmi € 3,00 (15%)

Venduto e spedito da IBS

17 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Alessia

    14/08/2017 15:08:00

    Superato l'ostacolo delle prime cento pagine sono stata coinvolta dalla storia. Non è capolavoro ma sono contenta di averlo letto.

  • User Icon

    Alberto

    04/07/2017 06:14:53

    Sono 500 pagine che sembrano la metà perchè la scrittura scorrevole e le due storie - degli anni '30 e quella degli anni '60 - che si alternano e s'intrecciano fino a diventare una sola ti prendono. La giovane di colore, ex commessa di un negozio di scarpe, con aspirazioni di scrittrice, impiegata nell'istituto d'arte che sarà teatro delle vicende finali è la voce narrante e nello stesso tempo investigatrice del mistero del quadro comparso dal passato. E' un romanzo d'amore, di arte, di storia remota (la guerra civile in Spagna), di tradimenti, ben congegnato, forse qualche passaggio forzato, ma nell'insieme godibilissimo. Consigliato.

  • User Icon

    antonella mattiotti

    05/06/2017 16:09:28

    Ho letto "La musa" di Jessie Burton , perché ne avevo letto un capitolo e mi intrigava la storia del quadro e di quanto era successo sulla sua gestazione, realizzazione ed attribuzione. Sono due storie che avanzano parallelamente: una del 1936 ( la storia familiare e gli autori dei quadri), l'altra del 1964 (la parte più attuale , più vicina a noi ed i "personaggi " visti con gli occhi di trent'anni dopo) ; più riuscito l'intreccio ed l'ambientazione della storia recente, meno convincente, almeno secondo me, e meno scorrevole la parte relativa alla Spagna degli anni 30. Tutta la storia ha un taglio particolare e dimostra come la scrittura può essere avvincente anche senza delitti, ma con qualche mistero che viene via via svelato con il progredire delle vicende e può farvi rimanere con il fiato sospeso fino alle ultime pagine. Un omaggio all'arte ed al potere della scrittura, della poesia come possibilità di trovare codici comuni di condivisione di emozioni e sentimenti, di significati al di là delle differenze linguistiche ed etniche. Avevo letto precedentemente "Il miniaturista" della stessa autrice, ma trovo che il libro attuale meglio costruito e con personaggi maggiormente credibili. Lo consiglierei ai lettori che amano la creatività e l'imprevedibilità in quello che leggono.

Scrivi una recensione