Categorie
Traduttore: G. Granato
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2004
Pagine: 393 p. , Brossura
  • EAN: 9788806171865

Apprezzato narratore dell'America contemporanea, fine indagatore di una modernità tormentata da ansie e paure, in questo suo nuovo libro David Foster Wallace scava sotto la coltre di apparenze e perbenismi per scoprire la vera anima delle società statunitense con tutti il suo carico di malesseri, timori e ipocrisie. Ultimo talento della letteratura d'oltreoceano, il giovane scrittore, nato nell'Illinois agli inizi degli anni Sessanta, sceglie per quest'ultima fatica il genere del racconto e del romanzo breve. Oblio riunisce otto storie intense dall'atmosfera pulp, intimista e visionaria in cui la penna amaramente ironica dell'autore immortala personaggi paradigmatici e paradossali: individui devianti, uomini assoggettati alla logica dell'apparenza o figure pesantemente segnate da traumi infantili. Gli avvenimenti di cui sono protagonisti sono altrettanto dotati di una forte carica simbolica: surreali riunioni marketing per il lancio di merendine provocatoriamente ipercaloriche (come in Mister Squishy) oppure tragiche occupazioni di edifici scolastici con alunni presi in ostaggio (L'anima non è una fucina). Si distinguono tra gli altri, il racconto confessione di uno yuppie rampante che rievoca un sofferto percorso esistenziale (Caro vecchio neon) e la storia di un artista dotato di un dono assai particolare, un uomo i cui escrementi hanno la forma di sculture entusiasticamente celebrate dai mass media (Il canale del dolore).
Impressionanti e provocatori, caratterizzati da uno stile diretto e incalzante, questi brevi romanzi di David Foster Wallace ci svelano il volto della complessa società dei nostri giorni, vittima di una accentuata problematicità che sempre più spesso si trasforma in una sorprendente normalità.

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    H.I.

    03/01/2012 17.46.55

    Il primo libro che ho letto di D.F.W. mi ha folgorato. CARO VECCHIO NEON racconto che mi ha segnato nel profondo.. dopo Oblio non mi sono più fermato. Ora che di Wallace ho letto tutto do comunque 5 a questo libro non solo perchè i sono affezionato..è davvero una bella raccolta. LEGGETE TUTTO DI D.F.W.!! TUTTO!! NE VALE LA PENA!!

  • User Icon

    gianni

    18/05/2009 10.28.07

    Questa raccolta di racconti (otto in tutto), anche se nel complesso non mi ha entusiasmato come il romanzo “La scopa del sistema”. Vi sono due racconti che lo devo dire proprio non sono stato in grado di capire (ma forse è un limite mio) e che sono “Mister Squishy” e “Un altro pioniere”. Ma gli altri, e fra questi ci metterei anche “Incarnazioni di bambini bruciati” (che non è affatto un racconto riuscito male), sono grandiosi. Mi è piaciuto particolarmente “L’anima non è una fucina” racconto in cui alcuni alunni sono “presi in ostaggio” da un maestro che ha dato di fuori, fino al “necessario” intervento della polizia per liberarli. La scrittura di Wallace è sempre notevole e riesce a catturare il lettore in maniera totale. Solo lui a mia conoscenza riesce a scrivere quei periodi così lunghi e circonvoluti ma che risultano comunque chiari (a parte nel mio caso il già citato “Un altro pionieri”). Molto interessante è risultata la lettura del racconto “Caro vecchio neon” narrato da una persona che si è suicidata, visto la fine che si è auto-inflitta il grande Wallace. Vale quindi sicuramente la pena di leggere questa raccolta, anche perché quello che anche non è il miglior Wallace (alcuni racconti della raccolta) è sicuramente migliore di tanto di quello che si trova normalmente in libreria.

  • User Icon

    birzin

    05/01/2008 13.00.11

    Avrei voluto non essere costretto ad esprimere voti: ho letto solamente il primo racconto (che poi un racconto non è). Al di là del talento e del giocarci troppo, forse, e dopo aver letto sia "Infinite Jest" e "La ragazza dai capelli strani" (che ho ritenuto folgorante, geniale, ecc. ecc.) e ritrovato in questo primo "racconto" troppo del primo e troppo poco dell'altro, dichiaro che il mio commento è purtroppo volto solo a sottolineare la scarsa cura editoriale (non so se imputabile anche all'originale in lingua inglese) e le molte, troppe, pecche della traduzione. Ne trascrivo una per tutte. La citazione della famosa relazione di Korzybski tra mappa e territorio: "la mappa non è il territorio" ("map", "territory" in inglese) dove "territorio" diventa "terreno". Per non parlare poi di virgole inserite nei posti sbagliati e di alcune frasi che così come trasposte rimangono prive di senso alcuno. Insomma.... e comunque il racconto appunto non è un racconto e... non "va a finire" in nessun modo, semplicemente dà l'impressione come di una traccia abbandonata, di un qualcosa lasciato in sospeso, che non è andato avanti.

  • User Icon

    riccardo

    28/11/2006 14.34.23

    si può andare oltre? non saprei...davvero si ha l'impressione di una vertigine narrativa...periodi di 3 facciate, centinaia di digressioni e nonostante tutto il filo del racconto procede veloce e liscio...possibile? Più di così ci sono solo i pensieri, talmente veloci da non poterli trattenere...Per chi vuole un assaggio...io comincerei da "caro vecchio neon"... la prosa di Wallace sembra esplodere dalle pagine, un treno che viaggia veloce e a volte fa scricchiolare i vagoni (qualche velleità di troppo in Mr. Squishy), ma davvero a volte ci si ferma -nella lettura- ci si guarda attorno per ritornare al mondo reale, perchè questo tizio è capace di portarti via nelle sue elucubrazioni fino a farti ubriacare!... splendido!

  • User Icon

    Andrea

    23/07/2005 19.16.05

    Che DFW sia capace di scrivere non c'è dubbio. Come non c'è dubbio che non mi ha entusiasmato questo Oblio nè i temi trattati. Ma lo stile è da grande scrittore e la penna incide, seziona, taglia la realtà, sbattendola poi nel cestino dei rifiuti. Chirurgico.

  • User Icon

    NeroPioggia

    12/06/2005 11.56.37

    5...e lode! Ecco a voi uno scrittore strabiliante, il più strabiliante in circolazione, Lo scrittore del nuovo millennio, colui il quale gioca con le parole e con periodi dalla costruzione assurda eppure risulta sempre comprensibile e mai pesante. A livello stilistico, mai letto niente del genere. Impressionante, indescrivibile (se scrivessi come Wallace di sicuro riuscirei a spiegarmi, però!). E la costruzione delle storie? Idee a bizzeffe anche in questo caso: l'intreccio di storie è sempre di altissimo livello, e il culmine è raggiunto nelk secondo racconto: di pari passo alla vicenda principale viene narrata una sequenza di fumetto, ma come gli è venuta questa trovata?? E ora, le tamatiche: Wallace sembra descrivere una società del futuro, una società parallela, in realtà parla proprio della nostra assurda società, di come potrebbe essere nell'immediato futuro. Ma le previsioni non sono campate in aria. Avete presente 1984 di Orwell? Ecco, si ritrovano qui altre ipotesi sul futuro molto radicate nel presente. Insomma, Wallace è nato con la penna in mano, non è proprio possibile trascindere dalla lettura di un suo romanzo...opere totali, complesse e al contempo senza sbavature.

  • User Icon

    Vincent

    11/04/2005 17.45.32

    Narratore della complessità contemporanea, capace di mettere in scena i paradossi del nostro quotidiano e di sondare le patologie mentali endemiche dei nostri tempi, Foster Wallace, come buona parte dei suoi padri del postmodernismo e della metafiction, è un equilibrista la cui corda è gettata sopra l'abisso del mero esercizio formale e della freddezza accademica. Ma quando, come in "Oblio", all'abituale e impressionante virtuosismo tecnico si uniscono l'ispirazione nei contenuti e lo spessore emotivo è difficile non riconoscere di trovarsi al cospetto di uno dei più straordinari scrittori viventi. Ironico, amaro, paradigmatico dell'oggi e dei giorni a venire.

  • User Icon

    Roberto

    24/03/2005 16.52.10

    Caro [il mio] vecchio David.. ho letto tutto ciò che è stato pubblicato in italiano di Wallace, Infinite Jest è una delle cose migliori -e più divertenti in certi passaggi, in assoluto mai lette; caro [il mio] vecchio David..

  • User Icon

    Mauro

    17/03/2005 08.59.13

    David Foster Wallace è uno scrittore dal talento indiscutibile; la sua padronanza di stili diversi è impressionante, e ben si adatta ad ogni forma di scrittura, dal romanzo al racconto breve, dal trattato ironico alla satira pungente. Ciò che non convince completamente in Foster Wallace sono gli argomenti trattati; autori come lui, ma anche come Dave Eggers ad esempio, danno il meglio quando trattano temi a loro vicini, se non addirittura autobiografici. In questa raccolta di racconti invece, l'autore passa da una relazione sulle indagini per conoscere i gusti del consumatore medio americano, alla satira sulla creazione di nuovi miti, ad altro ancora. Ma quasi mai questi racconti sono coinvolgenti, ed anzi spesso risultano noiosi e pesanti. La sensazione è che David Foster Wallace sia un operaio della scrittura, magari uscito da qualche importante scuola. Il suo talento è indiscutibile, dicevamo, ma alla fine questo "Oblio" rimane niente più che un esercizio di stile.

  • User Icon

    daniel

    14/03/2005 20.00.39

    pretenzioso e banale. puro esercizio. enumerazioni, dissezioni scientifiche, lo stesso piacere del leggere un interminabile libretto di istruzioni di un elettrodomestico. assoluta assenza di uno sguardo poetico.

  • User Icon

    alfio

    19/01/2005 11.00.40

    superate bravamente il primo di questi racconti, che è una prova di resistenza esoterica al deplacement, e vi troverete in un sensazionale ed enigmatico altrove e altrimenti. piccoli romanzi il cui 'punctum' è sempre fuori dalla misura della narrazione. tocca a voi mettere a fuoco l'immagine definitiva, perché l'autore è uno che non vi dice mai come va a finire. è anche un libro sulla dipendenza dei lettori dalla parola 'fine' e foster wallace è il più sconcertante, enciclopedico e necessario scrittore 'delle dipendenze' che io mai abbia letto.

  • User Icon

    vulmaro

    06/01/2005 16.05.29

    proprio leggendo l'elzeviro di gillo dorfles, 'l'apparenza non inganna', sul corriere della sera di oggi, ho ricordato con estrema precisione il racconto 'caro vecchio neon' di david foster wallace. di certo un articolo non è paragonabile ad un racconto, tuttavia il divario fra i due autori è a dir poco evidente e sconcertante, anche se entrambi - il primo come in un triplo salto mortale non riuscito - si pongono spericolate domande sul come l'individuo (?), meglio il singolo, si rapporti e interagisca con la comunità, e con l'apparire a sé e agli altri. lo scrittore americano, che già 'conoscevo' avendo letto i suoi due romanzi, riesce a sviscerare e a sezionare ogni piega dell'animo e dell'agire umano, con una facilità, semplicità - e quindi crudezza -, e soprattutto chiarezza, davvero sorprendenti. capacità mirabile - a così tanti secoli di distanza da montaigne, o anni (luce mi verrebbe da dire) da beckett - in un panorama letterario come quello contemporaneo, piuttosto ricco ad esser scioccamente oggettivi, ma che dall'alto della levatura di wallace sembra arido e, perché no, piuttosto desolato. in questi otto racconti - sette togliendo quello certamente meno riuscito ('incarnazioni di bambini bruciati') - c'è tutta la normalità dell'uomo; messo a nudo e lasciato in balia di forze ingovernabili: la carriera, la pubblicità, il denaro, la felicità. nessun intento o insegnamento morale però. il lettore rimarrà incantato dal disincanto e si scoprirà muto, proprio quando deciderà di fare a meno di cercare di dare un senso, spesso morale, alle 'cose'.

Vedi tutte le 12 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione