Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Must the Devil Have All the Good Tunes? - Vinile LP di John Adams,Los Angeles Philharmonic Orchestra,Gustavo Dudamel,Yuja Wang

Must the Devil Have All the Good Tunes?

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: John Adams
Direttore: Gustavo Dudamel
Supporto: Vinile LP
Numero supporti: 1
Etichetta: Deutsche Grammophon
Data di pubblicazione: 16 ottobre 2020
  • EAN: 0028948389506
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 28,90

Punti Premium: 29

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Prima Registrazione Mondiale di Must The Devil Have All The Good Tunes? di John Adams, lavoro commissionato dalla Los Angeles Philharmonic ed eseguita sotto la direzione di Gustavo Dudamel con Yuja Wang al pianoforte.
Il lavoro è stato ispirato da un articolo con lo stesso titolo su Dorothy Day sul New Yorker: 25 minuti di grande virtuosismo pianistico e orchestrale che il Washington Post ha definito come la versione moderna della Totentanz di Franz Liszt.
Pubblicato in formato digitale lo scorso aprile, quest’opera è ora disponibile anche in versione fisica solo in vinile.
Disco 1
1
I. Gritty, Funky, But In Strict Tempo; Twitchy, Bot-Like
2
Iia. Much Slower; Gently, Relaxed
3
Iib. Much Slower; Gently, Relaxed Attacca
4
Iii. Piu Mosso, Obsession - Swing
5
China Gates
  • John Adams Cover

    Compositore statunitense. Dopo un esordio come clarinettista, si è perfezionato con R. Sessions e D. Del Tredici in composizione, materia che ha poi insegnato al conservatorio di San Francisco nel 1971-81. Nel 1982 ha ottenuto il premio «Guggenheim». È uno degli esponenti più in vista degli ultimi sviluppi della corrente «minimalista» ispirata ai modelli di Philip Glass e caratterizzata dalla riduzione del discorso musicale alle sue strutture elementari, dalla ripetizione di moduli in continua trasformazione e da un ostentato eclettismo stilistico (American Standard, 1973; Gran Pianola Music per 2 soprani, 2 pianoforti e piccola orchestra, 1980; inoltre, Shaker Loops per 7 archi, 1978; Common tones in simple time, 1979, Tromba lontana, 1986, e Fearful symmetries, 1988, per orchestra). In seguito... Approfondisci
Note legali
Chiudi