Musica per archi

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Direttore: Alessio Vlad
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Arts
Data di pubblicazione: 1 giugno 2004
  • EAN: 0600554720128
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 9,50

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Disco 1
1
Crisantemi (Puccini)
2
Minuetto I In La Maggiore (Puccini)
3
Minuetto Ii In La Maggiore (Puccini)
4
Minuetto Ii In La Maggiore (Puccini)
5
Scherzo In La Minore (Puccini)
6
Quartetto In Re Maggiore (Puccini)
7
Fuga In La Maggiore (Puccini)
8
Fuga In Do Minore (Puccini)
9
Fuga In Sol Maggiore (Puccini)
10
Serenatella (Catalani)
11
A Sera (Catalani)
  • Giacomo Puccini Cover

    Compositore. Gli esordi. Ultimo di una dinastia di musicisti attiva da cinque generazioni, rimase orfano a sei anni per la morte del padre Michele, già organista e maestro del coro del duomo, nonché direttore dell'Istituto musicale di Lucca. Nonostante le difficoltà finanziarie, la madre Albina Magi poté fargli seguire studi regolari al Ginnasio e all'Istituto musicale, studi che tuttavia il ragazzo affrontò senza troppo entusiasmo. Il suo primo maestro, lo zio Fortunato Magi, succeduto nelle cariche del cognato, lo affidò quindi a Carlo Angeloni (già insegnante di Alfredo Catalani), col quale Giacomo studiò con notevole profitto e scoprì la propria vocazione per il teatro. Nel 1876 si recò a piedi a Pisa per assistere per la prima volta nella sua vita alla rappresentazione di un'opera, l'Aida... Approfondisci
  • Alfredo Catalani Cover

    Compositore. Ebbe la prima istruzione musicale dal padre e dallo zio; nel 1873 si iscrisse al conservatorio di Milano, dove proseguì lo studio della composizione con A. Bazzini. A Milano si svolse tutta la sua attività di compositore e, dal 1890, di insegnante di composizione. Legato agli ambienti della Scapigliatura, sensibile alle inquietudini e ai fermenti di rinnovamento che vi circolavano, C. si dedicò prevalentemente alla musica operistica. La falce (1875), su testo di A. Boito, mostra già alcuni tratti essenziali del suo mondo poetico, che si viene meglio precisando in Elda (1880, libretto di C. d'Ormeville), destinata a diventare, dopo una complessa rielaborazione, una delle opere più significative di C.: Loreley (1890). In essa, l'autore prende spunto dall'antico mito germanico per... Approfondisci
| Vedi di più >
| Vedi di più >
| Vedi di più >
Note legali