Categorie

Hilary Boyd

Traduttore: D. Rizzati
Editore: Nord
Collana: Narrativa Nord
Anno edizione: 2014
Pagine: 382 p. , Rilegato
  • EAN: 9788842923138

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Elena

    10/05/2015 18.17.10

    Ho iniziato questo libro senza avere troppe pretese, pensavo che non mi avrebbe appassionata dato che racconta la storia di persone avanti con gli anni. Invece mi sono dovuta ricredere perché mi è piaciuto molto ed è anche scritto in modo molto scorrevole quindi si legge piacevolmente. Per quasi tutto il libro ho avuto un po' di nervoso verso la protagonista che sembra essere una donna di carattere ma invece si morde sempre la lingua per non offendere o ferire gli altri, finendo per fare ciò che non vuole realmente solo per il quieto vivere. Il finale però vede un cambiamento di rotta in questo e quindi l'ho apprezzato. Comunque il fatto che un libro faccia provare emozioni forti, siano esse positive o negative, è segno che si tratta di un buon romanzo, come di fatto questo è. Lo consiglio.

  • User Icon

    lalla

    20/04/2015 11.46.50

    Un libro che descrive molto bene i sentimenti amorosi e la rinascita di questi sentimenti grazie alla scoperta dell'amore.Un romanzo dolce anche se poi affronta con una certa violenza ed insistenza i pensieri e le emozioni di George che rifiuta di vedere a che punto è arrivata la sua vita di coppia con Jeanie dopo tanti anni di matrimonio. La storia mi è piaciuta molto perchè ci racconta una esperienza di vita, che tutti potremmo vivere,e che di sicuro non lascerà nessuno indifferente. Mi piace pensare che ci si possa innamorare anche a 60 anni; secondo me l'amore non ha età.

  • User Icon

    ant

    15/02/2015 19.39.19

    Jeanie sessantenne londinese in perfetta forma, titolare di un negozio di alimentari che si dedica con passione alla nipotina Ellie e la porta volentieri , quando può, al parco, viene travolta, non proprio nel bel mezzo del cammin della sua vita ma molto più avanti negli anni, da una passione amorosa che le terremoterà la vita, stravolgendogliela. Ed è proprio questo crescente "terremoto interiore" di Jeanie il succo del romanzo e anche la peculiarità , secondo me, gradevole e interessante di tutta la storia. Brava l'autrice a mettere in risalto, con eleganza e senza scadimenti in volgarità o manierismi eccessivi, la capacità e la sensibilità della protagonista di mettersi in gioco e di far luce sulla propria esistenza. Gli incontri casuali al parco tra Jeanie e Ray, e rispettivi nipotini, fanno da apripista ad una storia, che coinvolgerà non solo i protagonisti, ma anche i familiari degli stessi che saranno costretti per forza di cose a prenderne atto e a maturare pensieri e sensazioni particolari. Estrapolo un passaggio a mio avviso emblematico, la novantenne zia di Jeane, Norma, che si rivolge così alla nipote: "Sessanta è il paradiso. Il mondo ha chiuso con te, diventi invisibile a tutti gli effetti, soprattutto se sei donna. Mi piace pensarla come una terza vita. C'è l'infanzia, poi la conformità dell'età adulta, lavoro, famiglia, responsabilità, infine, proprio quando la gente dà per scontato che sia tutto finito e che tu sia un inutile mucchio di rottami, ecco comparire la libertà! Finalmente puoi essere quella che sei davvero, non quella che la società vuole che tu sia, non quella che tu pensi di dover essere" Gradevole e scorrevole

  • User Icon

    yle

    24/12/2014 17.43.19

    a me è piaciuto tantissimo, già la trama mi aveva colpito molto. questo libro dimostra che l'amore non ha età ed è bellissimo pensare che a 60 anni (come la protagonista) ci si possa innamorare di una persona e vivere un amore adolescenziale. Lo consiglio a chi vuole leggere una storia scorrevole e romantica.

  • User Icon

    ant

    16/12/2014 08.54.26

    Jeanie sessantenne londinese in perfetta forma, titolare di un negozio di alimentari che si dedica con passione alla nipotina Ellie e la porta volentieri , quando può, al parco, viene travolta, non proprio nel bel mezzo del cammin della sua vita ma molto più avanti negli anni, da una passione amorosa che le terremoterà la vita, stravolgendogliela. Ed è proprio questo crescente "terremoto interiore" di Jeanie il succo del romanzo e anche la peculiarità , secondo me, gradevole e interessante di tutta la storia. Brava l'autrice a mettere in risalto, con eleganza e senza scadimenti in volgarità o manierismi eccessivi, la capacità e la sensibilità della protagonista di mettersi in gioco e di far luce sulla propria esistenza. Gli incontri casuali al parco tra Jeanie e Ray, e rispettivi nipotini, fanno da apripista ad una storia, che coinvolgerà non solo i protagonisti, ma anche i familiari degli stessi che saranno costretti per forza di cose a prenderne atto e a maturare pensieri e sensazioni particolari. Estrapolo un passaggio a mio avviso emblematico, la novantenne zia di Jeane, Norma, che si rivolge così alla nipote: """Sessanta è il paradiso. Il mondo ha chiuso con te, diventi invisibile a tutti gli effetti, soprattutto se sei donna. Mi piace pensarla come una terza vita. C'è l'infanzia, poi la conformità dell'età adulta, lavoro, famiglia, responsabilità, infine, proprio quando la gente dà per scontato che sia tutto finito e che tu sia un inutile mucchio di rottami, ecco comparire la libertà! Finalmente puoi essere quella che sei davvero, non quella che la società vuole che tu sia, non quella che tu pensi di dover essere""" Gradevole e scorrevole

  • User Icon

    Ylenia

    01/12/2014 18.53.01

    Due cose non mi sono chiare di questo libro: come ci sia stato un editore disposto a pubblicarlo e come possa aver ricevuto recensioni entusiastiche da parte di giornali accreditati. Una storiella senza capo né coda, scritta male e con la coerenza e lo stile proprio di un bambino di sei anni. Si trascina per quasi 400 pagine senza dire praticamente nulla, con l'inserimento di paragrafi inutili e quasi slegati dal resto della storia; la protagonista ha sessant'anni e si comporta -e ha le riflessioni- di un adolescente, in un continuo altalenarsi di decisioni prese e rimangiate, in un contesto poco credibile così come lo sono i dialoghi, i co-protagonisti e i personaggi secondari. É chiaro che l'intenzione era quella di scrivere un racconto "leggero", di evasione, e certo io non mi aspettavo di avere tra le mani il libro della vita, ma questo é davvero un insulto alla scrittura come forma d'arte.

  • User Icon

    Erica

    28/10/2014 09.19.46

    Un libro molto carino, si legge bene, la storia, per quanto la trovi poco "credibile" ti prende...peccato il finale...un po' troppo "scontato"!

  • User Icon

    sofia

    19/10/2014 19.19.42

    Una commedia/love story carina, letta volentieri. Non mi ha lasciato molto, non mi è dispiaciuto rimettere il libro sullo scaffale. Scrittura scorrevole, ho notato due/tre errori di traduzione, ma niente di importante. Se per caso lo avete già preso o ne avete l'intenzione fatelo, è comunque un buon libro da avere "in archivio".

Vedi tutte le 8 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione