Categorie

Graham Greene

Editore: Mondadori
Anno edizione: 2002
Formato: Tascabile
Pagine: 288 p.

12 ° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa straniera - Gialli - Gialli classici

  • EAN: 9788804508564

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Simone

    10/09/2013 11.03.45

    è il terzo libro che leggo di Graham Greene e devo dire che è stato una buona lettura; risulta molto scorrevole grazie anche ad una storia piuttosto leggera e senza grandi pretese (l'autore stesso lo definiva uno dei suoi "divertimenti").

  • User Icon

    mirko

    02/10/2011 19.19.49

    Uno dei libri più scorrevoli e divertenti che abbia mai letto. All'inizio è quasi comico, poi col passare della vicenda, si aggiungono tematiche noir, gialle e perfino amorose. Non un momento di noia in tutte le 288 pagine. Consigliato a chi da tempo non riesce più ad amare la lettura.

  • User Icon

    Trixter

    14/09/2010 13.14.09

    Letto nel lontano 1992, mi sono riavvicinato a questo romanzo per riscoprirne le sottiglezze e l'humour dilagante. Un vero spasso! decisamente piacevole la lettura de 'Il nostro agente all'Avana', uno stile fresco, veloce, attuale, frizzante; eppoi la storia narrata è simpaticissima nella sua apparente superficialità. Un vero classico della narrativa del XX secolo, agile e godibile con dei dialoghi assolutamente fantastici!!! consigliato.

  • User Icon

    Sebastiano

    08/04/2010 15.46.32

    Davvero un bel romanzo. Divertente ma allo stesso tempo profondo, come è nello stile di Greene. Non so se il paragone può essere pregnante ma a me sembrava di leggere la sceneggiatura di un film dei fratelli Coen!Il dramma diventa comico e tutto si riduce ad una grande presa in giro del "sistema"! La scena della partita a scacchi con le (mini)bottiglie di scotch è davvero memorabile. Da leggere assolutamente!

  • User Icon

    orwell

    11/10/2009 15.20.10

    un buon racconto divertente e assurdo. Raccontato in stile cinematografico, ossia senza pallosi preamboli o infinite descrizioni del paesaggio. I personaggi sono fortemente stilizzati e stereotipati. una buona e veloce lettura di svago. da leggere

  • User Icon

    Gianni70

    23/06/2009 11.59.45

    Bel libro...stile "cinematografico"...il primo di Greene che ho letto...ne leggerò altri :-)

  • User Icon

    Lucia

    03/05/2008 13.24.52

    L'idea di base è valida ma lo sviluppo risulta a volte noioso. C'è la polemica sociale, c'è la rivincita del debole ma ho trovato grosse difficoltà a godere di quel sottile umorismo inglese di cui si accenna nella trama...forse troppo sottile per i miei gusti troppo poco raffinati...Invece che farmi sorridere questo romanzo mi ha messo addosso una spiacevole sensazione di malinconia che ancora non mi ha lasciato. Nel complesso niente di eccezionale, una lettura che presto dimenticherò d aver fatto.

  • User Icon

    Silvia

    16/12/2005 14.38.49

    Veramente un bel libro, ben scritto e con molte intuizioni ricche di sottile humor inglese.

  • User Icon

    bonbon

    21/09/2005 10.25.37

    Un bel libro.

  • User Icon

    Cristiano

    26/10/2004 10.58.30

    E' il primo libro di Greene che leggo, ed ora leggerò anche gli altri. E' un ottimo romanzo ed è scritto veramente bene.

Vedi tutte le 10 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione