Le notti nere di Praga - Davide Mosca - copertina

Le notti nere di Praga

Davide Mosca

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Mondadori
Collana: Omnibus
Anno edizione: 2017
In commercio dal: 20 giugno 2017
Pagine: 216 p., Rilegato
  • EAN: 9788804675488
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Nella lista dei desideri di 5 persone

€ 9,72

€ 18,00

Punti Premium: 10

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Garanzia Libraccio
Quantità:
LIBRO USATO
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 9,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Sul ponte Carlo tirava un vento che sapeva di neve. L'autunno fugge Praga. Praga intrappola Kafka. Alzai gli occhi e scrollai la testa sbuffando rumorosamente per evitare di parlare da solo, un'altra delle mie pessime abitudini. Tutte le mia abitudini erano pessime. Specie quelle salutari

Come ogni mattina Franz Kafka si reca nel suo ufficio di impiegato, ma questa volta alla scrivania trova seduto uno sconosciuto. Una situazione degna dei suoi romanzi. Lo sconosciuto gli rivolge domande allusive, inquietanti, sembra al corrente di qualcosa che l'interrogato ignora, e infine si dilegua minacciando di tornare presto. Nessuno, nell'edificio, lo ha visto né entrare né uscire. Quel che Kafka non sa è che in una casupola del quartiere vecchio di Praga, a pochi passi dal Castello e proprio accanto alla sua abitazione, è custodita una pietra dai poteri straordinari. E non lo sospetta anche se in quel tugurio è di casa, dal momento che la padrona, l'attempata maga Zelenda, si prende cura di lui come fosse il figlio che non ha mai avuto. Il giorno dopo la visita dello sconosciuto Zelenda scompare, e insieme a lei la misteriosa pietra. In tanti ritengono che Kafka sappia come raggiungerla e sono pronti a tutto per impossessarsene. Braccato da una setta di alchimisti chiamata la Fratellanza Nera, e con l'aiuto della misteriosa e conturbante Karolina, Franz si troverà costretto, per salvare la propria vita e quella delle persone a cui tiene, a mettersi alla ricerca della pietra, finita nel frattempo nelle mani di un potente negromante. Tra i vicoli di una Praga nebbiosa e magica, sulla quale grava il fantasma della guerra, Franz Kafka, già considerato nei circoli intellettuali l'astro nascente della letteratura praghese, metterà tutto il suo acume e la sua finissima sensibilità al servizio di un'incredibile avventura, mentre gli interrogativi si moltiplicano: chi era in realtà la maga Zelenda? È davvero un Golem l'ombra gigantesca che una notte ha salvato Kafka da un agguato? Chi è il fantasma, forse entrato in possesso della pietra, che pare realizzare i sogni di vendetta di una mente diabolica? Quali segreti nasconde Karolina? Tra inseguimenti, indagini intorno a efferati delitti e rapimenti, Kafka scoprirà aspetti di sé insospettabili, rivelando un'intraprendenza e un coraggio che fanno da contrappunto al pervicace scetticismo e alla dolente ironia.
Praga è una città meravigliosa, se vivi in un'altra. Non l'ho mai apprezzato tanto come durante i miei viaggi all'estero. Mai provata tanta nostalgia delle sue strade tortuose e acciottolate come nelle sere in cui passeggiavo per i viali di Vienna, o per il suo cielo cangiante come quando me ne stavo con il naso all'insù ad ammirare gli aerei sfarfallare nei cieli tersi di Brescia. Quanto a viverci, è come leggere un libro in cui le parole si trasformano di continuo in quelle di un'altra lingua, che magari conosci, ma non così bene. Non fai in tempo a prenderci confidenza, che il linguaggio muta ancora. E così te ne rimani a fissare le pagine di un romanzo, sempre sul punto di afferrarne il senso, che invece ti sfugge immancabilmente. Nessun problema, se non fosse il racconto della tua vita. O forse ero soltanto di cattivo umore quella mattina, mentre entravo nel palazzo dell'Istituto dio assicurazione contro gli infortuni sul lavoro per il regno di Boemia, al numero sette di via Poric. Là fuori, da qualche parte, c'era la guerra, e dentro non andava meglio.
  • Davide Mosca Cover

    Davide Mosca (Savona, 1979) è autore di diversi romanzi storici, tra cui ricordiamo i best-seller Il profanatore di biblioteche proibite (Sperling & Kupfer 2012), La cripta dei libri profetici (Sperling & Kupfer 2013) e Breve storia amorosa dei vasi comunicanti (Einaudi 2019). Approfondisci
| Vedi di più >
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali