Categorie

Mauro Corona

Editore: Mondadori
Anno edizione: 2005
Formato: Tascabile
Pagine: 272 p. , Brossura
  • EAN: 9788804537861

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Renzo Montagnoli

    28/09/2014 11.13.35

    Novantatre racconti più un epilogo costituiscono questa raccolta dall'emblematico titolo "Nel legno e nella pietra". Sono quasi tutte prose abbastanza brevi, al massimo di tre pagine e quindi la lettura non risulta impegnativa, anche grazie alla varietà dei temi e allo stile piano dell'autore, con una fluidità e un'efficacia di esposizione che ricorda, pur senza raggiungerla, la straordinaria abilità al riguardo di un altro narratore, pure lui montanaro, e cioè Mario Rigoni Stern. Preciso, inoltre, che per la presenza tangibile di Mauro Corona in ognuno di questi scritti, per i periodi della sua vita che lì si trovano esposti, Nel legno e nella pietra finisce con l'essere una, se pur parziale, autobiografia. Ci sono i rapporti dell'autore con gli animali, con gli uomini, con la natura, le sue imprese alpinistiche, anche sfortunate, i lunghi e duri anni di lavoro alla cava di marmo. Ciò che tuttavia stupisce è scoprire ancora una volta quanto il Corona descritto sia reale, cioè l'autore si dipinge con pregi e difetti, non lesinando soprattutto questi ultimi, senza autocompiacimento, ma con l'umiltà di chi, sotto una parvenza di semplicità, rivela qualità e soprattutto concretezza di vita forse insospettabili. Quell'uomo, barbuto, con la capigliatura mai in ordine, trasandato nel vestire, è effettivamente così, per sua precisa scelta, secondo uno stile di vita che magari non ci attira, pur destando curiosità, ma che è il frutto di una ricerca del senso dell'esistenza a cui è da tempo approdato. E' ormai da anni che seguo Mauro Corona, grande scalatore, abile scultore e bravo narratore, in quest'ultimo caso con una produzione di eccellente qualità che ribadisce sempre la necessità di vivere in armonia con la natura, messaggio che condivido pienamente.. Nel legno e nella pietra riconferma le elevate qualità dell'autore, consente una lettura snella e piacevole, introduce ad ampie, profonde e opportune riflessioni; pertanto è più che raccomandabile.

  • User Icon

    Monsa

    31/10/2009 07.56.36

    Frammenti di vita a cavallo tra il Friuli e il Veneto: alcune pagine sono belle, altre meno, tutte, comunque, gradevoli. Le cose migliori arrivano alla fine del libro con le storie della cava di marmo e la grande umanità che trasuda dalla fatica della nostra classe operaia. Il libro non è di certo la cosa migliore del “ragazzo di Erto” e, forse, la struttura estremamente frammentaria (quasi tutti i racconti non superano le due pagine) non consente di esprimere quella morale malinconica che fa così grande “Aspro e Dolce”. Insomma, “Nel legno e nella pietra” si legge ma si dimentica anche. Un po’, forse, come vorrebbe lo stesso Mauro Corona.

  • User Icon

    Cristina

    29/06/2008 17.34.05

    mentre leggevo questo libro mi è venuto in mente quando andavo a scuola e facevo le elementari e la maestra tutti i giorni, appena arrivati in classe, ci faceva scrivere il "pensierino" del giorno. Così Mauro Corona nello scrivere questo, come anche altri suoi libri, mi ha dato come l'impressione che stesse scrivendo i suoi "pensierini" di una vita passata, di un'infanzia vissuta con semplicità e coerenza con quella che è stata la sua realtà quotidiana prima di diventare un "grande" narratore di vita vissuta.

  • User Icon

    Marty

    29/10/2007 21.50.18

    Per apprezzare questo libro penso si debba leggerlo "a caso" Non iniziatelo come qualunque altro libro dalla prima all'ultima pagina, vi annoierebbe. Aprite una pagina a caso e leggete la storia che narra non creerete confusione non c'è un filo logico che unisce un capitolo all'altro. Leggete un'altra pagina e viaggiate nelle immagini che evoca... Non abbiate fretta non c'è niente da scoprire ogni pagina è l'intero libro.

  • User Icon

    Bruno Mattei

    11/04/2007 14.11.06

    Che libro! ;) Da leggere storiella per storiella, ridendoci su! Scritto molto bene, scorrevolissimo, ripropone storie di vita montana con tutti i suoi personaggi e luoghi (reali). Consiglio la lettura, di questo libro a chi non conoscesse ancora il personaggio e mito Mauro Corona! Up!

  • User Icon

    daniela

    16/01/2007 14.20.01

    Questo libro è bellissimo e lo sto rileggendo per la seconda volta, dopo averlo letto, non riesco a leggere altri libri romanzati... è unico.

  • User Icon

    Mirko

    20/01/2006 15.32.48

    Dopo aver letto "Aspro E Dolce" quest'opera mi sembra molto inferiore, anche se l'ho letta volentieri e mi è piaciuta, manca della vitalità, del colore di Aspro E Dolce. Ho trovato un po' eccessivo lo spazio dato ai racconti di arrampicate e arrampicatori, un po' ripetitivi. Di buono c'è che in questo libro si impara molto sul lavoro di Mauro nella cava di pietra, un lavoro terribile, che fa apparire qualsiasi altro mestiere una pacchia. Bel salto di qualità diventare scrittore!!!

  • User Icon

    ELISABETTA

    29/12/2005 12.40.59

    Le brevi storie di Corona, dal linguaggio semplice ma profondo, contengono tante "pillole di saggezza". Grazie Mauro!

  • User Icon

    Tiziana

    19/09/2005 20.13.42

    MAURO CORONA CHE PERSONAGGIO... Scalatore, scultore, amante delle donne e del vino ma in fondo un grande,grandissimo, poeta. Racconti semplici che ti aprono il cuore, che ti fanno sorridere e riflettere. Anche mio padre se ne e' innamorato. LEGGETELO.

  • User Icon

    SGM Stefy

    18/09/2005 16.49.41

    Tante storie, leggende, fatti, personaggi...Volti indimenticabili, montagne, scalate pericolose...Un libro che racconta una vita una po' particolare.

Vedi tutte le 10 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione