Musica sacra

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Signum Records
Data di pubblicazione: 1 maggio 2017
  • EAN: 0635212047422

€ 21,90

Punti Premium: 22

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD

Scrivi cosa pensi di questo articolo
5€ IN REGALO PER TE
Bastano solo 5 recensioni. Promo valida fino al 25/09/2019

Scopri di più

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Robert Fayrfax (1464-1521): Ave Dei patris filia;
John Sheppard (ca 1515-ca 1559): Verbum caro factum est;
Thomas Tallis (ca 1505-1585): Gaude gloriosa Dei mater; Magnificat a cinque voci; Videte miraculum;
John Taverner (ca 1490-1545): Mater Christi Sanctissima;
Robert White (1538-1574): Tota pulchra es; Regina caeli.
Dopo lo splendido In the Midst of Life (SIGCD408), il consort di musica antica Contrapunctus presenta il secondo volume della sua serie incentrata sulle opere del Baldwin Partbook e pubblicata dalla Signum. John Baldwin fece parte del coro della St George’s Chapel di Windsor e le trascrizioni da lui realizzate tra gli anni Settanta e Ottanta del XVI secolo costituiscono una delle più grandi raccolte di opere polifoniche di argomento mariano vergate durante i regni di Enrico VIII e di Mary Tudor. Questo disco presenta una vasta silloge di brani che celebrano Maria come Madre di Dio e come Vergine con il Bambino. Guidato da Owen Reese, l’ensemble Contrapunctus basa le sue incisive interpretazioni del repertorio rinascimentale su rigorose ricerche musicologiche. Oggi ensemble vocale in residenza presso la Oxford University, Contrapunctus vanta al suo attivo due dischi, Libera nos e il citato In the Midst of Life, entrambi scelti come candidati per il prestigioso Gramophone Award nella categoria dedicata alla musica antica. Contemporaneo di John Mundy, Robert White era un compositore di grande talento, che purtroppo ebbe la sventura di morire molto giovane a causa di un’epidemia di peste che decimò Londra. Il suo collega Robert Dow – che trascrisse una copia personale dei mottetti di White – lasciò nel manoscritto l’epitaffio "Grande gloria della nostra Musa White: tu sei morto, ma la tua arte vivrà per sempre". Come Mundy, anche White mise in musica Tota pulchra es, un testo ricco di colori che veniva tradizionalmente attribuito alla Vergine Maria. E come il Vox Patris caelestis di Mundy, questo lavoro rivela il lato più ardente della devozione mariana in Inghilterra – forse anche per l’omonimia con la regina sul trono in quel periodo. Sotto il profilo stilistico, questo mottetto a sei voci di White sembra guardare ancora al passato, con la melodia del cantus firmus sempre presente nella parte del baritono e un’estensione vocale relativamente ampia (Fa-sol’’). Questo consente di ottenere sonorità liriche ed espansive, che si pongono in netto contrasto con le strutture più dense e i continui passaggi imitativi che compaiono spesso in molti mottetti basati si salmi di White.
  • John Tavener Cover

    Compositore inglese. Pur subendo le influenze dapprima di Stravinskij, poi di Messiaen e di Cage, è approdato presto a uno stile personale intonato a un sentimento mistico e trascendente. La sua produzione comprende pertanto lavori strumentali da camera e un concerto per pianoforte e orchestra (1963), ma soprattutto composizioni vocali, sia per voci soliste, sia per coro, soli e strumenti (fra quest'ultime si ricordano: il Celtic Requiem, 1969; Ultimos ritos, 1972; il Requiem for Father Malachy, 1973; Ikon of Light per doppio coro e trio d'archi, 1984; la cantata We shall see Him as He is per soli, coro e orchestra, 1990; Melina per voce sola, 1994); inoltre, The Repentant Thief per clarinetto e orchestra (1990). Ha composto anche opere drammatiche, fra cui Thérèse (1976), A gentle spirit... Approfondisci
  • Thomas Tallis Cover

    Compositore inglese. Nel 1542 divenne gentleman e organista della cappella reale e della corte, sotto Edoardo vi, la regina Mary ed Elisabetta i. Contrappuntista insigne, educato ai modelli della polifonia continentale, fu il maggiore compositore inglese di musica sacra della generazione precedente W. Byrd, il quale (forse suo allievo) lo affiancò nella cappella reale dal 1572. La sua produzione risente, nei generi e nello stile, dei mutamenti di politica religiosa succedutisi tra riforma protestante e restaurazione cattolica. Alle composizioni su testo inglese conformi alla liturgia anglicana (services, anthems, preces ecc., di stile prevalentemente omofonico), si affiancano musiche su testi latini in stile contrappuntistico e imitativo più elaborato: tra queste, 3 messe a 4-7 voci, 2 Magnificat,... Approfondisci
  • Robert Fayrfax Cover

    Compositore inglese. Fu prima cantore alla cappella reale di Londra, poi, dal 1502 al '25, organista dell'abbazia di Saint Albans. Divenne «doctor of music» a Cambridge (1504) e a Oxford (1511). Ci rimangono di lui opere polifoniche di vario genere: messe costruite su un cantus firmus , di grande sapienza contrappuntistica, magnificat, mottetti, canzoni profane. È considerato il più interessante compositore inglese del periodo compreso tra la fine del '400 e i primi decenni del '500. Approfondisci
Note legali