Traduttore: I. Sibaldi
Editore: Garzanti Libri
Collana: I grandi libri
Anno edizione: 2003
Formato: Tascabile
Pagine: XXXIII-183 p., Brossura
  • EAN: 9788811366027
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 8,08

€ 9,50

Risparmi € 1,42 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    vinnyrasky

    08/02/2018 20:51:58

    Uno dei romanzi meno letti del grande Dostoevskij anche perchè privo di fine essendo stato l'autore arrestato e condotto ai lavori forzati in Siberia. Eppure ancora una volta il grande romanziere risulta essere straordinariamente moderno. Affronta la tematica dell'amore omosessuale anticipando la tematica di oltre un secolo e lo fa con estrema delicatezza e dovizia di sfumature di emozioni che sempre lo hanno contraddistinto in tutti i suoi libri. Il racconto è scritto in prima persona da Netocka che affronta i ricordi di quando era bambina, poi adolescente e infine giovane ragazza. Dal rapporto morboso con il padre adottivo al sentimento di contrasto con la madre, dall'amore smisurato -appunto- per una sua coetanea a quello ossessivo per la sua mamma adottiva fanno da sfondo a questo grande e sottovalutato romanzo. Sfortunatamente non c'è dato sapere come ulteriormente i fatti si svolgeranno, ma molto probabilmente è giusto che sia così. Tornato dalla Siberia, Dostoevskij era un uomo nuovo, diverso e dunque gli fu impossibile proseguire nella descrizione. Così il lettore ha una parte importante nel racconto: può immaginare lui il concludersi della vicenda. Si potrebbe difatti ipotizzare un lieto fine per Netocka con la sua Katia, ma chi Dostoevskij lo conosce bene non può non immaginare una Netocka adulta piena di contrasti e tribolazioni, satura di sventure e soprusi, ma così viva da dover imporsi col suicidio anche alla morte sulla falsa linea di un'altra eroina russa come Anna Karenina. Decisamente consigliato a chi (come me) ama questo scrittore, poichè dopo aver letto Dostoevkij è veramente difficile approcciarsi a qualsiasi altro libro senza che quest'ultimo non risulti essere vacuo e insulso.

Scrivi una recensione