Categorie
Traduttore: S. Basso
Editore: Einaudi
Collana: Super ET
Anno edizione: 2005
Formato: Tascabile
Pagine: 351 p. , Brossura
  • EAN: 9788806176600

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    nickla74

    29/12/2014 11.55.39

    A me è piaciuto...più di 'anime alla deriva'...e mi è piaciuto il finale (cosa non da poco)...scorrevole con personaggi credibili...forse la meno interessante è proprio Maggie.

  • User Icon

    Ilaria

    22/01/2013 16.33.56

    Che dire... ho trovato questo libro per caso, mi ha incuriosita tantissimo il titolo: Noi. Mi aspettavo di trovare una storia diversa, ma ho trovato tutt'altro. Non penso sia un brutto libro, mi piace molto il modo in cui è scritto, mi piace il fatto che ogni personaggio racconta il suo punto di vista. La cosa che mi ha delusa del tutto è stato specialmente il finale... è un libro (a mio parere) terribilmente triste!

  • User Icon

    Roberta

    20/09/2010 10.38.21

    Niente a che vedere con "Anime alla deriva". La lettura e' senza grandi emozioni o coinvolgimenti. Il racconto e'uno spaccato di una generazione, con tutte le sue problematiche, le sue incomprensioni e le sue tragedie.L'insicurezza di Jake, Maggie, Julian e Adrienne sara' il perno della loro vita adolescenziale e per alcuni di loro anche la "responsabile" della loro indoddisfacente vita adulta.

  • User Icon

    ilaria

    14/02/2009 15.19.49

    ho letto anime alla deriva con troppe aspettative dato che tutti lo raccomandavano caldamente. la storia non mi aveva coinvolto granche' ma il modo di scrivere di questo autore mi aveva comunque conquistata. questo libro e' stato ancora piu' sperimentale dal punto di vista della scrittura e la trama piu' appassionata.ok bel libro!!!!

  • User Icon

    lhl

    09/01/2008 10.49.08

    è molto bello dover seguire i salti a cui ci costringe l'autore, da un personaggio, da un periodo, da una storia all'altra. Fino al loro inevitabile incrocio, peraltro a ritroso nel tempo. Io, noi, voi, oggi, ieri l'altro, ieri, infine domani, di queste quattro o cinque anime alla deriva, per un verso o per l'altro, senza pace nè felicità, senza soddisfazioni nè successi. A mio parere lo stile di scrittura è vincente: ti fa sentire lì, nei vari luoghi in cui si sviluppano le storie. Ti fa inevitabilmente fare il tifo per almeno un paio di personaggi e, viceversa, odiare gli altri. Ti fa cercare di immaginare il finale e sperare sia positivo per qualcuno di essi. Proprio qui sta un po' il limite: sempre e comunque, pessimismo e negatività. Ed un finale comunque un poco sottotono ed affrettato.

  • User Icon

    Valentina

    07/03/2007 01.34.32

    Un libro a mio parere deludente rispetto ad "anime alla deriva", peccato. In ogni caso da leggere.

  • User Icon

    MICHELA

    07/12/2006 12.15.09

    Bel libro, scorrevole, raccontato in modo originale e con uno stile semplice. Storia coinvolgente: insomma da leggere!

  • User Icon

    sarah

    13/10/2006 10.55.36

    avevo letto anime alla deriva e mi era piaciuto molto, mi aveva molto coinvolto, il titolo del precedente romanzo si adatterebbe benissimo a questo, non mi ha particolarmente entusiasmato, forse per il modo in cui è scritto, forse per la storia un po' triste di quattro persone fondamentalmente molto infelici, sia da piccoli che da grandi e lo sfociare delle esperienze passate che si ripercuotono inevitabilmente sull'essere adulto, tutto torna e rimane

  • User Icon

    francesco

    19/07/2006 13.41.08

    sicuramente è un ottimo libro, lontano dai libri che si definiscono stupidate per i ragazzi. profondo con una trama molto coinvolgente. il modo in cui l'autore narra la vicenda è un sperimentale, noi voi io, i vari protagonisti si raccontano è la vicenda può essere compresa da tutti i punti di vista. ottimo libro da leggere, leggero senza essere banale. delude anche molto il finale che toglie un punto al libro

  • User Icon

    LUCIA

    15/06/2006 17.27.46

    In ogni pagina sfogliata, la curiosità e l'immaginazione per come sarà il finale aumenta. E' necessario frenare le proprie aspettative per non trovarsi ad immaginarsi troppo e poi non trovare molto. Resta comunqu un buon libro, che rigenera in noi (bellissima sensazione) il ricordo della vita scolastica.

  • User Icon

    Martina

    24/04/2006 11.31.19

    Un libro scritto abbastanza bene e di sicuro molto originale, la trama non mi convince del tutto ma certamente ha il merito di innalzarsi a di sopra della banalità finto-buonista e dei luoghi comuni che popolano i soliti romanzi sui giovani.

  • User Icon

    Dietnam

    08/04/2006 14.12.32

    Stupendo. Non serve aggiungere altro.

  • User Icon

    Giulia Falavigna

    25/03/2006 12.03.00

    il modo in cui è narrato ricorda un po' "anime alla deriva". l'ho letto in fretta, mi ha sorpreso il finale....

  • User Icon

    Cristina

    20/10/2005 16.54.18

    Forse mi aspettavo troppo da questo romanzo ... non so ...i dialoghi sembrano a volte inconsistenti, i personaggi non sono descritti a fondo e anche alcune situazioni sembrano essere lasciate in sospeso ... Peccato!!

  • User Icon

    Marianna

    06/09/2005 10.56.35

    Bello, ironico, riflessivo ...il classico libro da leggere con calma "se no finisce subito", e rimpiangi il fatto di non essertelo potuto godere fino in fondo... Complimenti a Mason!!!

  • User Icon

    Elena87

    31/08/2005 14.37.24

    E' davvero un bel romanzo,consiglio di leggerlo e dopo una decina di romanzi letti posso dire che è il più bello che abbia mai letto,forse perché tratta i problemi adolescenziali e lo sento più vicino ame in questo periodo della mia vita.Mason racconta i momenti più belli e quelli più brutti della vita di questi ragazzi,i classsici momenti che abbiamo vissuto un po' tutti (l'innamoramento,il primo amore,l'intricato rapporto figli-genitori,le prime trasgressioni) che ti fanno immedesimare nei vari personaggi.Robe da accapponare la pelle.REALLY AMAZING!!!!!!!!!!!

  • User Icon

    lisa

    01/08/2005 18.32.06

    peccato, mi aspettavo di più da questo libro; il tentativo di entrare nella psiche dei tre protagonisti è sicuramente notevole, però non è stato descritto in modo esauriente maggie, il personaggio centrale.

  • User Icon

    Greta

    07/07/2005 10.29.49

    Ottimo libro di riconferma di questo giovane scrittore che promette e mantiene bene. Quattro ragazzi, adolescenti s'incontrano e si amano, sono molto diversi tra di loro: "Julian e Maggie sono fratelli provenienti da una famiglia upper-class inglese. Adrienne è ricca, bella e americana. Jake non ha avuto nessuna di queste fortune, sua madre faceva l'estetista e lui ha potuto frequentare le scuole migliori solo grazie ai soldi di una scommessa". Jake viene tormentato negli anni di scuola, proprio per questo suo non appartenere al mondo bene.....ma poi arriva Maggie. E' lei la forza del romanzo, è la tiranna della situazione, con il suo fascino e il carattere forte è il sole....e tutto gira intorno a lei. S'innamora naturalmente dell'afflitto di turno, Jake, e decide con una volontà tenace di vendicarlo dei torti subiti. Julian vive nel riflesso della sorella, non ha la sua forza e il suo carisma, è lo spettatore sempre fermo ai margini a guardare, come lui stesso pensa: "le persone si dividono in tre categorie: tiranni, vittime e spettatori". Sia lui che Adrienne osservano e ammirano, invidiano la presa di posizione di Maggie e di Jake poi.... Mason ritorna con questo libro sul tema del carattere: c'è chi nasce forte, chi forte non lo sarà mai e chi forte impara ad esserlo sulla propria pelle. E alla fine resta l'amaro in bocca, la tragedia che cambia le vite dei protagonisti è solo la conseguenza di un gioco giovanile...ma loro perdono l'innocenza e si trovano a fare il conto. Sarà molto salato! Sarà un lungo rimpianto.............

  • User Icon

    mary

    01/07/2005 17.12.15

    non ho visto commenti riguardo questo libro. peccato, è da leggere.

Vedi tutte le 19 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione