Categorie

Norman Mailer

Traduttore: C. Stangalino
Editore: Einaudi
Collana: Letture Einaudi
Anno edizione: 2009
Pagine: 839 p. , Brossura
  • EAN: 9788806199531

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Michael Moretta

    17/06/2015 19.17.42

    Primo romanzo pubblicato da Norman Mailer che si trasforma immediatamente in un successo. L'autore ci descrive le peripezie dell'esercito americano impegnato nella guerra contro l'esercito giapponese nell'isola di Anopopei. Quindi seconda guerra mondiale, anche se da un lato che non siamo troppo abituati a considerare. Quasi tutta la letteratura ci racconta la seconda guerra mondiale in territorio europeo. Sono meno numerosi i libri dedicati a questa guerra in territorio asiatico.  Mailer si concentra sulla pattuglia addetta alle ricognizioni e ci presenta tutti i suoi componenti. Il sergente Croft, duro ed inflessibile, Martinez, il messicano esploratore, timido e timoroso ma con un dono per la sua specialità, i due ebrei, Roth e Goldstein, i due "vecchi" Red e Wilson, e poi Minetta, Toglio, Gallagher, Brown e Stanley. Un miscuglio di razze, di origini ed aspirazioni.  Salendo di grado ci vengono presentati il tenente Hearn, il maggiore Dalleson ed il generale Cummings, comandante delle operazioni, dal carattere fosco e deciso.  Mailer alterna capitoli di azione a capitoli più profondi, dedicati principalmente a cercare di capire gli stati d'animo degli uomini facenti parte della squadra. Alla fine di alcuni capitoli troviamo la "macchina del tempo", attraverso cui Mailer ci offre uno spaccato della giovinezza di ogni membro della squadra, del tenente Hearn e del generale Cummings.  Un romanzo crudo, duro, in cui oltre a descrivere azioni di guerra si cerca soprattutto di capire l'ambiente in cui hanno operato i soldati, le loro enormi difficoltà, le loro aspirazioni. Tutto in mezzo al grande caos che era l'esercito americano impegnato nella guerra. Il paragone con "Addio alle armi" di Hemingway nasce spontaneo, pur trattandosi di due guerre diverse e pur avendo i due scrittori uno stile molto diverso.

  • User Icon

    massimo

    28/03/2010 16.52.57

    Mailer nel suo primo romanzo si conferma scrittore in punta di forchetta, ottima caratterizzazione dei personaggi e delle atmosfere ostili umane e naturali. Forse un pò troppo verboso nell'analisi introspettiva dei personaggi ma grande realismo nella descrzione del mondo militare governato da regola a volte inspiegabili.

Scrivi una recensione