Nuits Blanches - CD Audio di Claude Debussy,Alain Planés,Eugene Asti,Sophie Karthäuser,Stéphane Degout

Nuits Blanches

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Claude Debussy
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 2
Etichetta: Harmonia Mundi
Data di pubblicazione: 31 agosto 2018
  • EAN: 3149020230626

€ 23,50

Punti Premium: 24

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Cento anni dopo la sua morte avvenuta il 25 marzo del 1918, molti artisti Harmonia Mundi hanno voluto rendere omaggio a Claude Debussy, mago della melodia e del timbro, grande “colorista” e padre della musica moderna.
E in questo generoso recital proposto dal soprano Sophie Karthäuser e dal baritono Stéphane Degout, in totale simbiosi con i pianisti Eugene Asti e Alain Planès, la parola chiave è melodia. Una trama sottile caratterizza questo raffinato florilegio che si avventura nei territori dei poeti simbolisti ed impressionisti. Con Debussy, il viaggio musicale è prima di tutto una questione di colore.
Disco 1
1
Beau Soir
2
Cinq poèmes de Baudelaire
3
Dans le jardin
4
Fetes galantes – Set 1
5
Fetes galantes – Set 2
6
Fleur des blés (André Girod)
7
Images oubliées: Lent
8
La Belle au bois dormant
9
Le promenoir des deux amants
10
Les Angélus
11
Les soirs illuminés par l’ardeur du charbon
12
Mandoline (Verlaine)
13
Nuit d’étoiles
14
Paysage sentimental
15
Romances (2)
16
Sarabande
17
Trois Ballades de François Villon
18
Trois chansons de Bilitis
19
Trois chansons de France
20
Trois Mélodies de Verlaine
21
Trois Poèmes de Stéphane Mallarmé
22
Voici que le printemps (Romance) (Paul Bourget)
  • Claude Debussy Cover

    Propr. Achille-Claude Debussy. Compositore francese.L'itinerario artistico e le opere principali. Figlio di piccoli commercianti di porcellane, entrò al conservatorio di Parigi nel 1872, studiando il pianoforte con A.-F. Marmontel e la composizione con E. Giraud. Nel 1884 ottenne il Prix de Rome con la scena lirica L'enfant prodigue (Il figliuol prodigo). A Roma, dove soggiornò dal 1885 all'87, scrisse La demoiselle élue (La fanciulla eletta), su testo di D.G. Rossetti. Rientrato a Parigi, prese a frequentare il salotto di Mallarmé e altri ambienti artistici legati al simbolismo e all'impressionismo. S'interessò, nel frattempo, all'o­pera di Wagner (viaggi a Bayreuth nel 1888 e nel 1889), al Boris di Musorgskij, alle musiche giavanesi ascoltate all'Esposizione di Parigi nel 1889. La maturazione... Approfondisci
| Vedi di più >
| Vedi di più >
| Vedi di più >
Note legali