Categorie

Fëdor Dostoevskij

Curatore: G. Spendel
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2014
Formato: Tascabile
  • EAN: 9788806221935
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it € 6,48

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Trixter

    30/01/2017 14.26.05

    emozionante e profondo. Esempio di come una storia tanto semplice possa raggiungere vette di armonia stilistica senza pari. Non il meglio di Dostoevskij (che, per me, resta sempre Delitto e Castigo) ma armonia e sentimenti si fondono in una sublime musicalità.

  • User Icon

    Giuseppe Florio

    10/07/2016 23.37.54

    È con l'arrivo della primavera a Pietroburgo, che la città si svuota di persone. Sì, lui vede tutti che si recano in daca, si ritirano nelle campagne. Ma per il sognatore protagonista non vi è una grande differenza. Lui passa il tempo nella sua dimora, e gli anni scorrono immutati, identici, in compagnia della consapevolezza di un tempo andato perso, privo di ogni beatitudine. È durante una notte che lui fa la conoscenza di Nastenka, salvandola da una probabile molestia. Ha inizio così per loro una relazione del tutto nuova. L'affetto e l'innamoramento per la ragazza che il sognatore incontra durante le notti, donano a lui ore di beatitudine che accendono una nuova speranza nella sua vita. Entrambi si raccontano segreti del passato, ed è così che capiscono di essere fatti l'uno per l'altra, ma proprio quando tutto sta per compiersi, un evento inaspettato cambia la situazione. Il sognatore si rende quindi conto di dover proseguire la propria vita, in un'unica e immutabile condizione a cui non si può sottrarre, ma allo stesso tempo, è molto felice di quello che ha appena vissuto.

  • User Icon

    elena

    17/10/2006 14.36.49

    Odio i personaggi di questo genere. Petulanti, insopportabili, senza spessore di alcun genere. Peccato, era il primo libro che leggevo di Dostoevskij, spero di avere un giorno il coraggio di leggerne un altro.

  • User Icon

    FRA

    10/01/2006 12.51.42

    NOIOSISSIMO! e mi spiace dirlo in quanto Dostoevskij è in genere super. Ma questo libro proprio non mi è andato giù. Brutto.

  • User Icon

    Simona Bellocchio

    07/11/2005 13.16.41

    Un sognatore perduto tra le vie di Pietroburgo, come incantato dal suo mondo ma allo stesso tempo schivo e geloso delle sue piccole abitudini. Tra sogno, nebbia, fato..e..fortuna, amore, disperazione e paura...queste notti bianche si fanno vivere a 200 anni di distanza, come fosse ieri. La lezione finale e' un esempio di grandezza, nella piccolezza umana. Un libro che ho amato e letto in 2 ore...breve, e' vero, ma ricco di tesori da scoprire.

  • User Icon

    cecca

    05/09/2005 15.38.05

    questo libro è molto bello, nasconde qualcosa d misterioso e triste, un pò cm il protagonista. nn vi racconto d cosa parla, x' se vi interessa potrete leggerlo. nonostante la mia età credo di aver capito bene il messaggio che l'autore ha voluto trasmettere e sicuramente un adulto lo capirà, quindi vi consiglio d leggerlo!

Vedi tutte le 6 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione