Non al denaro, non all'amore né al cielo

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Artisti: Morgan
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Sony Music
Data di pubblicazione: 6 maggio 2005
  • EAN: 5099751973522
Salvato in 5 liste dei desideri

€ 11,50

Punti Premium: 12

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Scrivi cosa pensi di questo articolo
5€ IN REGALO PER TE
Bastano solo 5 recensioni. Promo valida fino al 25/09/2019

Scopri di più

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Disco 1
1
Inizio
2
Dormono Sulla Collina
3
Un Matto
4
Un Giudice
5
Un Blasfemo
6
Un Malato Di Cuore
7
L'Inverno Di Vivaldi
8
Un Medico
9
Un Chimico
10
Un Ottico
11
Primo Cliente
12
Secondo Cliente
13
Terzo Cliente
14
Quarto Cliente
15
Il Suonatore Jones
16
Fine
17
Coda
4,08
di 5
Totale 12
5
8
4
1
3
1
2
0
1
2
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Gianfranco

    20/09/2010 10:15:29

    Un autentico monumento all'inutilità. Forse il disco più bello e commovente di De Andrè ridotto ad un mesto ed inespressivo remake. Unico tocco di originalità (???) l'inserimento di un frammento dell'adagio dell'Inverno di Vivaldi, proposto in un'esecuzione tediosa come raramente è dato di ascoltare. Il genio di De Andrè ha reinterpretato e dato nuova vita alle crude poesie di Masters, l'opaco (eccezion fatta per le acconciature...) Morgan è riuscito a copiare perfino la copertina. Beh, devo recitare un mea culpa, perchè amo talmente De Andrè che ci sono cascato e l'ho comprato...

  • User Icon

    Ernesto

    01/05/2009 15:43:24

    Amo alla follia l'originale di De Andrè. Devo dire che anche Morgan ha reinterpretato stupendamente con il suo gusto le canzoni. Bravissimo

  • User Icon

    Baba

    12/04/2008 12:07:19

    ESSENDO GRANDEMENTE APPASSIONATA ALLA POETICA DI FABRIZIO DE ANDRE'(E DI QUESTO DISCO NELLA FATTISPECIE) HO USATO LA MASSIMA ATTENZIONE NELL'ASCOLTARE 'NON AL DENARO' NEL RIFACIMENTO DI MORGAN. E DEVO AMMETTERE CHE MALGRADO SIA COMPLICATISSIMO RESTITUIRE LA STESSA POTENZA EVOCATIVA DELL'ORIGINALE, QUI SEMBRA CHE SI SIA ARRIVATI MOLTO MA MOLTO VICINI. C'E' UNA CURA REALMENTE METICOLOSA, PREMUROSA, QUASI AFFETTUOSA NEL DONARE NUOVA LINFA ALLE CANZONI, PUR TRATTENENDO IL MASSIMO RISPETTO VERSO DI ESSE, FACCIO QUINDI I MIEI PIU' GRANDI COMPLIMENTI AL MAESTRO CASTOLDI, CHE ANCORA UNA VOLTA NON HA TRADITO LE ATTESE SULLA SUA PREPARAZIONE MUSICALE E INTELLETTUALE.

  • User Icon

    Francesco

    09/07/2006 12:49:29

    Meravigliosa reinterpretazione del disco di DE ANDRE',la voce di Morgan esprime molto bene,la malinconia che pervade il disco.Molto belle UN MALATO DI CUORE,UN MEDICO,UN CHIMICO,ma il finale con IL SUONATORE JONES e la musica che segue è di una bellezza struggente.Anche io credo che De ANDRE' ne sarebbe stato contento di questa versione di Morgan che non solo non snatura il disco originale,ma gli da nuova linfa.

  • User Icon

    giuseppe

    10/06/2006 15:36:59

    De Andrè è un mito, Morgan lo esalta, penso che Faber ne sarebbe entusiasta.

  • User Icon

    moneo

    01/06/2006 17:27:56

    quando dio l'aveva pensato secondo me era proprio così e de andrè ci era andato molto vicino...

  • User Icon

    francesca

    05/01/2006 16:43:28

    Quando ho visto il disco sullo scaffale del negozio sono quasi inorridita:rifare un album di De Andrè?con che coraggio?...Poi ho provato ad ascoltare il mio brano preferito,"il blasfemo",e sono rimasta senza fiato.Bravo Morgan..ma il merito,me lo si lasci sottolineare,è ancora soprattutto del grande De Andrè..

  • User Icon

    Gabriele

    04/11/2005 13:01:39

    Io amo faber in tutto per tutto, oltre a questo a proposito di Morgan, suggerirei prima di criticare o minimizzare il suo "lavoro" che sarebbe bene leggere un po la sua biografia. Di certo non è un pinco pallino al quale passa per la testa di fare cover. Per quanto mi riguarda mi sento di ringraziare Morgan per questa sua interpretazione, la quale non snatura ne appassice un grande lavoro del passato "sempre presente" del Grande Fa. Gabriele

  • User Icon

    Luca

    14/10/2005 11:49:09

    Sono un appassionato di De Andrè anche se ho 17 anni e in particolar modo adoro quest'album... Credo che Morgan abbia fatto un ottimo lavoro nel reinterpretare le musiche e le emozioni di questo disco a volte reinterpretando le canzoni come nel caso de "un malato di cuore". Sicuramente non ho avuto le stesse emozioni dell'album dell'artista genovese ma Morgan a mio avviso ha svolto un buon lavoro, scegliendo inoltre uno degli album più belli e suggestivi di De Andrè.

  • User Icon

    Davide Panurge

    15/07/2005 19:40:29

    Bellissimo lavoro di De Andre-Piovani reinterpretato magistralmente da Morgan, il più geniale e colto dei giovani musicisti pop italiani. In questi anni non ha fatto solo questo disco, ha composto colonne sonore, ha studiato e scritto, ha progettato lavori futuri. Certo, per realizzare cose notevoli ci vuole tempo, ma il personaggio Morgan trasmette la voglia di studiare e migliorarsi, e per questo deve essere preso come esempio da tutti, giovani e non. Non è certamente un cantente che sforna ogni anno dischi banali come molti altri, e di questo bisogna dargli atto e ringraziarlo.

  • User Icon

    luchino

    01/07/2005 17:56:38

    ma se il lavoro di un paio di anni di una persona non è altro che il risuonare un disco di de andre perche questa persona deve essere definito artista???

  • User Icon

    Fabio

    29/06/2005 12:34:45

    Bravissimo Morgan, reinterpreta ma non snatura quest'ottimo disco di Faber.

Vedi tutte le 12 recensioni cliente
  • Morgan Cover

    (Bromley, Kent, 1894 - Londra 1958) scrittore inglese. Autore di drammi a tesi, autorevole critico teatrale, è noto per i suoi romanzi (Ritratto allo specchio, Portrait in a mirror, 1929; La fontana, The fountain, 1932; Nel bosco d’amore, Sparkenbroke, 1936; Il viaggio, The voyage, 1940), incentrati sul conflitto tra amore e indipendenza spirituale. Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali