Nel ritmo del piacere. Amore, morte & Duran Duran

John Taylor

Traduttore: G. Rapetti
Editore: Arcana
Collana: Arcana musica
Anno edizione: 2012
In commercio dal: 28 novembre 2012
Pagine: 332 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788862312783
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con Carta del Docente e 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 9,25

€ 18,50

Risparmi € 9,25 (50%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
Cosa ne pensi di questo prodotto?
PER TE 5€ DI BUONO ACQUISTO
con la promo Scrivi 5 recensioni valida fino al 23/09/2018
Scopri di più

€ 18,50

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 8,33 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Theloina

    09/12/2013 17:48:21

    Come dire, ero un duran duran,andavo con le modelle più gnocche della terra, non facevo una mazza tutto il giorno, vedevo i posti piu esotici del mondo, .... ed ero infelice, mi drogavo e bevevo... Ma dai...per piacere.

  • User Icon

    angela

    24/01/2013 18:33:53

    Per tutti i nostalgici degli anni 80 e per chi ha amato i Duran Duran. Un libro bello, pieno di "chicche" sconosciute al grande pubblico,foto inedite e profonde immersioni nella vera vita di questo indimenticabile gruppo inglese. Un libro di ricordi da non perdere, un tuffo nel passato e nella musica che ha scandito i miei anni di scuola.

  • User Icon

    Roberto Rondelli

    04/01/2013 22:23:34

    In qualità di grande cultore della musica anni 80, e in particolare di quella dei Duran Duran, ho acquistato e letto subito il suddetto libro. Credendendo fosse la solita monografia sulla band di Birmingham, sono rimasto invece piacevolmente sorpreso dal fatto che si tratta soprattutto di testo confessione di Nigel-John Taylor, ovvero uno dei migliori bassisti in circolazione in quel tempo. Egli racconta in più di 300 pagine ascesa e declino, gioie (tante) e dolori (altrettanti) del sua vita musicale in seno al gruppo. Quello che più comunque mi ha colpito è il suo crudo racconto degli eccessi di alcol e droga che lo hanno trascinato più volte sull'orlo dell'abisso. E bravo John, oltre ad essere un ottimo musicista sei anche un ottimo e sincero narratore. Lo consiglio vivamente a tutti quelli che hanno apprezzato la musica dei Duran Duran.

Scrivi una recensione