«La nostra sfida alle stelle». Futuristi in politica - Emilio Gentile - copertina
-60%
Salvato in 35 liste dei desideri
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
«La nostra sfida alle stelle». Futuristi in politica
6,00 € 15,00 €
;
LIBRO
Dettagli Mostra info
«La nostra sfida alle stelle». Futuristi in politica 60 punti Effe Venditore: IBS
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
7,50 €
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Multiservices
14,30 € + 5,50 € Spedizione
Disponibile in 10 gg lavorativi Disponibile in 10 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
15,00 € + 5,49 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Internazionale Romagnosi snc
15,00 € + 7,60 € Spedizione
Disponibile in 3 gg lavorativi Disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libro di Faccia
9,33 € + 4,90 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
7,50 €
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Multiservices
14,30 € + 5,50 € Spedizione
Disponibile in 10 gg lavorativi Disponibile in 10 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
15,00 € + 5,49 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Internazionale Romagnosi snc
15,00 € + 7,60 € Spedizione
Disponibile in 3 gg lavorativi Disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Libro di Faccia
9,33 € + 4,90 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Chiudi
«La nostra sfida alle stelle». Futuristi in politica - Emilio Gentile - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

«La nostra sfida alle stelle». Futuristi in politica Emilio Gentile
€ 15,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l’elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio Ufirst.
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

I manifesto di fondazione del futurismo, pubblicato su "Le Figaro" il 20 febbraio 1909 (quest'anno ne ricorre il centenario), si concludeva con le parole: "La nostra sfida alle stelle". Quel grido vitalistico incarna bene l'entusiasmo tragico del futurismo per la modernità, percepita come un'epoca di lotta e di espansione della potenza dell'uomo, lanciato alla "conquista del divino". Movimento prevalentemente artistico, il futurismo aveva l'ambizione di realizzare una rivoluzione totale che investisse ogni aspetto della vita dall'arte al costume - per creare l'italiano nuovo e, diversamente da altre avanguardie del primo Novecento, ebbe da subito una vocazione politica decisamente orientata in senso nazionalista. I futuristi esaltavano la violenza e la "guerra come igiene del mondo"; furono accesamente interventisti; nel 1918 fondarono un partito e un anno più tardi, con Mussolini, diedero vita ai Fasci di combattimento; parteciparono con D'Annunzio all'avventura di Fiume; simpatizzarono per il bolscevismo; si proponevano di abbattere la monarchia e scacciare il papa dall'Italia.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2
2009
22 gennaio 2009
147 p., ill. , Brossura
9788842088400

Voce della critica

Questo nuovo libro di Emilio Gentile, che si collega agli studi dell'autore sull'Italia agli inizi del Novecento e sul fascismo come caso di "modernizzazione totalitaria", affronta uno degli aspetti più controversi (e sinora meno approfonditi) del futurismo italiano, cioè la sua dimensione politica. È un volume di facile e piacevole lettura, composto di tanti capitoli brevissimi, corredato con le riproduzioni di alcuni documenti (manifesti politici e prime pagine di riviste) e con un piccolo inserto iconografico a colori, nel quale compaiono opere pittoriche, copertine di libri e cartoline illustrate di Boccioni, Carrà, Russolo, Balla, Sant'Elia, Severini. Lo si può definire un'opera di alta divulgazione, che potrà forse deludere un po' gli storici di professione per l'eccesso di sintesi e lo scarso approfondimento, ma che ricostruisce con efficacia il rapporto complesso e contraddittorio dei futuristi italiani con la politica, dagli esordi del movimento nel 1909 (il Manifesto di Marinetti comparve su "Le Figaro" il 20 febbraio) alle prime prese di posizione pubbliche, dal confronto con i principali esponenti dell'intellettualità nazionalistica (Corradini, Papini, Prezzolini) allo schieramento in favore della guerra di Libia, dalla travolgente esperienza nella Grande guerra all'idea di fondare un Partito politico futurista (maturata quando il conflitto era ancora in corso), dalla collaborazione con arditi e fascisti della prima ora alle relazioni, mai facili, con Mussolini, dalla partecipazione all'impresa di Fiume sino alla rottura con il fascismo nel 1920, quando – conclude l'autore – "il movimento politico futurista (…) cessò di esistere".
La chiave di lettura adottata da Gentile per interpretare queste vicende è sostanzialmente quella del rapporto tra il futurismo e il "nazionalismo modernista", cioè quell'intreccio di idee, di miti, di valori che nella prima parte del Novecento affascinò in Italia tanti giovani intellettuali, come sintesi tra i concetti di nazione (nel senso, va da sé, di un "primato" dell'Italia) e di modernità ("un'esplosione di energie umane e materiali, che non aveva precedenti nella storia dell'uomo"), cementati da un "senso tragico e attivistico dell'esistenza", alla cui base stava essenzialmente il bisogno di lottare con tutti i mezzi contro il vecchio mondo in declino. Un'ideologia di cui i futuristi, malgrado lo scarso seguito che li caratterizzò costantemente, riuscirono a rappresentare la versione forse più radicale ed estremizzata (agli antipodi, a ben vedere, di quella della maggior parte del nazionalismo italiano), sognando un movimento capace di stravolgere dalle fondamenta le regole correnti tanto nella sfera artistica, quanto in quella sociale e politica, tuffandosi quasi con voluttà nel vortice tumultuoso degli eventi, senza un preciso disegno politico, ma esaltando sempre le rotture più violente, le scelte più provocatorie, i proclami più incendiari (e qui c'è davvero di che restare ammirati dalla capacità di spararle grosse!).
In fondo – sostiene Gentile – fu proprio quella visione entusiastica e vitalistica della "modernità" a spingere inizialmente i futuristi verso il fascismo ("un legame né occasionale, né contingente"), ma anche a indurli quasi subito ad allontanarsene, delusi e frustrati, maturando atteggiamenti e scelte personali fortemente differenziati, che andavano dall'anarchismo individualistico e "arditofuturista" di Mario Carli (redattore a Fiume del periodico "La Testa di Ferro") all'avvio di un ripensamento critico complessivo, come nel caso di Bottai (cui sono dedicate alcune interessanti annotazioni), al rifluire nuovamente in una dimensione artistica e antipolitica di Marinetti, forse il più coerente – si direbbe dalle argomentazioni dell'autore – nell'elaborare un disincanto profondo verso l'idea stessa di "modernità".
D'altra parte la "rivoluzione" futurista, per quanto fosse un fenomeno d'élite, avanguardistico e minoritario, non mancò di influenzare profondamente la cultura politica del fascismo, che ne mutuò in parte il linguaggio e lo stile, li rielaborò e li integrò con altri apporti culturali (anche assai eterogenei tra loro), e li utilizzò poi costantemente come "una parte essenziale del suo modo di concepire e praticare la politica di massa", lasciando a molti dei futuristi – in primis a Marinetti – l'illusione di essere stati davvero i "costruttori dell'avvenire". Un paradosso, forse solo apparente, su cui vale però la pena di continuare a interrogarsi, per tentare di capire in tutta la sua contraddittorietà la tumultuosa, affascinante e spudorata parabola dei futuristi italiani, dalla "sfida alle stelle" all'inserimento in un regime autoritario di massa. Sarà il destino di tutti i nazionalismi, ancorché "moderni" e "futuristi"?
Marco Scavino

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Emilio Gentile

1946, Bojano (CB)

Storico italiano.Allievo di Renzo De Felice.   Nella sua prima monografia, ha analizzato il ruolo della rivista La Voce nel panorama culturale e politico dell’età giolittiana (La Voce e l’età giolittiana, 1972). Successivamente si è dedicato alla nascita dell’ideologia fascista (Le origini dell’ideologia fascista, 1975) e alla figura di Mussolini (Mussolini e La Voce, 1976). Nel corso degli anni Gentile si è specializzato sul periodo del fascismo, dando alle stampe un buon numero di saggi su modernità, nazione, totalitarismi (ricordiamo almeno Il mito dello Stato nuovo, 1982, e Le religioni della politica, 2001). È stato insignito del premio Hans Sigrist dall’Università di Berna (2003) e (sulla scia del suo...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore