O dolce mio tesoro. Sesto libro di madrigali, 1611

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Carlo Gesualdo
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: PHI
Data di pubblicazione: 18 novembre 2016
  • EAN: 5400439000247

€ 19,90

Punti Premium: 20

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Personalità che ha suscitato numerose controversie nel corso dei secoli, Carlo Gesualdo (1566-1613) – aristocratico, musicista e assassino della sua prima moglie – resta comunque un compositore la cui musica è permeata di sottigliezza e raffinatezza. Il suo innovativo Sesto Libro di Madrigali, scritto due anni prima della sua morte, sfrutta tutte le possibilità armoniche, cromatiche e strutturali per illustrare le caratteristiche espressive dei testi, dimostrando di essere un autentico capolavoro del genere. Dopo un primo disco dedicato alla produzione sacra del compositore italiano, i Tenebrae Responsoria, Philippe Herreweghe e il suo Collegium Vocale Gent ci invitano a (ri)scoprire la sua musica profana, nel 450° anniversario della sua morte. In maniera magistrale ci propongono una lettura delicata ed espressiva di questa musica complessa, rendendo giustizia alla modernità del linguaggio musicale del Principe da Venosa. L’acustica della chiesa del piccolo borgo di Asciano (Toscana), dove il programma è stato registrato nel 2015, fornisce un ideale ambiente sonoro per questa musica.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Carlo Gesualdo Cover

    Compositore. Poco si sa della sua vita. Nipote per parte di madre di Carlo Borromeo e per parte di padre del cardinale Alfonso Gesualdo, si rese celebre per due fatti, entrambi legati alla sua vita sentimentale. Sposatosi con Maria d'Avalos, e sorpresala mentre lo tradiva con Fabrizio Carafa, uccise i due amanti (1590); allontanatosi da Napoli non tanto per sfuggire alla giustizia quanto per evitare la vendetta dei parenti degli uccisi, sposò in seconde nozze (1594) Eleonora d'Este, nipote di Alfonso ii duca di Ferrara. A Ferrara si legò d'amicizia col Tasso, del quale mise in musica alcune liriche. Formatosi alla scuola di qualche maestro napoletano (forse Pomponio Nenna), G. coltivò l'arte musicale soprattutto per diletto: certo non per esigenze professionali, dal momento che la maggior... Approfondisci
Note legali