Editore: Einaudi
Collana: Super ET
Anno edizione: 2008
Formato: Tascabile
In commercio dal: 29 gennaio 2008
Pagine: 257 p., Brossura
  • EAN: 9788806187576
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 6,48
Descrizione

Osman, un giovane studente universitario, è ossessionato da un magico libro che scava nella pericolosa natura dell'amore e della personalità: trascura la casa e la famiglia, abbandona gli studi. E si innamora della bella Janan, che diventa la sua compagna nella ricerca del significato dei più oscuri segreti di quel libro. Inizia così una straordinaria odissea che trascina la coppia in frenetici viaggi in autubus attraverso il cuore arido della Turchia, in sperdute città di provincia dove il pericolo si annida in ogni strada e dove l'amore non è un rifugio né una garanzia di salvezza.

€ 10,20

€ 12,00

Risparmi € 1,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Marco

    17/02/2011 18:41:07

    E' un libro molto complesso che contiene in una forma particolarmente involuta rispetto ad altri testi dello stesso autore tutte le principali tematiche ed i simboli cari a Pamuk. Vi si trovano diversi elementi che costituiscono invece filoni primari di altri romanzi quali l'attenzione per gli oggetti (Il museo dell'innocenza), l'amore impossibile e tormentato (Neve), la ricerca angosciosa dell'amata scomparsa (Il libro nero). Non è sicuramente un testo da consigliare a chi si avvicina per la prima volta a Pamuk, anzi consiglio di approcciarlo solo dopo aver letto tutti gli altri libri dell'autore, altrimenti la lettura può risultare difficile e faticosa.

  • User Icon

    Eugenio

    17/03/2009 16:08:20

    Pensavo di essere stupido a non aver capito nulla o quasi di "La Nuova Vita", ma leggo dai commenti di non essere assolutamente un'eccezione. E' il primo libro di Pamuk che ho letto e credo sarà anche l'ultimo. O forse no!!

  • User Icon

    Alce67

    25/02/2009 11:41:48

    Ho bisogno di un consiglio...è il secondo libro che leggo di Pamuk e ne resto disorientato: il Castello bianco non mi era sembrato niente di che; Questo La nuova vita, ho fatto fatica a capirlo e dunque a leggerlo. Mi piace l'idea del girovagare in Anatolia, terra per me bellissima, ma mi sfuggono tutte le metafore e molti degli accadimenti. Questo contrasto tra il mondo tradizionale orientale e quello nuovo occidentale non poteva essere reso più "papabile" per il povero lettore. Anche Neve o Il mio Nome è Rosso sono così evanescenti? Delusione.

  • User Icon

    gianni barchi

    03/08/2008 22:56:19

    Ho letto con piacere il "Castello bianco", "Il mio nome è rosso", "La casa del silenzio" e mi sono innamorato di "Neve", ma "La nuova vita" è stato un tormento leggerlo, tanto che ho abbandonato la lettura poco dopo la metà, anche se generalmente leggo fino alla fine anche brutti libri. Il libro è noioso, scorre male, mi carica di sensazioni negative. Un vero tormento.Peccato però!

  • User Icon

    manvela

    14/07/2008 18:31:28

    Una lettura sofferta. Una narrazione ingombrante, a tratti ridondante e faticosa, probabilmente adatta a descrivere i tormenti di un uomo spezzato e in cerca di risposte a domande ancora non ben definite ma decisamente stancante. Nonostante sia trascorsa una settimana da quando ho voltato l'ultima pagina e mi sia concessa il tempo per far sedimentare un po'le impressioni, ammetto il mio senso di sconfitta: non ho ancora afferrato il significato di tanti simboli (caramelle, saponi da barba...)la necessità di ricorrere a misteri quasi artefatti a forzature quasi sensazionalistiche nella crudezza di certe immagini. Ho l'impressione di non aver raccolto nulla da questa lettura e non mi è capitato spesso di provare tanta indifferenza di fronte ad un'opera letteraria. Peccato!

  • User Icon

    Silvia

    10/06/2008 21:26:19

    Pamuk ha una scrittura inconfodibile, corposa ma godibilissima, e in questo romanzo sembra volerci ricordare di vivere assaporando ogni singolo istante.

Vedi tutte le 6 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione