Categorie

Álvaro Mutis

Editore: Einaudi
Anno edizione: 2016
Formato: Tascabile
  • EAN: 9788806228590
Disponibile anche in altri formati:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Beppe

    29/12/2016 23.15.53

    Romanzo breve, ma eccezionale. Un diario di bordo che ricordata, per tanti aspetti, "Cuore di tenebra" di Conrad. Ho da poco scoperto Alvaro Mutis e non vedo l'ora di leggere altre sue opere.

  • User Icon

    Sandro

    08/06/2014 15.26.10

    Uno dei capolavori della letteratura sudamerica. Mutis, che ci ha lasciati di recente, andrebbe rivalutato.

  • User Icon

    clara lunardelli

    15/01/2010 17.41.20

    meravigliosi margini umani e naturali. per chi ama il confine in ogni cosa. clara

  • User Icon

    Franco

    02/02/2008 14.05.12

    Maqroll il Gabbiere. Che personaggio! Ti affascina subito prendentoti con sé nel suo viaggio, ti fa spettatore di ciò che vede e, soprattutto ciò che sente in quella selva che è materiale, umana e spirituale. Un viaggio come un cammino iniziatico verso una meta che è solo pretestuosa, una meta interna per capire chi si è veramente, che cosa conta e per riconoscere l'immortalità di cui, viventi, si può essere portatori. Affine a personaggi alla Conrad ("Cuore di tenebra" senza dubbio)e a Corto Maltese, il Gabbiere è però più riflessivo, come un diaframma che filtra tutto nel profondo dell'animo e lo elabora continuamente per dare ancora più valore a ciò che gli accade. Dopo questo libro mi sono buttato subito su un altro di Mutis, "L'ultimo scalo del Tramp Steamer", ma mi ha dato una fortissima sensazione di già visto e di inferiore a questo. Come certi scrittori la cui prima opera che si legge ti segna e coinvolge talmente che ogni altra ti sembra poi, vuoi per stile o temi trattati, solo un prolungamento, forse inutile perché già si era assorbito quello che c'era da assorbire da questo autore (penso ora come ora a Celine). Se avessi probabilmente preso in mano prima L'ultimo scalo o un altro libro di questo autore prima di questo magari sarebbe successo l'inverso.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione