Categorie

Reyes Calderón

Traduttore: C. Marinelli
Editore: TEA
Collana: Teadue
Anno edizione: 2011
Formato: Tascabile
Pagine: 499 p. , Brossura
  • EAN: 9788850225170
Disponibile anche in altri formati oppure usato:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Diego Scordino

    04/11/2015 10.59.44

    Libro veramente pessimo. Avendolo abbandonato dopo circa centocinquanta pagine, il mio giudizio potrebbe non essere del tutto accurato, eppure l'ho abbandonato proprio per le sue debolezze. Trama banale, scrittura infarcita di elementi superflui e narrazione estremamente lenta. Assolutamente sconsigliato.

  • User Icon

    simoencik

    26/08/2014 16.19.08

    un libro imbarazzante per la banalità dei dialoghi e la caratterizzazione dei personaggi. abbandonato dopo 40 pagine. sconsigliato

  • User Icon

    Mauro

    07/03/2013 17.02.26

    UN buon libro, scritto bene e con una storia che convince, è reale, non esoterico e strano; un buon giallo che ti lascia col fiato sospeso ed è un piacere leggere.

  • User Icon

    CARLO

    24/04/2012 07.07.26

    un libro orribile...storia poco avvincente...veramente lo sconsiglio,uno dei peggiori libri mai letti

  • User Icon

    Daniele

    16/09/2011 13.08.40

    Letto in lingua originale, è un buon giallo, molto tipico, ma ben ambientato e con personaggi molto "reali" e quotidiani, così come lo sono le loro problematiche e le loro vite. Non capisco la scelta dell'editore italiano che ha offerto una traduzione del titolo completamente diversa e che tergiversa completamente quello che è il libro ed anche il pubblico che vi si avvicina. Consigliato ai lettori di gialli, scordatevi temi esoterici che potrebbero sembrare sottintesi nel titolo.

  • User Icon

    cristina

    24/08/2011 09.15.00

    che delusione! Troppo lenti gli avvenimenti, descrizioni snervarti, trama poco avvincente (o meglio è poco avvincente il modo con cui viene raccontata!). La risoluzione della storia avviene in 2 pagine finali e tra l'altro è solo un pensiero del personaggio principale. Titolo che assolutamente non c'entra nulla con la trama.. No, libro decisamente sconsigliato!

  • User Icon

    Marco T.

    21/09/2010 00.30.52

    Dopo aver letto 100 pagine mi sono reso conto che tutto ciò che era accaduto si poteva condensare in 10 righe. L'azione lentissima, le divagazioni continue, le descrizioni esasperanti mi hanno indotto a smettere la lettura di questo romanzo cosa che mi capita assai di rado. Sarò prevenuto ma a parte Zafon tutti gli autori spagnoli che ho letto mi hanno deluso moltissimo come buona parte degli autori francesi e italiani. Per fortuna ci sono gli anglosassoni, ALTRA LEVATURA!!!!!!!!!!

  • User Icon

    Fabio

    05/07/2010 12.07.12

    Libro interessante e trama noire ben costruita a cavallo tra il giallistico e l'esoterico fino alle ultime 100 pagine. A questo punto il giudice Lola riesamina le prove di cui è in possesso con chiunque incontri e lo fa in maniera pesante e ripetitiva: ne parla più volte da sola, con Chocarro, un fraticello bonario con la passione per la matematica, con il confidente Gabriel anch'egli giudice, ed infine con l'arcivescovo di Pamplona senza che i tasselli riescano ad andare al loro posto. Parla e parla, ma le indagini non progrediscono di un millimetro. Tutto ad un tratto poi, anche la Calderon si stufa e, come di incanto tutti i pezzi del puzzle si incastrano e, senza capire come abbia fatto, porta la protagonista a sciogliere ogni dubbio e giungere alla soluzione del caso senza che ci spieghi come ci sia arrivata. Ma ancora il nome del colpevole è sconosciuto e la sua scoperta è a dir poco roccambolesca. Quindi, dopo 496 pagine di attesa, ecco il tete a tete con l'assassino che si svolge in 3 (TRE) pagine in tutto: fattore suspance azzerato e sapore amaro in bocca al lettore. Anche il titolo italiano nulla c'entra con il libro, ma forse hanno voluto trovarne uno che non si confondesse con "La solitudine dei numeri primi" più o meno uscito in contemporanea. Non credo approfondirò la mia conoscenza dell'opera della scrittrice spagnola (tra l'altro spesso tradotta in modo lacunoso)...

  • User Icon

    Sergio

    08/06/2010 08.56.57

    Fantastico thrille scritto benissimo da una grande autrice. L'unico neo ? Colpa di chi ha scelto il titolo, che confermo, nulla c'entra con il libro

  • User Icon

    monica

    06/04/2010 20.19.19

    Bello! Ben scritto e appassionante! Non fatevi ingannare dal titolo con il quale la trama del libro non c'entra nulla!

  • User Icon

    luciano sava

    01/03/2010 08.47.54

    ha ragione chi dice che il titolo non c'entra con la storia. E' un triller banalotto ma leggibile.

  • User Icon

    Denis

    24/02/2010 19.42.59

    Quello che non ho trovato appropriato in questo libro è il titolo. Non capisco la scelta della casa editrice italiana. Il libro è scritto molto bene con la giusta dose suspense e colpi di scena.

Vedi tutte le 12 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione